Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 26250 del 16/10/2019

Cassazione civile sez. VI, 16/10/2019, (ud. 12/04/2019, dep. 16/10/2019), n.26250

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 2

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. D’ASCOLA Pasquale – Presidente –

Dott. ORICCHIO Antonio – rel. Consigliere –

Dott. CORRENTI Vincenzo – Consigliere –

Dott. CARRATO Aldo – Consigliere –

Dott. FORTUNATO Giuseppe – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso per conflitto di competenza, iscritto al n. 4025/2019

R.G., sollevato dal Tribunale di Roma con ordinanza del 09/01/2019

nel procedimento vertente tra:

R.M., da una parte;

e

EQUITALIA SUD SPA, dall’altra;

ed iscritto al n. 48884/2016 R.G. di quell’Ufficio;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 12/04/2019 dal Consigliere Relatore Dott. ORICCHIO

ANTONIO;

lette le conclusioni scritte del Pubblico Ministero, in persona del

Sostituto Procuratore Generale Dott. BASILE TOMMASO, che chiede

dichiararsi la competenza del Giudice di Pace di Roma.

Fatto

RILEVATO

che:

è stata proposta richiesta di regolamento di competenza dal Tribunale di Roma, che – con ordinanza del 9 gennaio 2019 ai sensi degli artt. 45,47 e 58 c.p.c. – ha ritenuto sussistente la competenza per materia del Giudice di Pace nel giudizio (causa n. 48884/2016) di opposizione a sanzioni amministrative introdotto dall’opponente R.M. nei confronti dell’opposta Agenzia delle Entrate.

Diritto

CONSIDERATO

che:

1.- Deve, per una migliore comprensione della fattispecie in giudizio, riepilogarsi, in breve e tenuto conto del tipo di decisione da adottare, quanto segue.

L’opponente R. svolgeva innanzi al Giudice di Pace di Roma l’opposizione per cui è giudizio fondandola su più motivi (mancata notifica o inesistenza e/o nullità di notifiche presupposte ed intervenuta prescrizione dei titoli azionati con esecuzione esattoriale).

L’adito Giudice di prime cure dichiarava la propria incompetenza a decidere e rimetteva le parti innanzi al Tribunale di Roma.

Quest’ultimo, con la citata ordinanza, rilevava che “l’opposizione ha ad oggetto crediti relativi a sanzioni ammnistrative per violazioni del codice della strada” e, quindi, richiedeva il regolamento di competenza.

2.- L’ordinanza del Tribunale capitolino è, solo in parte, fondata al pari della richiesta – di cui in epigrafe- formulata dal P.G., che, per quanto di seguito si chiarirà, possono essere condivise solo parzialmente.

L’assunto di cui al provvedimento con cui è stato richiesto il regolamento di competenza è basata sulla convinzione che la svolta opposizione era relativa esclusivamente a sanzioni per violazioni del codice della strada, comportanti – come testualmente rammentato nell’ordinanza – “la competenza di natura funzionale del Giudice di Pace…senza limite di valore, poichè l’assegnazione alla competenza per materia deriva dalla natura del rapporto giuridico dedotto in giudizio”: esatto, in punto di diritto, l’assunto del Tribunale di Roma (che richiama all’uopo Cass. n. ri 6463/2011, 13551/2011, 3283/2015 e 23564/2016) risulta tuttavia errato parzialmente quanto all’affermazione che con la proposta opposizione si controverteva unicamente in tema di “opposizione a sanzioni amministrative”.

In effetti ed all’inverso la stessa opposizione a cartella esattoriale per plurimi titoli era relativa anche a sanzioni diverse da quelle previste dal codice della strada.

Deve, in proposito, rammentarsi ed evidenziarsi che – fin dalla comparsa di costituzione e risposta innanzi al Giudice di Pace (v.: p 4) Equitalia aveva dedotto che le due cartelle di seguito specificamente indicate erano relative a tributi “inerenti Consiglio nazionale forense” e Contributo unificato”, indicando – per esse – la sussistente competenza della Commissione Tributaria Provinciale.

Con la opposizione per cui è causa si controverteva, quindi, anche in relazione a titoli di esecuzione esattoriale non relativi a verbali per sanzioni previste dal Codice della Strada, ma anche aventi differente provenienza e diversa natura di indiscutibile carattere tributario.

Tanto risulta in questa sede dal compiuto esame dei titoli azionati esattorialmente e non può che essere rilevato in questa sede. Tanto pure al ragionevole fine di evitare l’errato consolidamento della giurisdizione limitatamente alle dette opposizioni in dispositivo specificamente indicate.

3.- In conclusione deve dichiararsi la competenza del Giudice di Pace fatta eccezione relativamente all’opposizione alle cennate cartelle aventi natura tributaria ed in ordine alle quali sole – come da dispositivo- non potrà che debitamente dichiararsi la carenza di giurisdizione dell’A.G.O. in favore della competente Commissione Tributaria Provinciale.

PQM

La Corte:

dichiara la competenza del Giudice di Pace di Roma in ordine alla opposizione relativa a titoli derivanti da sanzioni amministrative per violazioni a al Codice della Strada, dichiarando la parziale carenza di giurisdizione del Giudice ordinario relativamente all’opposizione avvero le cartelle n.ri (OMISSIS) e (OMISSIS) inerenti tributi (rispettivamente per C.N.F. e C.U.), per le quali sussiste la giurisdizione della Commissione Tributaria Provinciale, disponendo la riassunzione del giudizio a termini di legge.

Così deciso in Roma, nella Camera di Consiglio della Sesta Sezione Civile – 2 della Corte Suprema di Cassazione, il 12 aprile 2019.

Depositato in Cancelleria il 16 ottobre 2019

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA