Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 26018 del 05/12/2011

Cassazione civile sez. III, 05/12/2011, (ud. 09/11/2011, dep. 05/12/2011), n.26018

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. TRIFONE Francesco – Presidente –

Dott. PETTI Giovanni Battista – Consigliere –

Dott. FILADORO Camillo – Consigliere –

Dott. UCCELLA Fulvio – Consigliere –

Dott. SPAGNA MUSSO Bruno – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso 17706-2009 proposto da:

T.M. (OMISSIS), elettivamente domiciliato in

ROMA, VIA SABOTINO 2, presso lo studio dell’avvocato REVELLI

FRANCESCA LUISA, che lo rappresenta e difende giusta delega in atti;

– ricorrente –

contro

C.M., APPIA SPORT S.R.L. IN LIQUIDAZIONE;

– intimati –

avverso la sentenza n. 2553/2008 della CORTE D’APPELLO di ROMA,

depositata il 23/07/2008 R.G.N. 6831/2004;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

09/11/2011 dal Consigliere Dott. BRUNO SPAGNA MUSSO;

udito l’Avvocato FRANCESCA LUISA REVELLI;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

GAMBARDELLA Vincenzo che ha concluso con l’accoglimento dei 2 motivi

del ricorso.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con atto di citazione in data 8.1.1998 la società Appia Sport s.r.l.

in liquidazione conveniva in giudizio davanti al Pretore di Roma- sezione distaccata di Tivoli T.M., quale erede di T.E., per sentirla condannare alla restituzione di quanto realizzato (impianto elettrico, impianto di areazione, infissi in alluminio, controsoffitti, motore elettrico, insegna e antifurto) in un locale sito in (OMISSIS), concesso in locazione da T. E. alla società Appia Sport, o, in alternativa, per sentirla condannare al pagamento di un indennità pari al valore delle opere realizzate (indicato in L. 20.000.000, oltre interessi e rivalutazione).

A sostegno della domanda, la società deduceva di essersi riservata, all’atto della riconsegna dell’immobile, il diritto di asportare le opere in questione, qualora di esse non avesse voluto usufruire il nuovo conduttore e che tale diritto era stato riconosciuto dal locatore, che con lettera raccomandata aveva avvertito la società che il locale sarebbe stato concesso in locazione al titolare dell’associazione culturale “Ballo non solo”. In seguito aveva dichiarato detto titolare, C.M., di non volere usufruire di dette opere e che quindi non era stato possibile recuperarle. Si costituiva in giudizio la convenuta T. mentre non si costituiva il C..

Il Tribunale di Tivoli, disposto il mutamento di rito, con sentenza in data 7.4.2004, condannava la convenuta al pagamento in favore della società attrice della somma di Euro 12.911,42, oltre interessi, rigettando la domanda di manleva. A seguito dell’ appello della T., costituitasi la società convenuta e contumace il C., la Corte d’Appello di Roma, con la decisione in esame depositata in data 23.7.2008, rigettava l’impugnazione.

Ricorre per cassazione la T. con due motivi, e relativi quesiti, illustrati da memoria; non hanno svolto attività difensiva gli intimati.

La causa perviene all’odierna udienza a seguito di ordinanza interlocutoria della seconda sezione civile di questa Corte, depositata in data 20.5.2011.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

Con il primo motivo di ricorso si deduce violazione dell’art. 2495 c.c., comma 2; si sostiene che erroneamente la Corte di Roma ha ritenuto sussistente in capo al Ce., nella qualità di liquidatore della società Appia Sport, il potere rappresentativo di quest’ultima all’atto della instaurazione del giudizio di primo grado (24.12.1997), mentre la società a quella data era stata già cancellata dal registro delle imprese.

Con il secondo motivo si deduce violazione dell’ art. 1593 c.c. in quanto le opere in questione non erano affatto asportabili.

Il ricorso è infondato in relazione a entrambe le suesposte censure.

In relazione al primo motivo non può che ribadirsi quanto già statuito da questa Corte a Sezioni Unite (n. 4060/2010), secondo cui in tema di società di capitali, la cancellazione dal registro delle imprese determina l’immediata estinzione della società, indipendentemente dall’esaurimento dei rapporti giuridici ad essa facenti capo, soltanto nel caso in cui tale adempimento abbia avuto luogo in data successiva all’entrata in vigore del D.Lgs. 17 gennaio 2003, n. 6, art. 4 che, modificando l’art. 2495 c.c., comma 2, ha attribuito efficacia costitutiva alla cancellazione: a tale disposizione, infatti, non può attribuirsi natura interpretativa della disciplina previgente, in mancanza di un’espressa previsione di legge, con la conseguenza che, non avendo essa efficacia retroattiva e dovendo tutelarsi l’affidamento dei cittadini in ordine agli effetti della cancellazione in rapporto all’epoca in cui essa ha avuto luogo, per le società cancellate in epoca anteriore al 1 gennaio 2004 l’estinzione opera solo a partire dalla predetta data.

Pertanto non censurabile sul punto è l’impugnata decisione laddove ha statuito che non sussisteva la carenza di potere rappresentativo in capo al liquidatore della società al momento della instaurazione del giudizio di primo grado, conservando la società la sua piena capacità processuale (potendo agire o essere evocata in giudizio in persona del liquidatore, al quale spettava la rappresentanza della stessa), non essendo alla fattispecie in esame applicabile la modifica introdotta dal nuovo testo dell’art. 2495 c.c.. Infondato è anche il secondo motivo: deve premettersi che l'”asportabilita” o meno di quanto realizzato dalla società conduttrice non può che fondarsi su un giudizio di mero fatto su cui la Corte di merito ha ampiamente motivato affermando che “nella specie, l’appellante sostiene genericamente che le opere realizzate dal conduttore sarebbero tutte inamovibili, ma tale inamovibilità, oltre ad essere contraddetta dalla natura delle opere (impianto elettrico, impianto di areazione, infissi in alluminio, controsoffitto, motore elettrico, insegna), è negata dal contenuto del verbale di riconsegna in data 30.6.95, con il quale il locatore ha acconsentito alla restituzione delle opere nel caso queste non fossero state di gradimento del nuovo conduttore. Come ha esattamente ritenuto il Tribunale, nella fattispecie trova, quindi, applicazione la disciplina prevista dalla legge in tema di addizioni (art. 1593 c.c., comma 1) e non quella in tema di miglioramenti …”.

Ogni ulteriore valutazione sul punto è preclusa a questa Corte.

Il mancato svolgimento di attività difensiva da parte della società intimata comporta il non doversi provvedere in ordine alle spese della presente fase.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso.

Così deciso in Roma, il 9 novembre 2011.

Depositato in Cancelleria il 5 dicembre 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA