Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 25995 del 05/12/2011

Cassazione civile sez. III, 05/12/2011, (ud. 18/10/2011, dep. 05/12/2011), n.25995

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. TRIFONE Francesco – Presidente –

Dott. UCCELLA Fulvio – rel. Consigliere –

Dott. AMENDOLA Adelaide – Consigliere –

Dott. ARMANO Uliana – Consigliere –

Dott. SCARANO Luigi Alessandro – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

V.M. (OMISSIS), elettivamente domiciliato in

ROMA, PIAZZA DEL POPOLO 3, presso lo studio dell’avvocato DE LUCA

GIOVANNI, che lo rappresenta e difende giusta delega in atti;

– ricorrente –

contro

C.P. (OMISSIS), elettivamente domiciliata in

ROMA, VIA CICERONE 28, presso lo studio dell’avvocato CARRETTA

ANTONIETTA, che la rappresenta e difende unitamente all’avvocato DE

SANTIS ANNA MARIA giusta delega in atti;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 152/2009 della CORTE D’APPELLO di ANCONA,

depositata il 15/05/2009, R.G.N. 965/2008;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

18/10/2011 dal Consigliere Dott. FULVIO UCCELLA;

udito l’Avvocato CORRADO SELVANETTI per delega;

udito l’Avvocato ANTONIETTA CARRETTA;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

FUCCI Costantino che ha concluso per il rigetto del ricorso.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Il Tribunale di Fermo il 13 giugno 2008 , nella controversia proposta da C.P. – erroneamente indicata nella parte narrativa della sentenza soggetta a ricorso come P. – con intimazione di sfratto e contestuale citazione per convalida per morosità nei confronti di V.M., in relazione a canoni di locazione non corrisposti dal febbraio 2007 al febbraio 2008 dichiarava la risoluzione del contratto di locazione intercorso tra le parti per inadempimento del V., che condannava al rilascio dell’immobile entro il 26 luglio 2008 e spese di lite.

Il Tribunale rigettava, invece, la riconvenzionale dispiegata dall’intimato di risarcimento danni asseritamente subiti per vizi e difetti dell’immobile da lui locato.

Su gravame del V. il 15 maggio 2009 la Corte di appello di Ancona ha confermato la sentenza di prime cure.

Avverso siffatta decisione propone ricorso per cassazione il V. affidandosi a due motivi.

Resiste con controricorso C.P..

Il Collegio raccomanda una motivazione semplificata.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

Va premesso che, contrariamente alla eccezione della resistente, la controversia, che è giunta in sede di legittimità, non presenta il connotato della lite temeraria, non avendo fatto altro il V. che esercitato il suo diritto di azione che termina proprio nella fase di legittimità.

Per quanto riguarda l’esame della attuale impugnazione ritiene il Collegio che il ricorso sia inammissibile.

Infatti, il ricorrente, con il primo motivo (violazione di legge e vizi di motivazione), prospetta duplice censura, per cui il motivo si pone in contrasto con le regole di chiarezza poste dall’art. 366 bis c.p.c., come ormai è giurisprudenza costante di questa Corte (Cass. n. 8897/08; Cass. n. 9470/08; Cass. n. 7394/10) e da cui non è il caso di discostarsi, in quanto nella sua redazione si tratta congiuntamente di violazione di legge e vizio di motivazione.

Lo stesso è a dirsi del secondo, così come intitolato e redatto.

Ed, inoltre, la integrale trascrizione che nel ricorso si rinviene di alcuni atti del giudizio di merito equivale nella sostanza ad un mero rinvio agli atti di causa e viola il principio di autosufficienza del ricorso, così come hanno statuito le S.U. di questa Corte con ord. n. 1955/10, seguita da Cass. n. 6279/11.

Peraltro, le censure si muovono:

sulla interpretazione del contratto, che è di competenza esclusiva del giudice del merito, che ha potuto accertare che al momento della stipula del contratto stesso nulla ebbe a rilevare il V. (v.p. 10 sentenza impugnata);

b) sulla condanna al pagamento dei canoni nonostante il mancato godimento dell’immobile, mentre, leggendo la sentenza impugnata, ci si accorge che il giudice dell’appello si è limitato a dichiarare risolto il contratto di locazione per grave inadempimento del conduttore e ad obbligare il V. al rilascio dell’immobile nonchè a rigettare la sua domanda riconvenzionale per difetto di prova in ordine al dedotto inadempimento colposo della locatrice (p. 11 sentenza impugnata);

C) sulla gravità dell’inadempimento, ritenuta, invece, dal giudice dell’appello alla luce del contratto di locazione debitamente prodotto, che prevedeva addirittura la corresponsione mensile anticipata del canone (p. 8 sentenza impugnata) e la gravità è stata rinvenuta nella circostanza che nulla aveva versato il V. sino alla pronuncia della sentenza di primo grado e sino al rilascio dell’immobile avvenuto nel novembre 2008);

d) sulla asserita insalubrità dei locali, che, invece, è stata ritenuta insussistente sulla base della relazione del tecnico comunale anche perchè il V. non abbandonò l’immobile, ma rimase nella piena disponibilità dei locali (v. 9 e 10 sentenza impugnata).

Ciò precisato a seguito dell’attento esame degli atti processuali, il Collegio ritiene, quindi, che il ricorso attenga nel suo complesso a quaestiones facti, che ne rafforzano la inammissibilità già intravista in riferimento alla sua redazione e ai conseguenti quesiti.

P.Q.M.

La Corte dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese processuali, che liquida in Euro 1.200,00 di cui Euro 200,00 per spese, oltre spese generali ed accessori come per legge.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio, il 18 ottobre 2011.

Depositato in Cancelleria il 5 dicembre 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA