Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 26623 del 18/10/2019

Cassazione civile sez. I, 18/10/2019, (ud. 25/09/2019, dep. 18/10/2019), n.26623

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DI VIRGILIO Rosa Maria – Presidente –

Dott. PARISE Clotilde – Consigliere –

Dott. FEDERICO Guido – rel. Consigliere –

Dott. MERCOLINO Guido – Consigliere –

Dott. PAZZI Alberto – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso 13131/2018 proposto da:

D.I. rappresentato e difeso dall’avv. Roberto Giammaria

del foro di Isernia, elettivamente domiciliato presso l’avv. Maria

Grazia Picciano, con studio in Roma, via Ippolito Nievo, n. 61;

– ricorrente –

contro

MINISTERO DELL’INTERNO, rappresentato e difeso dall’Avvocatura dello

Stato, domiciliato presso i suoi Uffici, in Roma, via dei Portoghesi

n. 12;

– controricorrente –

avverso il decreto n. 546/2018 del Tribunale di Campobasso,

depositata il 20/3/2018;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

25/09/2019 dal Consigliere Dott. GUIDO FEDERICO.

Fatto

IN FATTO E DIRITTO

Ritenuta la necessità di attendere l’esito della decisione delle Sezioni Unite sull’interpretazione del D.Lgs. n. 286 del 1998, art. 5, comma 6, su contenuto ed ambito di applicazione della c.d. protezione umanitaria, oggetto dell’ultimo motivo di ricorso del ricorrente.

P.Q.M.

La Corte rinvia la causa a nuovo ruolo.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sezione Prima Civile, il 25 settembre 2019.

Depositato in Cancelleria il 18 ottobre 2019

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA