Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 2655 del 02/02/2018


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Civile Ord. Sez. 6 Num. 2655 Anno 2018
Presidente: IACOBELLIS MARCELLO
Relatore: CONTI ROBERTO GIOVANNI

ORDINANZA
sul ricorso 16361-2016 proposto da:
AGENZIA DELLE ENTRATE (C.F. 06363391001), in persona del
Direttore pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DEI
PORTOGHESI 12, presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO
STATO, che la rappresenta e difende ope legis;
– ricorrente contro

CARULLI ROSARIA, SPONDELLI LUCIA, elettivamente
domiciliate in ROMA, VIA FEDERICO CESI 21, presso lo studio
dell’avvocato EDOARDO FERRAGINA, che le rappresenta e
difende;
– controricorrenti avverso la sentenza n. 1072/13/2016 della COMMISSIONE
TRIBUTARIA REGIONALE di BARI, depositata il 27/04/2016;

Data pubblicazione: 02/02/2018

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non
partecipata del 09/01/2018 dal Consigliere Relatore Dott. ROBERTO
GIOVANNI CONTI.
Fatti e ragioni della decisione

Rilevato che la C.T.R. Puglia, con la sentenza indicata in

entrate avverso la sentenza resa dalla CTP Bari che, in
accoglimento del ricorso proposto da Carulli Rosalia e Spondelli
Lucia, dichiarava legittima la richiesta di rimborso dalle stesse
proposta, osservando che il debito della società “Nido Rosa di
Spondelli Lucia & Carulli Rosalia S.N.C”, era sorto
successivamente alla sua estinzione e non era stato mai
opposto ai soci come previsto dal comma secondo dell’art.
2495 c.c.;
Considerato che l’Agenzia delle Entrate ha proposto ricorso
per cassazione, affidato a due motivi, al quale hanno resistito
le parti intimate con controricorso e memoria;
Considerato che questa Corte, con ordinanza interlocutoria
n.24800/2017, ha disposto il rinvio a nuovo ruolo per
consentire alla parte ricorrente di controdedurre sull’eccezione
di improcedibilità del ricorso formulata per la prima volta in
memoria dalle controricorrenti;
Considerato che il ricorso è improcedibile, risultando che a
fronte della notifica della sentenza di appello eseguita il 3
maggio 2016, della quale fa cenno lo stesso ricorso per
cassazione a pag.1, non risulta depositata in Cancelleria la
copia notificata della sentenza, ma unicamente la copia
autentica della stessa;
Considerato che tale omissione inficia la procedibilità del
ricorso, alla stregua dell’art.369 c.2 c.p.c., nemmeno
ricorrendo le ipotesi che le Sezioni Unite hanno contemplato
Ric. 2016 n. 16361 sez. MT – ud. 09-01-2018
-2-

epigrafe, ha rigettato l’appello proposto dall’Agenzia delle

per

ridurre

la

sanzione

dell’improcedibilità

cfr.Cass.S.U.n.10648/2017-;
Le spese seguono la soccombenza
PQM
Dichiara improcedibile il ricorso.

giudizio che liquida in favore delle controricorrenti in euro
2500,00 per compensi, oltre spese generali nella misura del 15
°h dei compen
Così deciso I 9.1.2018 in Roma.
Il President

Condanna la ricorrente al pagamento delle spese del

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA