Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 26353 del 19/11/2020

Cassazione civile sez. II, 19/11/2020, (ud. 03/03/2020, dep. 19/11/2020), n.26353

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SAN GIORGIO Maria Rosaria – Presidente –

Dott. BELLINI Ubaldo – Consigliere –

Dott. CASADONTE Annamaria – Consigliere –

Dott. FORTUNATO Giuseppe – Consigliere –

Dott. BESSO MARCHEIS Chiara – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 3325/2016 proposto da:

GRUPPO SIGEL ITALIA SPA, (GIA’ COMECO SRL) in persona del legale

rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliato in ROMA, VIA

CELIMONTANA 38, presso lo studio dell’avvocato PAOLO PANARITI,

rappresentato e difeso dagli avvocati ALESSANDRO FIORAVANTI, MICHELE

MANCINI;

– ricorrente –

contro

LUXOR S. SRL, in persona del legale rappresentante pro tempore,

S.G., SE.GU.;

– intimati –

avverso la sentenza n. 1961/2015 della CORTE D’APPELLO di FIRENZE,

depositata il 18/11/2015;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

03/03/2020 dal Consigliere Dott. CHIARA BESSO MARCHEIS.

 

Fatto

PREMESSO

Che:

1. La società Luxor s.n.c. di G.S. & C., proponeva opposizione al decreto n. 515/2003 con cui il Tribunale di Firenze, sezione distaccata di Empoli, le aveva ingiunto il pagamento della somma di Euro 47.538,87 in favore della Comeco s.r.l..

Il Tribunale, con sentenza n. 264/2008, revocava il decreto opposto e condannava la società opponente al pagamento del 50% della somma ingiunta.

2. Contro tale sentenza proponeva appello la Luxor s.n.c., lamentando l’accoglimento soltanto parziale della propria opposizione. La Comeco s.r.l. spiegava a sua volta appello incidentale in merito alla ritenuta esistenza di vizi sulla merce venduta, insistendo per la condanna dell’appellante al pagamento dell’intera somma.

La Corte d’appello di Firenze – con sentenza 18 novembre 2015, n. 1961 – in accoglimento dell’appello principale accertava e dichiarava che nulla era dovuto da Luxor s.n.c. a Comeco s.r.l., condannando quest’ultima alla restituzione della somma già ricevuta nonchè al pagamento in favore della società Luxor dell’ulteriore somma di Euro 110.164,09, a titolo di risarcimento del danno per il pregiudizio subito in seguito alla risoluzione di alcuni contratti con i propri clienti; rigettava l’appello incidentale.

3. Contro la sentenza ha proposto ricorso per cassazione Gruppo Sigel Italia s.p.a. (già Comeco s.r.l.).

Gli intimati Luxor S. s.r.l. (già Luxor s.n.c. di G.S. & C.), S.G. e Se.Gu. non hanno proposto difese.

Diritto

CONSIDERATO

Che:

La ricorrente, con atto datato 20 febbraio 2020, ha dichiarato di rinunciare al ricorso, essendo cessata la materia del contendere a seguito della conclusione tra le parti di un accordo transattivo che ha posto fine alla lite.

L’allegato sopravvenuto difetto di interesse della ricorrente a proseguire il giudizio, tenuto conto anche della mancata costituzione degli intimati, è idonea a determinare la declaratoria di cessazione della materia del contendere (cfr. al riguardo Cass. 19907/2018).

Non essendosi gli intimati difesi in giudizio, nulla viene disposto in punto spese.

P.Q.M.

La Corte dichiara la cessazione della materia del contendere.

Così deciso in Roma, nella adunanza camerale della Sezione Seconda Civile, il 3 marzo 2020.

Depositato in Cancelleria il 19 novembre 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA