Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 26301 del 20/12/2016


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 20/12/2016, (ud. 13/10/2016, dep.20/12/2016),  n. 26301

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE T

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SCHIRO’ Stefano – Presidente –

Dott. IOFRIDA Giulia – Consigliere –

Dott. CRUCITTI Roberta – rel. Consigliere –

Dott. CONTI Roberto Giovanni – Consigliere –

Dott. CRICENTI Giuseppe – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 11150/2012 proposto da:

M.M., (OMISSIS), elettivamente domiciliato in ROMA, VIA

LUIGI LUCIANI 1, presso lo studio dell’avvocato DANIELE MANCA BITTI,

che lo rappresenta e difende unitamente all’avvocato FRANCESCO

MOSER, giusta procura a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

AGENZIA DELLE ENTRATE, (OMISSIS), in persona del Direttore pro

tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12,

presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che la rappresenta e

difende ope legis;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 17/01/2011 della COMMISSIONE TRIBUTARIA DI II

GRADO di TRENTO del 20/12/2010, depositata il 21/03/2011;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

13/10/2016 dal Consigliere Relatore Dott. ROBERTA CRUCIITI.

Il Collegio ha autorizzato, come da decreto del Primo Presidente in

data 14 settembre 2016, la redazione della presente motivazione in

forma semplificata.

Fatto

RITENUTO IN FATTO

Nella controversia concernente l’impugnazione da parte di M.M., commercialista, del silenzio rifiuto opposto ad istanza di rimborso dell’IRAP negli anni dal 2003 al 2007, la Commissione Tributaria di secondo grado di Trento, con la sentenza indicata in epigrafe, rigettando l’appello proposto dal contribuente, confermava integralmente la decisione di primo grado, di rigetto del ricorso introduttivo, ribadendo che, nella specie, la situazione reddituale illustrata dall’Ufficio e pacifica in causa, nei vari anni che interessano, porta a ritenere che i beni strumentali impiegati eccedano quel minimo comunemente ritenuto indispensabile per l’esercizio dell’attività professionale, attesa la mole di costi, di spese e di quote di ammortamento contenute nelle dichiarazioni. A ciò si aggiunga come dato inconfutabile che il ricorrente fa parte di una società di professionisti, nella quale risulta essere il legale rappresentante, con quota del 40% e che lo stesso è anche socio e rappresentante legale della società MULTIPROGRAM s.r.l., avente la medesima sede della società di professionisti.

Avverso la sentenza il contribuente ha proposto ricorso su due motivi.

L’Agenzia delle Entrate resiste con controricorso.

A seguito di deposito di relazione ex art. 380 bis c.p.c., è stata fissata l’adunanza della Corte in camera di consiglio, con rituale comunicazione alle parti.

Diritto

CONSIDERATO IN DIRITTO

1. Le due censure, afferenti specificamente a violazione di legge il primo motivo, ed omessa o insufficiente motivazione ai sensi dell’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 5 (nel testo applicabile ratione temporis), il secondo, sono fondate.

2. Questa Corte ha affermato che l’IRAP coinvolge una capacità produttiva “impersonale ed aggiuntiva” rispetto a quella propria del professionista (determinata dalla sua cultura e preparazione professionale) e colpisce un reddito che contenga una parte aggiuntiva di profitto, derivante da una struttura organizzativa “esterna”, cioè da “un complesso di fattori che, per numero, importanza e valore economico, siano suscettibili di creare un valore aggiunto rispetto alla mera attività intellettuale supportata dagli strumenti indispensabili e di corredo al know-how del professionista (lavoro dei collaboratori e dipendenti, dal numero e grado di sofisticazione dei supporti tecnici e logistici, dalle prestazioni di terzi, da forme di finanziamento diretto ed indiretto etc.).”, cosicchè è “il surplus di attività agevolata dalla struttura organizzativa che coadiuva ed integra il professionista … ad essere interessato dall’imposizione che colpisce l’incremento potenziale, o quid pluris, realizzabile rispetto alla produttività auto organizzata del solo lavoro personale” (Cass. n. 15754/2008). Si è, inoltre, rilevato che, in assenza di esborsi per personale dipendente, l’esistenza di spese non ingenti non è idonea a determinare l’esistenza di una struttura organizzata che possa cagionare un significativo maggior reddito del contribuente (cfr. Cass. n. 832/2013).

Tali principi sono stati ribaditi e, per taluni versi, puntualizzati, di recente, dalle Sezioni Unite di questa Corte le quali con la sentenza n. 9451/16, hanno statuito, con riguardo al presupposto dell’IRAP, il seguente principio di diritto: il requisito dell’autonoma organizzazione – previsto dal D.Lgs. 15 settembre 1997, n. 446, art. 2, il cui accertamento è rimesso al giudice di merito ed è insindacabile in sede di legittimità se congruamente motivato, ricorre quando il contribuente: a) sia, sotto qualsiasi forma, il responsabile dell’organizzazione e non sia, quindi, inserito in strutture organizzative riferibili ad altrui responsabilità ed interesse; b) impieghi beni strumentali eccedenti, secondo l’id plerumque acidit, il minimo indispensabile per l’esercizio dell’attività in assenza di organizzazione, oppure si avvalga in modo non occasionale di lavoro altrui che superi la soglia dell’impiego di un collaboratore che esplichi mansioni di segreteria ovvero meramente esecutive.

3. La sentenza impugnata – la quale ha dato rilievo ai fini della sussistenza del presupposto impositivo alle mere indicazioni quantitative dei costi ed all’essere il contribuente associato in uno studio professionale e socio di una società di capitali, omettendo di esaminare e valutare i fatti (decisivi nell’accezione di cui dell’art. 360 c.p.c., n. 5) offerti dal contribuente (riproposti in ricorso, quali, tra gli altri il tipo specifico di attività svolta e la qualità dei beni strumentali utilizzati)- , si è anche discostata da tali principi.

4. Ne consegue, in accoglimento del ricorso, la cassazione della sentenza impugnata ed il rinvio al Giudice di merito affiche proceda al riesame della vicenda processuale, adeguandosi ai superiori principi, ed al regolamento delle spese di lite.

PQM

La Corte, in accoglimento del ricorso, cassa la sentenza impugnata e rinvia, anche per le spese, alla Commissione Tributaria di 2^ grado di Trento, in diversa composizione.

Così deciso in Roma, il 13 ottobre 2016.

Depositato in Cancelleria il 20 dicembre 2016

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA