Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 2633 del 04/02/2010

Cassazione civile sez. un., 04/02/2010, (ud. 12/01/2010, dep. 04/02/2010), n.2633

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONI UNITE CIVILI

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. VITTORIA Paolo – Primo Presidente f.f. –

Dott. PAPA Enrico – Presidente di sezione –

Dott. MAZZIOTTI DI CELSO Lucio – rel. Consigliere –

Dott. GOLDONI Umberto – Consigliere –

Dott. SEGRETO Antonio – Consigliere –

Dott. FORTE Fabrizio – Consigliere –

Dott. MACIOCE Luigi – Consigliere –

Dott. BUCCIANTE Ettore – Consigliere –

Dott. LA TERZA Maura – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso 6082/2009 proposto da:

F.C.P. ((OMISSIS)), elettivamente

domiciliato in ROMA, CRESCENZIO 69, presso lo studio dell’avvocato

BIFFA MASSIMO, rappresentato e difeso dall’avvocato DIODA’ Nerio, per

procura in calce al ricorso;

– ricorrente –

contro

CONSIGLIO DELL’ORDINE DEGLI AVVOCATI DI MILANO, CONSIGLIO NAZIONALE

FORENSE, PROCURATORE GENERALE PRESSO LA CORTE D’APPELLO DI MILANO,

PROCURATORE DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO;

– intimati –

avverso la decisione n. 182/2008 del CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE,

depositata il 22/12/2008;

udita la relazione della causa svolta nella Pubblica udienza del

12/01/2010 dal Consigliere Dott. LUCIO MAZZIOTTI DI CELSO;

udito l’Avvocato Massimo BIFFA;

udito il P.M., in persona dell’Avvocato Generale Dott. IANNELLI

Domenico, che ha concluso per l’inammissibilità del ricorso.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

L’avvocato F.C.P. ha proposto ricorso per cassazione avverso la decisione in data 22 dicembre 2008 emessa dal Consiglio Nazionale Forense con la quale era stato rigettato il ricorso da lui proposto avverso la decisione del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Milano con la quale gli era stata irrogata la sanzione disciplinare dell’avvertimento.

Questa Corte all’udienza del 6/10/2009, rilevato che il ricorso non era stato notificato anche al Procuratore Generale presso la Corte di Cassazione, ha ordinato l’integrazione del contraddittorio nei confronti del litisconsorte necessario pretermesso assegnando al ricorrente il termine di giorni sessanta.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

Il ricorso è inammissibile, ai sensi dell’art. 331 cpv. c.p.c., per non avere il ricorrente provveduto all’integrazione del contraddittorio nei confronti del Procuratore Generale presso questa Corte nel termine perentorio di sessanta giorni dal 6/10/2009, ossia dalla data dell’udienza al termine della quale è stata pronunciata l’ordinanza con la quale è stata disposta l’integrazione del contraddittorio.

Non occorre provvedere sulle spese di questo giudizio di legittimità nel quale nessuna difesa è stata svolta dai soggetti intimati.

P.Q.M.

La Corte dichiara inammissibile il ricorso.

Così deciso in Roma, il 12 gennaio 2010.

Depositato in Cancelleria il 4 febbraio 2010

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA