Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 25976 del 05/12/2011

Cassazione civile sez. lav., 05/12/2011, (ud. 27/10/2011, dep. 05/12/2011), n.25976

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. NOBILE Vittorio – Presidente –

Dott. MANNA Felice – Consigliere –

Dott. BALESTRIERI Federico – rel. Consigliere –

Dott. BERRINO Umberto – Consigliere –

Dott. TRICOMI Irene – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

C.D., elettivamente domiciliata in ROMA, VIA

COSTANTINO MORIN 45, presso lo studio dell’avvocato MICHELE ARDITI DI

CASTELVETERE, rappresentata e difesa dall’avvocato CIOLA PASQUALE,

giusta delega in atti;

– ricorrente –

contro

MINISTERO DELL’ISTRUZIONE, DELL’UNIVERSITA’ E DELLA RICERCA, UFFICIO

SCOLASTICO REGIONALE PER LA BASILICATA, CENTRO DEI SERVIZI

AMMINISTRATIVI DELLA PROVINCIA DI POTENZA, – ISTITUTO COMPRENSIVO “G.

FORTUNATO” DI BRIENZA in persona dei rispettivi legali rappresentanti

pro tempore, domiciliati in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12, presso

L’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che li rappresenta e difende, ope

legis;

– P.M.T., domiciliata in ROMA, PIAZZA CAVOUR presso LA

CANCELLERIA DELLA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE, rappresentata e

difesa, dall’avvocato DONATO GIACOMINO, giusta delega in atti;

– controricorrenti –

avverso la sentenza n. 1221/2008 della CORTE D’APPELLO di POTENZA,

depositata il 08/01/2009 R.G.N. 1190/05;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

27/10/2011 dal Consigliere Dott. FEDERICO BALESTRIERI;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

SEPE Ennio Attilio che ha concluso per l’improcedibilità, in

subordine rigetto del ricorso.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Il Tribunale di Potenza, giudice monocratico del lavoro, respingeva la domanda proposta da C.D., insegnante presso l’Istituto Comprensivo “G. Fortunato” di Brienza capoluogo, avente ad oggetto l’impugnativa del suo trasferimento d’ufficio presso la sede di Marsico Nuovo capoluogo (Istituto Comprensivo di Marsico Nuovo), convenuta in giudizio anche la contro interessata P.M. T..

La Corte d’appello di Potenza, con sentenza depositata il 21 luglio 2005 e notificatale l’11 febbraio 2009, respingeva il gravame proposto dalla C..

Avverso tale sentenza propone ricorso per cassazione quest’ultima, affidato ad unico articolato motivo. Resistono con controricorso 11 Ministero dell’istruzione, dell’Università e della Ricerca, l’Ufficio Scolastico Regionale per la Basilicata, il Centro Servizi Amministrativi di Potenza, l’Istituto Comprensivo “G.Fortunato” di Brienza, nonchè P.M.T..

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

1. -Deve pregiudizialmente dichiararsi l’inammissibilità dell’odierno ricorso, per essere stato notificato oltre il termine c.d. breve per impugnare di cui all’art. 325 c.p.c., comma 2. Ed invero risulta dalla relata di notifica della sentenza qui impugnata, che essa avvenne in data 11 febbraio 2009, come del resto deduce la stessa ricorrente nell’odierno ricorso. Il termine per proporre ricorso per cassazione scadeva dunque il 12 aprile 2009, che tuttavia, cadendo di domenica, doveva intendersi differito al 13 aprile 2009, ai sensi dell’art. 155 c.p.c., comma 3.

Il presente ricorso risulta avviato per la notifica (momento rilevante in base alla sentenza n. 477 del 2002 della C. Cost.) e notificato, come si evince dalla documentazione in atti e dalla stessa nota di iscrizione a ruolo a firma del difensore della C., a tutti i controricorrenti il 14 aprile 2009.

Il ricorso risulta pertanto inammissibile, questione rilevabile d’ufficio a tutela dell’esigenza pubblicistica (e, quindi, non disponibile dalle parti) del rispetto del vincolo della cosa giudicata formale (e plurimis, Cass. 1 ottobre 2004 n. 19654, Cass. 16 aprile 2009 n. 9005, Cass. 5 luglio 1997 n. 6075).

Le spese del presente giudizio seguono la soccombenza e si liquidano come da dispositivo.

P.Q.M.

La Corte dichiara inammissibile il ricorso. Condanna la ricorrente al pagamento delle spese processuali, in favore di ciascuno dei controricorrenti, che liquida in Euro 50,00 e Euro 2.000,00 per onorari, oltre spese come per legge, e, nei confronti della controricorrente P., spese generali, i.v.a. e c.p.a.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio, il 27 ottobre 2011.

Depositato in Cancelleria il 5 dicembre 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA