Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 263 del 12/01/2010

Cassazione civile sez. trib., 12/01/2010, (ud. 04/12/2009, dep. 12/01/2010), n.263

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MIANI CANEVARI Fabrizio – Presidente –

Dott. MERONE Antonio – Consigliere –

Dott. MARIGLIANO Eugenia – Consigliere –

Dott. DI IASI Camilla – Consigliere –

Dott. BERTUZZI Mario – rel. est. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso proposto da:

P.R., residente in (OMISSIS), rappresentato e

difeso per procura in calce al ricorso dagli Avvocati Bernasconi

Patrizia e Maurizio Bemasconi, elettivamente domiciliato presso lo

studio dell’Avvocato Gobbi Goffredo, in Roma, via Maria Cristina n.

8;

– ricorrente –

contro

Ministero delle Finanze, in persona del Ministro pro tempore,

rappresentato e difeso dall’Avvocatura Generale dello Stato, presso

cui domicilia in Roma, via dei Portoghesi n. 12;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 3/37/00 della Commissione tributaria regionale

della Toscana, depositata il 9.3.2000;

udita la relazione della causa svolta nella Udienza pubblica del 4

dicembre 2009 dal consigliere relatore Dott. BERTUZZI Mario;

Viste le conclusioni del P.M., in persona del Sostituto Procuratore

Generale dott. FUZIO Riccardo, che ha chiesto la dichiarazione di

estinzione del giudizio per intervenuto condono.

Fatto

FATTO E DIRITTO

Con atto notificato il 17.4.2001, P.R. ha proposto ricorso per la cassazione della sentenza della Commissione tributaria regionale della Toscana Piemonte n. 3/37/00 depositata il 9.3.2000, che, in parziale riforma della pronuncia di primo grado, aveva respinto il suo ricorso per l’annullamento dell’avviso di accertamento che aveva rettificato il suo reddito da partecipazione dalla societa’ Mar Mobili relativo all’anno 1986.

Il Ministero delle Finanze si e’ costituito con controricorso.

In data 8.9.2009 l’Avvocatura dello Stato ha depositato istanza di estinzione del giudizio ai sensi della L. n. 289 del 2002, art. 16, comma 8, rappresentando di avere avuto comunicazione dall’Agenzia delle Entrate di Pontedera che il contribuente ha presentato istanza di definizione della controversia ai sensi della legge citata ed ha provveduto a versare le somme dovute.

Sulla scorta di tale dichiarazione, visto la L. n. 289 del 2002, art. 16, il Collegio dichiara l’estinzione del giudizio.

Le ragioni del provvedimento integrano giusti motivi di compensazione delle spese di lite.

P.Q.M.

Dichiara estinto il giudizio e compensa le spese.

Cosi’ deciso in Roma, il 4 dicembre 2009.

Depositato in Cancelleria il 12 gennaio 2010

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA