Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 25991 del 05/12/2011

Cassazione civile sez. III, 05/12/2011, (ud. 12/10/2011, dep. 05/12/2011), n.25991

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. TRIFONE Francesco – Presidente –

Dott. PETTI Giovanni Battista – Consigliere –

Dott. UCCELLA Fulvio – rel. Consigliere –

Dott. DE STEFANO Franco – Consigliere –

Dott. BARRECA Giuseppina Luciana – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

B.V. (OMISSIS), elettivamente domiciliato

in ROMA, VIA CRESCENZIO 107, presso lo studio dell’avvocato

VERRECCHIA OSVALDO, rappresentato e difeso dall’avvocato RAVIELE ELIO

giusta delega in atti;

– ricorrente –

contro

COMUNE DI GALLUCCIO (OMISSIS), in persona del suo Sindaco p.t.

Avv. B.S., elettivamente 1 domiciliato in ROMA, VIA

SILVIO PELLICO 24, presso lo studio dell’avvocato ROMANO CARELLO

CESARE, rappresentato e difeso dall’avvocato LONGO FERDINANDO giusta

delega in atti;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 4152/2006 della CORTE D’APPELLO di ROMA,

depositata il 02/10/2006; R.G.N. 2844/2004;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

12/10/2011 dal Consigliere Dott. FULVIO UCCELLA;

udito l’Avvocato FAUSTO BUCCELLATO per delega Avvocato FERDINANDO

LONGO;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

GOLIA Aurelio che ha concluso per il rigetto.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Il 19 febbraio 2004 il Tribunale di Cassino accoglieva la opposizione proposta dal Comune di Galluccio avverso il decreto ingiuntivo emesso nei suoi confronti il 24 luglio 2000 in favore di V. B. per il pagamento di cinque fatture emesse nel 1991 in relazione ad alcuni impianti di riscaldamento installati presso gli edifici scolastici comunali per l’importo di L. 5.981.982, oltre accessori, su incarico verbale del Sindaco dell’epoca.

Il Tribunale, nell’occasione, dichiarava inammissibile la riconvenzionale dispiegata, in via subordinata, dal B., volta ad ottenere comunque il pagamento dell’importo come conseguenza dell’indebito arricchimento da parte del Comune.

La Corte di appello di Roma il 2 ottobre 2006 confermava la sentenza di prime cure. Avverso siffatta decisione propone ricorso per cassazione il B., affidandosi a due motivi, di cui il secondo subordinato.

Resiste con controricorso il Comune di Galluccio.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

In punto di fatto è incontestato che i lavori furono ordinati verbalmente dal Sindaco di Galluccio e che la richiesta di pagamento, data l’effettuazione degli stessi, ai fini del decreto ingiuntivo, era fondata sulla Delib. 5 marzo 1994 del Consiglio comunale, che aveva riconosciuto l’esistenza del debito da parte del Comune. Con il primo motivo (violazione o falsa applicazione di norme di diritto in riferimento agli artt. 1988 e 2720 c.c., L. n. 142 del 1990, artt.32 – 35), peraltro, già proposto in appello il B. contesta il valore attribuito alla delibera del consiglio comunale di Galluccio, per cui si duole che erroneamente il giudice dell’appello avrebbe applicato le norme di diritto, in quanto non avrebbe considerato che è soltanto il consiglio comunale che può riconoscere debiti fuori bilancio, come nella specie, perchè l’atto sarebbe consentito dalla L. n. 142 del 1990, art. 32 al Consiglio comunale e con quel riconoscimento la spese diventerebbe legittima e quell’atto impegnerebbe l’Ente. Si tratta, afferma il ricorrente, di atto dalla valenza giuridica anche ai sensi dell’art. 1988 e dell’art. 2720 c.c. Altro è, invece, l’adottare la delibera di pagamento che appartiene per il caso in esame alla Giunta comunale a ciò deputata.

Al riguardo il Collegio osserva quanto segue.

E’ ormai jus receptum che il Consiglio comunale ha natura di organo interno alla P.A., la cui volontà può essere estrinsecata solo dagli organi a ciò deputati, ovvero il sindaco o la Giunta comunale (Cass. n. 8643/03). La qualità di organo interno della P.A. è rimarcata nella stessa Delib. consiliare 5 marzo 1994, come ritrascritta anche nel ricorso, laddove al punto 3 del dispositivo si afferma ” si delega la Giunta comunale per gli adempimenti consequenziali a tale deliberato” (p. 17 ricorso, ripreso dalla sentenza impugnata a p. 6). Pertanto, il motivo va disatteso.

2.- Con il secondo motivo (subordinato) e formulato sotto il profilo della violazione e falsa applicazione di norme di diritto in riferimento agli artt. 1988, 2041, 2720 c.c. e art. 184 c.p.c.) il ricorrente si duole della dichiarata inammissibilità della sua domanda di ingiusto arricchimento, proposta nel giudizio di opposizione in via subordinata. Al riguardo, osserva il Collegio che, a seguito dell’intervento delle Sezioni Unite di questa Corte con sentenza n. 4712/96 e seguita da consolidato indirizzo (cfr. Cass. n. 2529/06; Cass. n. 8077/07), il motivo va respinto e non solo perchè fondato su di un titolo ed una causa petendi diversa da quella azionata con il decreto ingiuntivo ma anche perchè, pur riguardando gli stessi elementi costitutivi, il Comune non risulta avere accettato il contraddittorio (p. 5 del controricorso).

Per inciso, va aggiunto che il ricorrente su questa condotta processuale del Comune non spende una parola nemmeno nella parte del ricorso intestata ” premessa ed antefatto” (v. p. 2 ricorso).

Conclusivamente, il ricorso va respinto e le spese che seguono la soccombenza vanno liquidate come da dispositivo.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese del presente giudizio di cassazione, che liquida in Euro 900,00 di cui Euro 200,00 per spese, oltre spese generali ed accessori come per legge.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio, il 12 ottobre 2011.

Depositato in Cancelleria il 5 dicembre 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA