Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 2657 del 02/02/2018


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Civile Ord. Sez. 6 Num. 2657 Anno 2018
Presidente: DOGLIOTTI MASSIMO
Relatore: DI VIRGILIO ROSA MARIA

ORDINANZA
sul ricorso 8452-2016 proposto da:
COMUNE di VICO EQUENSE, in persona del Sindaco pro
tempore, elettivamente domiciliato in ROMA, VIA TOMMASO
D’AQUINO 116, presso lo studio dell’avvocato CARLO MILARDI,
rappresentato e difeso dall’avvocato ALFREDO SGUANCI;
– ricorrente contro
CELENTANO PIETRO GIUSEPPE, ANGELO RICCIARDI, quale
unico erede della sig.ra Maria Luigia Celentano, elettivamente
domiciliati in ROMA, VIA LUDOVISI 35, presso lo studio
dell’avvocato MASSIMO LAURO, rappresentati e difesi dall’avvocato
PASQUALE LAMBIASE;
– controricorrente –

C_ U

C

Data pubblicazione: 02/02/2018

avverso la sentenza n. 359/2016 della CORTE D’APPELLO di
NAPOLI, depositata il 29/01/2016;
udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non
partecipata del 24/10/2017 dal Consigliere Dott. ROSA MARIA DI

VIRGILIO.

\

Ric. 2016 n. 08452 sez. M1 – ud. 24-10-2017
-2-

R.G.n.8452/2016
Ordinanza
Premesso che:
che il Comune di Vico Equense ha proposto ricorso per cassazione avverso la
sentenza della Corte d’appello di Napoli depositata il 29/1/2016;
che Pietro Celentano ed Angelo Ricciardi, unico erede di Maria Luigia
Celentano, hanno depositato controricorso;

che il difensore del ricorrente Comune ha depositato atto di rinuncia al ricorso,
con contestuale dichiarazione di accettazione dei controricorrenti;
che pertanto non si dà pronuncia sulle spese, vista l’adesione dei
controricorrenti;
che la declaratoria di estinzione del giudizio esclude l’applicabilità dell’art. 13,
comma 1 quater, del d.P.R. n. 115 del 2002 (vedi ordinanza 19560/2015);
visti gli artt. 390 e 391 c.p.c.,
P.Q. M.
dichiara l’estinzione del giudizio.
Così deciso in Roma, in data 24 ottobre 2017

Rilevato:

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA