Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 26190 del 16/10/2019

Cassazione civile sez. VI, 16/10/2019, (ud. 07/05/2019, dep. 16/10/2019), n.26190

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE L

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DORONZO Adriana – Presidente –

Dott. LEONE Margherita Maria – Consigliere –

Dott. ESPOSITO Lucia – Consigliere –

Dott. RIVERSO Roberto – rel. Consigliere –

Dott. SPENA Francesca – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 19003-2017 proposto da:

INAIL – ISTITUTO NAZIONALE PER L’ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI

SUL LAVORO, (OMISSIS), in persona del Direttore pro tempore,

elettivamente domiciliato in ROMA, VIA IV NOVEMBRE 144, presso la

sede dell’AVVOCATURA dell’Istituto medesimo, rappresentato e difeso

dagli avvocati LETIZIA CRIPPA, LUCIANA ROMEO;

– ricorrente –

contro

M.M., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA QUINTINO SELLA

41, presso lo studio dell’avvocato MARGHERITA VALENTINI,

rappresentato e difeso dall’avvocato MASSIMILIANO DEL VECCHIO;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 67/2017 della CORTE D’APPELLO di LECCE SEZIONE

DISTACCATA di TARANTO, depositata il 27/02/2017;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 07/05/2019 dal Consigliere Relatore Dott. ROBERTO

RIVERSO.

Fatto

CONSIDERATO

CHE:

la Corte d’appello di Lecce sezione distaccata di Taranto con sentenza n. 67/2017, accogliendo l’appello proposto da M.M. ha riconosciuto che l’aggravamento accertato con TAC del torace del 2007 del carcinoide bronchiale, già evidenziato all’esito del controllo radiologico di routine eseguito presso l’Ilva spa nel novembre 2002, era dipeso dal “ritardo nella diagnosi” ed aveva prodotto a carico dell’appellante un danno biologico pari al 6% condannando l’Inail alle prestazioni di legge, oltre accessori.

Contro la sentenza ha proposto ricorso per cassazione l’Inail con due motivi; ai quali ha resistito M.M. con controricorso. L’Inail ha depositato memoria.

Diritto

RILEVATO

CHE:

1.- col primo motivo il ricorso deduce violazione e falsa applicazione del D.P.R. 30 giugno 1965, n. 1124, art. 3, ex art. 360 c.p.c., n. 3, per avere la Corte d’appello accolto la domanda del lavoratore e riconosciuto il suo diritto al danno biologico nella misura del 6%, pur essendo stata riscontrata la natura di malattia comune dell’accertata neoplasia polmonare.

2.- Con il secondo motivo il ricorso denuncia la violazione dell’art. 132 c.p.c., comma 1 n. 4, nonchè dell’art. 111 Cost., (ai sensi dell’art. 360 c.p.c., n. 3), per avere la Corte d’appello accolto la domanda del lavoratore sulla base della considerazione espressa dal CTU nominato nel secondo grado secondo cui “il quadro accertato a mezzo TAC del torace nel 2007 rappresentasse aggravamento del processo patologico già emerso nel 2002, non approfondito con esami strumentali epperciò non trattato in maniera tempestiva e consona”.

3. Il Collegio reputa che i due motivi di ricorso, da esaminare unitariamente per la connessione delle censure, siano inammissibili.

4.- Ed invero, va rilevato, anzitutto, che la motivazione della sentenza impugnata esiste ed è idonea a rendere intellegibili le ragioni di fatto e di diritto della decisione, attraverso il richiamo del contenuto essenziale della ctu medico legale espletata in fase di gravame.

5.- Va inoltre considerato che – secondo quanto risulta dal controricorso l’appello proposto dal lavoratore avverso la sentenza di primo grado sollevava specificamente, tra l’altro, la questione dell’incidenza del ritardo nella diagnosi da parte del medico competente aziendale nel processo causale del danno riportato dal lavoratore in conseguenza della patologia sofferta; questione su cui, per contro, nulla dice il ricorso dell’INAIL.

6.- Le stesse censure sollevate nei motivi di ricorso non si confrontano, in realtà, con la ratio decidendi della pronuncia impugnata: la quale non ha condannato l’INAIL a pagare un indennizzo in relazione all’esistenza di una malattia comune, come in esse si suppone. Ma ha, bensì, accertato che la patologia tumorale, di origine comune, avesse subito un successivo aggravamento legato ad un fattore di carattere professionale; fattore che la Corte territoriale ha in effetti identificato, sulla scorta della ctu, nel ritardo della diagnosi da parte del medico aziendale e del correlato trattamento terapeutico.

7.- Ed è proprio sulla scorta di tale preliminare acccertamento che la Corte territoriale si è limitata a condannare l’INAIL, al pagamento del solo indennizzo relativo alla percentuale di danno biologico prodotto dall’aggravamento ritenuto di natura professionale, nella percentuale pure quantificata dal ctu.

8.- Su tutti questi punti essenziali della decisione il ricorso dell’INAIL risulta privo di specificità dal momento che nulla dice se rientri nella nozione di rischio tutelato TU n. 1124 del 1965, ex art. 3, alla stregua dell’evoluzione impressa al concetto dalla giurisprudenza di questa Corte (su cui, da ultimo, sent. n. 20774/2018 e ord. n. 5066/2018), anche l’aggravamento professionale che derivi da un ritardo della diagnosi da parte del medico aziendale e del correlato trattamento terapeutico, secondo la ratio decidendi accolta dal giudice d’appello.

9.- In definitiva, per le riportate ragioni, il ricorso deve essere dichiarato inammissibile. Le spese seguono la soccombenza come in dispositivo.

10.- Deve darsi atto che sussistono le condizioni richieste dal D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, per il raddoppio del contributo unificato a carico del ricorrente.

PQM

La Corte dichiara l’inammissibilità del ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese processuali liquidate in complessive 2.200 di cui Euro, 2.000 per compensi professionali, oltre al 15% per spese generali ed accessori di legge. Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1-quater, si dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento da parte del ricorrente dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso principale a norma dello stesso art. 13, comma 1-bis.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 3 luglio 2019.

Depositato in Cancelleria il 16 ottobre 2019

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA