Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 26433 del 20/11/2020

Cassazione civile sez. III, 20/11/2020, (ud. 14/10/2020, dep. 20/11/2020), n.26433

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. VIVALDI Roberta – Presidente –

Dott. DE STEFANO Franco – Consigliere –

Dott. ROSSETTI Marco – Consigliere –

Dott. VALLE Cristiano – rel. Consigliere –

Dott. TATANGELO Augusto – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso 18413/2017 proposto da:

Comune Procida, elettivamente domiciliato in Roma alla via Sebino n.

11, presso lo studio dell’avvocato Caianiello Salvatore, che lo

rappresenta e difende unitamente all’avvocato Corvino Umberto;

– ricorrente –

contro

F.A., elettivamente domiciliato in Roma alla via Pietro

Della Valle 4, presso lo studio dell’avvocato Tuccillo Mario, che lo

rappresenta e difende unitamente agli avvocati Gallo Renato, e Tundo

Antonio;

– controricorrente incidentale –

e contro

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e Ministero

dell’Economia e delle Finanze, Marina di Procida S.p.a.;

– intimati –

avverso la sentenza n. 00361/2017 della CORTE d’APPELLO di NAPOLI,

depositata il 27/01/2017;

udita la relazione della causa nella Camera di consiglio del

14/10/2020 del giudice incaricato Dott. Cristiano Valle.

Osserva quanto segue:

 

Fatto

FATTI DI CAUSA

E’ impugnata per cassazione, dal Comune di Procida, con atto affidato a tre motivi, la sentenza della Corte di Appello di Napoli n. 00361 del 27/01/2018.

Resiste con controricorso e ricorso incidentale F.A..

I Ministeri dell’Infrastrutture e dei Trasporti, il Ministero dell’Economia e delle Finanze e la Marina di Procida s.p.a. sono rimasti intimati.

Diritto

RAGIONI DELLA DECISIONE

Il Collegio, preliminarmente, rilevato che questa Corte ha dichiarato rilevante e non manifestamente infondata la questione di legittimità costituzionale del D.L. 21 giugno 2013, n. 69, artt. 62 e segg., convertito con modificazioni dalla L. 9 agosto 2013, n. 98 – nella parte in cui istituiscono i giudici ausiliari d’appello e prevedono l’assegnazione di tali giudici onorari all’esercizio di funzioni giurisdizionali in organi collegiali – per contrasto con l’art. 106 Cost., comma 2 (“La legge sull’ordinamento giudiziario può ammettere la nomina, anche elettiva, di magistrati onorari per tutte le funzioni attribuite a giudici singoli”) e art. 102 Cost. (Terza Sezione civile, ordinanze interlocutorie n. 32032 del 9 dicembre 2019, Pres. A. Amendola, est. S. Olivieri, e n. 32033 del 9 dicembre 2019, Pres. A. Amendola, est. C. Graziosi);

rilevato che la Corte di Appello di Napoli, nell’udienza in cui la causa è stata spedita a sentenza, risultava composta con l’ausilio di un giudice aggregato, il quale ha, altresì, redatto la motivazione della sentenza;

ritenuto, pertanto, opportuno che la causa sa rinviata a nuovo ruolo in attesa della risoluzione della prospettata questione di legittimità costituzionale.

P.Q.M.

rinvia la causa a nuovo ruolo.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Corte di Cassazione, Sezione Terza Civile, il 14 ottobre 2020.

Depositato in Cancelleria il 20 novembre 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA