Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 26587 del 22/10/2018

Cassazione civile sez. VI, 22/10/2018, (ud. 26/09/2018, dep. 22/10/2018), n.26587

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE T

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. IACOBELLIS Marcello – Presidente –

Dott. MOCCI Mauro – Consigliere –

Dott. CONTI Roberto Giovanni – Consigliere –

Dott. LA TORRE Maria Enza – rel. Consigliere –

Dott. CRICENTI Giuseppe – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 10822/2017 proposto da:

AGENZIA DELLE ENTRATE, (OMISSIS), in persona del Direttore pro

tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12,

presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che la rappresenta e

difende ope legis;

– ricorrente –

contro

N.L., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA GIUSEPPE

GALATI 98, presso lo studio dell’avvocato CLAUDIO ROMANO,

rappresentato e difeso dagli avvocati GERARDO MARIANO ROCCO DI

TORREPADULA, PIETRO ROCCO DI TORREPADULA, ENRICO ROMANO;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 9452/3/2016 della COMMISSIONE TRIBUTARIA

REGIONALE di NAPOLI, depositata il 26/10/2016;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 26/09/2018 dal Consigliere Dott. MARIA ENZA LA

TORRE.

Fatto

RITENUTO

che:

L’Agenzia delle entrate ricorre per la cassazione della sentenza della C.T.R. della Campania, indicata in epigrafe, che in controversia su impugnazione del diniego di rimborso dell’Irpef per l’anno 2009, proposta da N.L., a seguito di cessazione del rapporto di lavoro (in data 30 luglio 2009), ha rigettato l’appello dell’Ufficio. L’istanza di rimborso delle maggiori somme pagate a titolo di incentivo all’esodo anticipato a titolo di Irpef (D.P.R. n. 917 del 1986, ex art. 19,comma 4 bis), era stata prodotta in data 28 giugno 2010, risultando il contribuente esodato successivamente alla data di entrata in vigore della L. n. 248 del 2006, che ha abrogato la indicata disposizione.

Il contribuente resiste con controricorso.

Diritto

CONSIDERATO

che:

con l’unico motivo del ricorso l’Agenzia deduce violazione di legge sul riparto dell’onere della prova in tema di incentivo all’esodo, in relazione alla necessità della verifica della data dell’istanza di adesione al piano di esodo anteriormente al luglio 2006, D.L. n. 223 del 2016, ex art. 36, comma 23.

La censura è fondata nei seguenti termini.

La L. 4 agosto 2006, n. 248, nel convertire il D.L. n. 223 del 2006, mantenne l’applicazione dell’abrogato art. 19 TUIR, comma 4 bis, “alle somme corrisposte in relazione a rapporti di lavoro cessati prima della data di entrata in vigore del presente decreto nonchè con riferimento alle somme corrisposte in relazione a rapporti di lavoro cessati in attuazione di atti o di accordi, aventi data certa, anteriori alla data di entrata in vigore del presente decreto”. Dallo stesso tenore letterale della norma è agevole rilevare che la disciplina previgente più favorevole continua a trovare applicazione, in due distinti casi: a) con riferimento alle somme corrisposte in relazione a rapporti di lavoro cessati entro il tre luglio 2006 (ovvero prima dell’entrata in vigore del decreto legge); b) con riferimento alle somme corrisposte in relazione a rapporti di lavoro cessati, logicamente dopo la suddetta data di entrata in vigore, in attuazione di atti o di accordi, aventi data certa, anteriori alla data del quattro luglio (Cass. n. 25953 del 23/12/2015; 19626/14).

Nel caso in esame, dunque, l’agevolazione ha come requisito la verifica che l’accordo o l’atto siano stati posti in essere entro il termine di entrata in vigore del D.L. (4 luglio 2006): la CTR ha invece erroneamente ritenuto idoneo il “comunicato al personale del 22.12.2005” – che rimanda a un piano di esodo per il periodo 2006/2011, riportato in ossequio al principio di autosufficienza del ricorso per cassazione – rispetto al quale i lavoratori dovevano esprimere la propria adesione entro il termine ivi indicato. Tali elementi non sono stati valutati dalla CTR, che ha ritenuto valido il comunicato aziendale senza verificare la tempestività dell’adesione del contribuente, sul quale grava l’onere della prova, trattandosi di domanda di rimborso.

La sentenza va conseguentemente cassata con rinvio alla CTR della Campania che dovrà attenersi al superiore principio.

P.Q.M.

Accoglie il ricorso, cassa la sentenza impugnata e rinvia, anche per le spese, alla CTR della Campania, in diversa composizione.

Così deciso in Roma, il 26 settembre 2018.

Depositato in Cancelleria il 22 ottobre 2018

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA