Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 26384 del 19/11/2020

Cassazione civile sez. VI, 19/11/2020, (ud. 14/10/2020, dep. 19/11/2020), n.26384

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. ACIERNO Maria – Presidente –

Dott. PARISE Clotilde – Consigliere –

Dott. LAMORGESE Antonio Pietro – rel. Consigliere –

Dott. CAIAZZO Rosario – Consigliere –

Dott. SCALIA Laura – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 18771-2019 proposto da:

O.E., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA TEOFILO

FOLUNGO, 49, presso lo studio dell’avvocato GIOVANNI MARIA FACILLA,

che lo rappresenta e difende;

– ricorrente –

contro

MINISTERO DELL’INTERNO.

– intimato –

avverso la sentenza n. 1519/2019 della CORTE D’APPELLO di MILANO,

depositata il 04/04/2019;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 14/10/2020 dal Consigliere Relatore Dott. LAMORGESE

ANTONIO PIETRO.

 

Fatto

RILEVATO

che O.E., cittadino della Nigeria, propone ricorso per cassazione avverso sentenza della Corte d’appello di Milano, indicata in epigrafe, che ha rigettato il gravame avverso l’impugnata ordinanza di rigetto, in data 30 maggio 2018, della sua domanda di riconoscimento della protezione internazionale e umanitaria.

Diritto

CONSIDERATO

che il primo motivo, in relazione alla mancata fissazione dell’udienza da parte del tribunale, in conseguenza della mancata videoregistrazione dell’audizione personale da parte della commissione territoriale, è inammissibile: si tratterebbe, in tesi, di violazione processuale riferibile al giudizio di primo grado non censurata in appello e, dunque, non più deducibile in sede di legittimità; resta fermo che il motivo è astrattamente formulato, e dunque privo della specificità richiesta per la formulazione anche delle censure concernenti gli errores in procedendo, non fornendo alcuna indicazione fattuale che consenta di ritenere pertinente il riferimento, nella fattispecie, alle disposizioni di cui al D.Lgs. n. 25 del 2008, art. 35 bis, commi 10 e 11, inserito nel D.Lgs. n. 25 del 2008 dal D.L. n. 13 del 2017, cono. con mod. dalla L. n. 46 del 2017, in relazione a quanto disposto dalla norma transitoria di cui all’art. 21, comma 1 che, richiamando l’art. 6, comma 1, lett. g), del medesimo decreto, prevedeva una vocatio di 180 giorni, con conseguente applicazione del nuovo modello processuale alle “cause e ai procedimenti giudiziari sorti dopo il centottantesimo giorno dall’entrata in vigore Iddio stesso decreto”, vale a dire dal 17 agosto 2017;

il ricorso contiene, inoltre, argomentazioni, in tema di diritto alla protezione internazionale e umanitaria, del tutto astratte e avulse dalla fattispecie, oltre che dalle statuizioni e motivazioni poste a base della sentenza impugnata, risolvendosi in un improprio tentativo di ottenere una complessiva rivisitazione di apprezzamenti di fatto incensurabilmente operati dai giudici di mento;

che non si deve provvedere sulle spese, non avendo il Ministero svolto difese.

P.Q.M.

La Corte dichiara il ricorso inammissibile.

Dà atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento, da parte del ricorrente, ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, nel testo introdotto dalla L. n. 228 del 2012, art. 1, comma 17, di un ulteriore importo a titolo di contributo unificato, in misura pari a quello, ove dovuto, per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis.

Così deciso in Roma, il 14 ottobre 2020.

Depositato in Cancelleria il 19 novembre 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA