Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 26011 del 17/11/2020

Cassazione civile sez. VI, 17/11/2020, (ud. 23/09/2020, dep. 17/11/2020), n.26011

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE L

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DORONZO Adriana – Presidente –

Dott. LEONE Margherita Maria – Consigliere –

Dott. ESPOSITO Lucia – Consigliere –

Dott. PONTERIO Carla – rel. Consigliere –

Dott. MARCHESE Gabriella – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 4014-2019 proposto da:

A.L.E., elettivamente domiciliata in ROMA, PIAZZA

CAVOUR, presso la CORTE DI CASSAZIOE, rappresentata e difesa

dall’avvocato MARIO DELLA LUNA;

– ricorrente –

contro

FINEA SRL, in persona del legale rappresentante pro tempore,

elettivamente domiciliata in ROMA, PIAZZA CAVOUR, presso la CORTE DI

CASSAZIONE, rappresentata e difesa dall’avvocato CLAUDIO PASQUALE

BRANCATI;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 193/2018 del TRIBUNALE di POTENZA, depositata

il 15/11/2018;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 23/09/2020 dal Consigliere Relatore Dott. CARLA

PONTERIO.

 

Fatto

RILEVATO

che:

1. con sentenza n. 193 notificata il 20.11.2018 la Corte d’Appello di Potenza, in accoglimento dell’appello proposto FINEA s.r.l. e in riforma della pronuncia di primo grado, ha revocato il decreto ingiuntivo emesso su ricorso di A.L.E. e respinto la domanda di condanna della società al pagamento dell’indennità sostitutiva della reintegra di cui alla L. n. 300 del 1970, art. 18, comma 5;

2. la Corte territoriale ha premesso che con sentenza n. 54/2015 emessa in separato procedimento il Tribunale di Potenza aveva dichiarato l’illegittimità del licenziamento intimato alla A. il (OMISSIS) e condannato la società datoriale alla reintegra; che la sentenza era stata pronunciata il 27.1.2015 con lettura in udienza del dispositivo e della contestuale motivazione, ai sensi dell’art. 281 sexies c.p.c., comma 2; ha ritenuto che tale modalità realizzasse l’immediata pubblicazione della sentenza, tenendo luogo del deposito in cancelleria e della relativa comunicazione prevista dall’art. 430 c.p.c.;

3. ha affermato che, al fine di individuare il dies a quo del termine di decadenza per l’esercizio della facoltà di opzione per l’indennità sostitutiva della reintegra, dovesse applicarsi ratione temporis la L. n. 300 del 1970, art. 18, come modificato dalla L. n. 92 del 2012, secondo cui “la richiesta dell’indennità deve essere effettuata entro trenta giorni dalla comunicazione del deposito della sentenza o dell’invito del datore di lavoro a riprendere servizio, se anteriore alla predetta comunicazione”;

4. ha considerato tardiva l’opzione esercitata dalla lavoratrice per l’indennità sostitutiva della reintegra in data 17.4.2015, rispetto alla comunicazione della sentenza avvenuta il 27.1.2015;

5. avverso tale sentenza A.L.E. ha proposto ricorso per cassazione affidato a tre motivi, cui ha resistito con controricorso la FINEA s.r.l.;

6. la proposta del relatore è stata comunicata alla parte, unitamente al decreto di fissazione dell’udienza, ai sensi dell’art. 380 bis c.p.c..

Diritto

CONSIDERATO

che:

7. col primo motivo di ricorso A.L.E. ha dedotto omessa motivazione in ordine ai fatti costitutivi della domanda per violazione dell’art. 24 Cost., errata e falsa applicazione dell’art. 11 preleggi, in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, nn. 3 e 5;

8. ha affermato come la Corte di merito avesse omesso di esplicitare le ragioni a fondamento della ritenuta applicabilità, nella fattispecie oggetto di causa, dell’art. 18 St. Lav. nel testo modificato dalla L. n. 92 del 2012; ha dato atto di come il licenziamento fosse stato intimato il (OMISSIS); che il ricorso di impugnativa dello stesso era stato depositato il 27.9.2011 e la sentenza di primo grado emessa il 27.1.2015; che in data (OMISSIS) la lavoratrice aveva ricevuto comunicazione di reintegra da parte della società Esco Energy s.r.l., coobbligata solidale della FINEA s.r.l. e il (OMISSIS) aveva inviato rinuncia alla reintegra; in base alla sentenza del 27.1.15, la stessa aveva proposto in data 27.7.2016 ricorso per decreto ingiuntivo chiedendo la condanna della società datoriale al pagamento dell’indennità sostitutiva della reintegra; il decreto ingiuntivo era stato emesso il 5.8.2016; ha sostenuto l’inapplicabilità delle modifiche introdotte dalla L. n. 92 del 2012 ai licenziamenti, come quello in esame, intimato prima dell’entrata in vigore della citata L. (18 luglio 2012);

9. col secondo motivo di ricorso è denunciata violazione e falsa applicazione dell’art. 281 sexies c.p.c., comma 2, dell’art. 430 c.p.c. in relazione alla L. n. 300 del 1970, art. 18, comma 5, nonchè dell’art. 345 c.p.c., comma 1, in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, nn. 3 e 5;

10. si censura la statuizione di secondo grado nella parte in cui fa coincidere la conoscenza effettiva e completa della sentenza dichiarativa dell’illegittimità del licenziamento, e quindi il dies a quo del decorso del termine di decadenza per l’esercizio della facoltà di opzione per l’indennità sostitutiva, con la lettura in udienza (27.1.2015) del dispositivo e della contestuale motivazione; si sostiene che la lavoratrice ha avuto conoscenza effettiva e completa della condanna alla reintegra solo l’8.4.2015, per effetto della offerta di reintegra da parte della Esco Energy s.r.l., anche nell’interesse della FINEA s.r.l.; inoltre, che la società avrebbe solo in appello proposto nuove eccezioni sul decorso del termine di decadenza;

11. col terzo motivo di ricorso si censura la decisione d’appello per violazione e falsa applicazione dell’art. 92 c.p.c., comma 2, in relazione al D.M. n. 55 del 2014, in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, nn. 3 e 5;

12. si definisce ingiusta ed eccessivamente gravosa la condanna della lavoratrice alle spese del doppio grado merito, per complessivi Euro 15.686,00, in relazione sia al valore della causa e sia alla specifica difficoltà indotta dal succedersi di diverse discipline in materia di licenziamento;

13. i primi due motivi di ricorso, che si trattano unitariamente per ragioni di connessione logica, sono infondati;

14. va premesso che il licenziamento intimato alla A. nel 2010 ricade nella sfera di applicabilità dell’art. 18, St. lav., comma 5, nel testo anteriore alle modifiche apportate dalla L. n. 92 del 2012; nei giudizi aventi ad oggetto i licenziamenti, al fine di individuare la legge regolatrice del rapporto sul versante sanzionatorio, occorre fare riferimento alla fattispecie negoziale del licenziamento, sicchè la citata L. n. 92, art. 1, comma 42, si applica solo ai nuovi licenziamenti, ossia a quelli comunicati a partire dal 18 luglio 2012, data di entrata in vigore della nuova disciplina (cfr. Cass. n. 16265 del 2015);

15. tuttavia, ciò non ha rilevanza ai fini di causa in quanto sia il testo previgente dell’art. 18 St. lav., comma 5, e sia quello modificato dalla L. n. 92 del 2012 individuano il dies a quo del termine decadenziale di trenta giorni per l’esercizio della facoltà di opzione per l’indennità sostitutiva della reintegra in relazione alla “comunicazione del deposito della sentenza”;

16. nel caso di specie è pacifico che la sentenza dichiarativa dell’illegittimità del licenziamento e di condanna della società datoriale alla reintegra sia stata pronunciata dal tribunale di Potenza all’udienza del 27.1.2015 e che sia stata data lettura del dispositivo e della contestuale motivazione della sentenza;

17. questa Corte (Cass. n. 13617 del 2017) ha statuito che “In materia di controversie soggette al rito del lavoro, l’art. 429 c.p.c., comma 1, come modificato dal D.L. n. 112 del 2008, art. 53, comma 2, conv., con modif., dalla L. n. 133 del 2008 – applicabile “ratione temporis” – prevede che il giudice all’udienza di discussione decide la causa e procede alla lettura del dispositivo e delle ragioni in fatto e diritto della decisione, sicchè, in analogia con lo schema dell’art. 281-sexies c.p.c., il termine “lungo” per proporre l’impugnazione, ex art. 327 c.p.c., decorre dalla data della pronuncia, che equivale, unitamente alla sottoscrizione del relativo verbale da parte del giudice, alla pubblicazione prescritta nei casi ordinari dall’art. 133 c.p.c., con esonero, quindi, della cancelleria dalla comunicazione della sentenza; viceversa, nella residuale ipotesi di particolare complessità della controversia, in cui il giudice fissi un termine non superiore a sessanta giorni per il deposito della sentenza, ai sensi dell’art. 430 c.p.c., il termine decorrerà dalla comunicazione alle parti dell’avvenuto deposito da parte del cancelliere” (cfr. anche Cass. 14724 del 2018);

18. rappresenta un’eccezione alla regola suddetta il rito Fornero in cui il decorso del termine per la proposizione del reclamo è ancorato alla “comunicazione della sentenza o notificazione se anteriore”; si è chiarito (Cass. n. 19862 del 2018) che “Il termine breve di trenta giorni, previsto dalla L. n. 92 del 2012, art. 1, comma 58, per la proposizione del reclamo alla corte di appello avverso la sentenza del tribunale sulla impugnativa di licenziamento di cui all’art. 18 st. lav., decorre solo dalla comunicazione della sentenza o dalla notificazione della stessa se anteriore, senza che rilevi la lettura del provvedimento in esito all’udienza ai sensi dell’art. 429 c.p.c., attesa la specialità del rito rispetto alla disciplina ordinaria e la necessità di interpretare restrittivamente la norma in tema di decadenza dall’impugnazione, escludendosi pertanto la possibilità di individuare un momento di decorrenza della stessa diverso da quello indicato dalla legge”;

19. con specifico riferimento all’opzione per l’indennità sostitutiva della reintegra si è precisato che “In materia di licenziamento, ai fini del decorso del termine di decadenza per l’esercizio dell’opzione per l’indennità sostitutiva della reintegra, di cui all’art. 18 st. lav., comma 5, “ratione temporis” applicabile (nel testo anteriore alle modifiche apportate dalla L. n. 92 del 2012), assume rilevanza la conoscenza effettiva e completa da parte del lavoratore della sentenza dichiarativa dell’illegittimità del licenziamento, a prescindere dalla comunicazione di avvenuto deposito della stessa da parte della cancelleria, situazione che ricorre nell’ipotesi di lettura integrale in udienza della sentenza con motivazione contestuale” (Cass. sez. 6 n. 19489 del 2018; Cass. n. 203 del 2016);

20. La Corte di merito ha deciso in modo conforme ai citati precedenti di legittimità nel momento in cui ha dichiarato decaduta la lavoratrice dalla facoltà di opzione per l’indennità sostitutiva della reintegra esercitata il (OMISSIS), rispetto alla lettura in udienza del dispositivo e della contestuale motivazione avvenuta il 27.1.2015;

21. nessun rilievo può attribuirsi all’offerta di reintegra dell’8.4.2015 da parte di società coobbligata con la datrice di lavoro, in quanto successiva alla comunicazione del deposito della sentenza, a cui è equiparata la lettura del dispositivo e della motivazione contestuale;

22. il terzo motivo di ricorso è parimenti infondato;

23. costituisce orientamento costante quello secondo cui, in tema di condanna alle spese processuali, il principio della soccombenza va inteso nel senso che soltanto la parte interamente vittoriosa non può essere condannata, nemmeno per una minima quota, al pagamento delle spese stesse. Con riferimento al regolamento delle spese, il sindacato della Corte di cassazione è pertanto limitato ad accertare che non risulti violato il principio secondo il quale le spese non possono essere poste a carico della parte vittoriosa, con la conseguenza che esula da tale sindacato, e rientra nel potere discrezionale del giudice di merito, sia la valutazione dell’opportunità di compensare in tutto o in parte le spese di lite, tanto nell’ipotesi di soccombenza reciproca, quanto nell’ipotesi di concorso con altri giusti motivi, sia provvedere alla loro quantificazione, senza eccedere i limiti (minimi, ove previsti e) massimi fissati dalle tabelle vigenti (Cass. n. 19613 del 2017);

24. nel caso di specie ed in ragione della soccombenza della lavoratrice, la regolazione delle spese di lite adottata dalla Corte d’appello non integra la denunciata violazione dell’art. 92 c.p.c. e neanche dei limiti tariffari, risultando l’importo liquidato contenuto nei limiti minimo e massimo stabiliti nelle tariffe professionali; quanto al rilievo della ingiustizia della condanna alle spese della lavoratrice, deve rilevarsi come la sentenza della Corte Cost. n. 77 del 2018, invocata dalla stessa ricorrente, abbia dichiarato “non fondata la questione di legittimità costituzionale… mirante ad innestare nella disposizione censurata, come deroga alla regola secondo cui la parte soccombente è condannata alla rifusione delle spese di lite in favore della parte vittoriosa – oltre alle ipotesi nominativamente previste dalla disposizione stessa, come integrate dalla dichiarazione di illegittimità costituzionale nei termini di cui sopra al punto 16. – un’ulteriore deroga centrata sulla natura della lite, perchè controversia di lavoro, ed a favore solo del lavoratore che agisca in giudizio nei confronti del datore di lavoro”; la Corte Cost. ha fatto specificamente leva sul canone della par condicio processuale previsto dall’art. 111 Cost., comma 2, secondo cui “ogni processo si svolge (…) tra le parti, in condizioni di parità” e sul rilievo che “per altro verso la situazione di disparità in cui, in concreto, venga a trovarsi la parte “debole” ossia quella per la quale possa essere maggiormente gravoso il costo del processo, anche in termini di rischio di condanna al pagamento delle spese processuali, sì da costituire un’indiretta remora ad agire o resistere in giudizio trova un possibile riequilibrio, secondo il disposto dell’art. 24 Cost., comma 3, in “appositi istituti” diretti ad assicurare “ai non abbienti (…) i mezzi per agire e difendersi davanti ad ogni giurisdizione”;

25. per le considerazioni svolte il ricorso deve essere respinto;

26. le spese di lite sono regolate secondo il criterio di soccombenza, con liquidazione come in dispositivo;

27. si dà atto della sussistenza dei presupposti processuali di cui al D.P.R. 30 maggio 2002 n. 115, art. 13, comma 1 quater, introdotto dalla L. 24 dicembre 2012, n. 228, art. 1, comma 17.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso.

Condanna la ricorrente al pagamento delle spese del giudizio di legittimità che liquida in Euro 2.500,00 per compensi professionali, in Euro 200,00 per esborsi, oltre rimborso spese generali nella misura del 15 % ed accessori di legge.

Ai sensi del D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13, comma 1-quater, nel testo introdotto dalla L. 24 dicembre 2012, n. 228, art. 1, comma 17, dà atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento, da parte della ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato, pari a quello previsto per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, comma 1-bis, se dovuto.

Così deciso in Roma, nell’adunanza camerale, il 23 settembre 2020.

Depositato in Cancelleria il 17 novembre 2020

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA