Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 26387 del 17/10/2019

Cassazione civile sez. VI, 17/10/2019, (ud. 14/05/2019, dep. 17/10/2019), n.26387

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SCALDAFFERRI Andrea – Presidente –

Dott. SAMBITO Maria Giovanna C. – Consigliere –

Dott. ACIERNO Maria – Consigliere –

Dott. MERCOLINO Guido – Consigliere –

Dott. DOLMETTA Aldo Angelo – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 14564-2018 proposto da:

O.E., elettivamente domiciliato in ROMA, PIAZZA CAVOUR

presso la CANCELLERIA DELLA CORTE DI CASSAZIONE, rappresentato e

difeso dall’avvocato CLAUDINE PACITTI;

– ricorrente –

contro

MINISTERO DELL’INTERNO (OMISSIS), in persona del Ministro pro

tempore, elettivamente domiciliato in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12,

presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo rappresenta e

difende, ope legis;

– controricorrente –

contro

PUBBLICO MINISTERO in persona del PROCURATORE GENERALE presso la

CORTE DI CASSAZIONE;

– intimato –

avverso la sentenza n. 264/2018 della CORTE D’APPELLO di BOLOGNA,

depositata il 29/01/2018;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 14/05/2019 dal Consigliere Relatore Dott. DOLMETTA

ALDO ANGELO.

Fatto

FATTI DI CAUSA

1.- Con ordinanza del 15 marzo 2016, il Tribunale di Bologna ha respinto il ricorso presentato da O.E., cittadino nigeriano, avverso il provvedimento emesso dalla Commissione territoriale di Bologna, che gli aveva negato la protezione internazionale come pure quella umanitaria.

O. ha presentato appello avanti alla Corte di Appello di Bologna. Che lo ha respinto, con sentenza depositata il 29 gennaio 2018.

2.- Avverso quest’ultima pronuncia O. propone ricorso per cassazione, affidato a un motivo.

Resiste, con controricorso, il Ministero degli Interni.

Diritto

RAGIONI DELLA DECISIONE

3.- Il ricorrente assume, in specie, “omesso esame circa un fatto decisivo per il giudizio che è stato oggetto di discussione tra le parti ai sensi dell’art. 360 c.p.c., n. 5.”.

La Corte di Appello – così spiega il ricorrente – “ha rilevato la contraddittorietà tra le dichiarazioni dell’appellante in sede di audizione, innanzi alla Commissione… e le dichiarazioni del ricorrente in sede di audizione, innanzi al Tribunale”: non ha considerato, però, che il ricorrente è “straniero e, non avendo 13 dovuta padronanza della lingua italiana, ha probabilmente usato termini diversi che hanno determinato una interpretazione diversa dei fatti riferiti”. “Tale incongruenza deve essere necessariamente ricondotta alla difficoltà linguistica del sig. O. e non certamente alla falsità del racconto dello stesso”.

4.- Il ricorso non merita di essere accolto.

In effetti, la decisione della Corte distrettuale si fonda in modo autonomo su ragioni che risultano estranee alla difficoltà del ricorrente di esprimersi nella lingua italiana.

Così, per il tema delle eventuali persecuzioni, la Corte distrettuale ha assegnato rilevanza decisiveL al documento (prodotto dallo stesso ricorrente) da cui emerge che il terreno, posto all’origine della contesa, era stato lasciato in eredità proprio a O. e non alla madre dello stesso.

Per il punto della protezione sussidiaria, poi, la sentenza ha esaminato la situazione politica e sociale della Nigeria sulla base di fonti attendibili e aggiornate, per concludere nel senso della non esistenza, nell’attuale, di conflitti armati.

Quanto alla protezione umanitaria, infine, il giudice ha rilevato che “non sono state, in ogni caso, allegate condizioni soggettive di vulnerabilità del soggetto”.

5.- Le spese seguono la regola della soccombenza e si liquidano in dispositivo.

PQM

La Corte dichiara inammissibile il ricorso. Condanna il ricorrente al pagamento delle spese del giudizio di legittimità, che liquida nella somma di Euro 2.100,00 (oltre a Euro 100,00 per esborsi), oltre spese forfettarie nella misura del 15% ed accessori di legge.

Dà atto, ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso, secondo quanto stabilito dalla norma dell’art. 13, comma 1 bis.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio della Sesta Sezione civile, il 14 maggio 2019.

Depositato in cancelleria il 17 ottobre 2019

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA