Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 26433 del 07/12/2011

Cassazione civile sez. trib., 07/12/2011, (ud. 22/11/2011, dep. 07/12/2011), n.26433

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. PARMEGGIANI Carlo – Presidente –

Dott. IACOBELLIS Marcello – rel. Consigliere –

Dott. DI BLASI Antonino – Consigliere –

Dott. CIRILLO Ettore – Consigliere –

Dott. SAMBITO Maria Giovanna – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso proposto da:

B.A. e C., elett.te dom.to in Roma, al viale

Liegi 42 presso lo studio dell’avv. ALOISIO Roberto Giovanni, rapp.to

e difeso dall’avv. Alfieri Pica Gabriele, unitamente all’avv. Sarti

Andrea, giusta procura in atti;

– ricorrenti –

contro

Agenzia del Territorio, in persona del legale rapp.te pro tempore,

domiciliata in Roma, via dei Portoghesi n. 12, presso l’Avvocatura

Generale dello Stato che lo rappresenta e difende per legge;

– controricorrente –

per la cassazione della sentenza della Commissione Tributaria

Regionale della Toscana n. 43/2008/05, depositata il 23/6/2008;

Udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

giorno 22/11/2011 dal Consigliere Relatore Dott. Marcello Iacobellis;

Udite le richieste del P.M., in persona del Sostituto Procuratore

Generale, dott. CENICCOLA Raffaele.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

La controversia promossa da B.A. e C. contro l’Agenzia delle Entrate è stata definita con la decisione in epigrafe, recante il rigetto dell’appello proposto dalle contribuenti contro la sentenza della CTP di Prato n. 104/3/2007 che ne aveva respinto il ricorso avverso l’avviso di classamento n. (OMISSIS). Il ricorso proposto si articola in unico motivo. Resiste con controricorso l’Agenzia del Territorio. Il relatore ha depositato relazione ex art. 380 bis c.p.c. Il presidente ha fissato l’udienza del 22/11/2011 per l’adunanza della Corte in Camera di Consiglio. Il P.G. ha concluso aderendo alla relazione.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

Va preliminarmente riunito al presente ricorso quello recante il n. di RG. 20976/09 notificato dagli stessi ricorrenti ai sensi della L. n. 53 del 1994, art. 7. Nel merito, con unico motivo le ricorrenti assumono la insufficiente motivazione della decisione in ordine a un fatto controverso. La sentenza sarebbe priva di adeguata motivazione in ordine alle contestazioni sollevate da esse ricorrenti sia in primo grado che in appello.

La censura è fondata. La decisione impugnata, nella parte in cui afferma: si ritiene che la categoria catastale D/7 …sia stata attribuita sulla base della stessa esplicita richiesta della parte propritaria…le appellanti non hanno motivato con argomenti sostanziali la richiesta di variazione, evidenzia una obiettiva deficienza del criterio logico che ha condotto la CTR alla formazione del proprio convincimento, alla luce delle argomentazioni formulate dai ricorrenti con l’atto di appello con riferimento alla diversa categoria attribuita a unità immobiliari aventi le medesime caratteristiche tipologiche.

Consegue da quanto sopra la cassazione della sentenza impugnata in relazione al motivo accolto ed il rinvio, anche per le spese di questo grado, ad altra sezione della CTR della Toscana.

P.Q.M.

la Corte, riuniti i ricorsi, li accoglie, cassa la sentenza impugnata e rinvia, anche per le spese di questo grado, ad altra sezione della CTR della Toscana.

Così deciso in Roma, il 22 novembre 2011.

Depositato in Cancelleria il 7 dicembre 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA