Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 26334 del 25/11/2013


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Civile Ord. Sez. 6 Num. 26334 Anno 2013
Presidente: DI PALMA SALVATORE
Relatore: RAGONESI VITTORIO

ORDINANZA
t élTeRLOeUTOZIA
sul ricorso 23004-2012 proposto da:
CECCHI ALFREDO CCCLRD56P05I225T, elettivamente
domiciliato in ROMA, VIA G. ZANARDELLI 36, presso lo studio
dell’avvocato ROMEO GIUSEPPE GIULIO, rappresentato e difeso
dall’avvocato FIRRIOLO FRANCESCO giusta mandato in calce al
ricorso;

– ricorrente contro
CURATELA DEL FALLIMENTO DITTA CANTIERE NAVALE
DIANO SRL;

– intimata avverso il decreto N. 1049/12 del TRIBUNALE di CHIAVARI,
depositato il 21/09/2012;

Data pubblicazione: 25/11/2013

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del
15/10/2013 dal Consigliere Relatore Dott.

vrrromo RAGONESI;

udito l’Avvocato Romeo Giuseppe Giulio (delega avvocato Ferriolo
Francesco) difensore del ricorrente che ha chiesto raccoglimento del
ricorso o la discussione in P.U.;

concluso come da relazione.

Ric. 2012 n. 23004 sez. M1 – ud. 15-10-2013
-2-

è presente il P.G. in persona del Dott. CARMELO SGROI che ha

La Corte rilevato:
che sul ricorso n. 23004/12 proposto da Cecchi Alfredo nei
confronti del Fallimento Cantiere navale Diano srl il consigliere

in Camera di Consiglio ;
considerato:
che non ricorrono gli estremi per la trattazione ex art 375 cpc ;
che pertanto la causa va rimessa in pubblica udienza innanzi la
medesima 6 sezione ;
che occorre dare mandato alla cancelleria di richiedere il fascicolo
d’ufficio.
PQM
Rimette la causa in pubblica udienza innanzi la sesta sezione;
manda alla cancelleria per l’acquisizione del fascicolo d’ufficio
Roma 15.10.13

relatore ha depositato la relazione con cui proponeva la trattazione

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA