Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 26186 del 19/12/2016


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. I, 19/12/2016, (ud. 28/10/2016, dep.19/12/2016),  n. 26186

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SALVAGO Salvatore – Presidente –

Dott. SAMBITO Maria Giovanna C. – Consigliere –

Dott. VALITUTTI Antonio – rel. Consigliere –

Dott. TERRUSI Francesco – Consigliere –

Dott. LAMORGESE Antonio Pietro – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 20700-2012 proposto da:

COMUNE DI SANTA PAOLINA (AV), in persona del Sindaco pro tempore,

elettivamente domiciliato in ROMA, VIA MORDINI 14, presso l’avvocato

GIOVANNI PETRILLO, rappresentato e difeso dall’avvocato FAUSTINO DE

PALMA, giusta procura a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

L.S., nella qualità di procuratrice di L.V.,

elettivamente domiciliata in ROMA, VIA ALESSANDRIA 164, presso

l’avvocato ANGELO MAIETTA, rappresentata e difesa dall’avvocato

GERARDO PERILLO, giusta procura in calce al controricorso;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 2543/2012 della CORTE D’APPELLO di NAPOLI,

depositata il 06/07/2012;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

28/10/2016 dal Consigliere Dott. ANTONIO VALITUTTI;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

IACOVIELLO Francesco Mauro, che ha concluso per l’estinzione per

rinuncia.

Fatto

FATTO E DIRITTO

rilevato che, con atto del 4 agosto 2016, sottoscritto dalla parte e dal difensore munito di procura speciale, il ricorrente Comune di Santa Paolina ha dichiarato di rinunciare al ricorso iscritto a ruolo al n. (OMISSIS) R.G., con il quale il medesima aveva proposto ricorso per cassazione avverso la sentenza della Corte di Appello di Napoli n. 2543/2012;

– che la resistente costituita, L.S. ha accettato la rinuncia, mediante visto apposto sull’atto di rinuncia dal difensore munito di procura speciale;

ritenuto che ricorrano, pertanto, i presupposti per la declaratoria di estinzione del processo, ai sensi degli artt. 390 e 391 c.p.c., senza alcuna statuizione sulle spese, ai sensi dell’art. 391 c.p.c., u.c..

PQM

La Corte Suprema di Cassazione;

dichiara estinto il processo.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio della Sezione Prima Civile, il 28 ottobre 2016.

Depositato in Cancelleria il 19 dicembre 2016

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA