Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 26429 del 26/11/2013


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Civile Ord. Sez. 2 Num. 26429 Anno 2013
Presidente: GOLDONI UMBERTO
Relatore: NUZZO LAURENZA

sul ricorso 31174-2007 proposto da:
GIMADA DI ZILLI FERRERA & C1SAS, IN PERSONA DEL SOCIO
ACC.RIO, P.I.04786470015, elettivamente domiciliata
in ROMA, VIA ROMEO ROMEI 19, presso lo studio
dell’avvocato RIITANO BRUNO, che la rappresenta e
difende unitamente agli avvocati CUTELLE’ GUIDO,
RIITANO ADOLFO, RIITANO GIANLUCA;
– ricorrente contro

DAMIANI

CESARE

DMNCSR39B15L2191,

elettivamente

domiciliato in ROMA, VIA BISSOLATI, 76, presso lo

Data pubblicazione: 26/11/2013

studio dell’avvocato TOMMASO SPINELLI GIORDANO, che
lo rappresenta e difende unitamente all’avvocato
SOAVE FLORIANO;
– controrlcorrente-

avverso la sentenza n.

1645/2006 della CORTE

udita la relazione della causa svolta nella pubblica
udienza del 08/10/2013 dal Consigliere Dott. LAURENZA
NUZZO;
udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore
Generale Dott. AURELIO GOLIA che ha concluso per
l’estinzione del procedimento per intervenuta
rinuncia.

P2

D’APPELLO di TORINO, depositata il 19/10/2006;

Ordinanza
Premesso che:
con sentenza depositata il 19.10.2006, la Corte di Appel-

Torino, sez. di Moncalieri, condannando la soc. Gimada
s.a.s. al pagamento, in favore della soc. C.L.D. di Damiani Cesare & C. s.a.s., della somma di € 67.159,74 ( a
titolo di risarcimento danni conseguenti ad infiltrazioni
d’acqua nei box),oltre accessori e rifusione delle spese
del doppio grado di giudizio e condannando,inoltre,
quest’ultima società al pagamento i in favore del Condominio Box di via 1° Maggio i sito in Nichelino, delle
spese dl giudizio di appello;
avverso tale sentenza la s.a.s. Gimada

di Zilli Ferrera

& C. ha proposto ricorso per cassazione formulando un
unico motivo di ricorso; ha resistito con controricorso
Damiani Cesare, già socio accomodatario e legale rappresentante della disciolta s.a.s. C.L.D. di Damiani Cesare & C.;
tanto premesso, rilevato: che la soc. ricorrente

e quel-

la resistente hanno dichiarato, rispettivamente, di rinunciare al ricorso e di accettare la rinuncia,4con atti depositati in cancelleria il 19.9.2013 essendo stato tra loroe concluso un accordo transattivo;
che, avendo la controricorrente aderito alla rinuncia,

1

lo di Torino, ha riformato la sentenza del Tribunale di

non va pronunciata, ex art. 391 c.p.c., condanna alle spese; che, ai sensi della norma stessa, va pronunciata ordinanza di estinzione del processo

La Corte dichiara estinto il giudizio di cassazione per
intervenuta rinuncia;nulla per le spese .
Così deciso in Roma in data 8.10.2013

P.Q.M.

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA