Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 25954 del 05/12/2011

Cassazione civile sez. I, 05/12/2011, (ud. 08/11/2011, dep. 05/12/2011), n.25954

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. FIORETTI Francesco Maria – Presidente –

Dott. RORDORF Renato – Consigliere –

Dott. ZANICHELLI Vittorio – rel. Consigliere –

Dott. RAGONESI Vittorio – Consigliere –

Dott. CULTRERA Maria Rosaria – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

F.A. (c.f. (OMISSIS)), che si difende in

proprio quale Avvocato, domiciliato per legge presso la cancelleria

della Corte di cassazione in Roma;

– ricorrente –

contro

AELETTRONICA s.r.l. fallita (c.f. (OMISSIS)), in persona del

curatore pro tempore, con domicilio eletto in Roma, Via Azuni n. 9,

presso l’AVV. Paolo De Camelis, rappresentata e difesa dall’Avv.

MASCIONE Roberto come da procura a margine del controricorso;

– controricorrente –

per la cassazione della sentenza della Corte d’appello di Milano n.

886/08 depositata il 4 aprile 2008;

Udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

giorno 8 novembre 2011 dal Consigliere relatore Dott. Vittorio

Zanichelli;

sentite le richieste del P.M., in persona del Sostituto Procuratore

Generale Dott. APICE Umberto, che ha concluso per l’inammissibilità

del ricorso;

udito l’Avv. Paolo De Camelis per delega dell’Avv. Mascione.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

L’avv. F.A. ricorre in proprio avverso la sentenza della Corte d’appello nella parte in cui, riformando parzialmente la sentenza resa dal Tribunale con la quale era stata rigettata l’opposizione al decreto del giudice delegato di parziale ammissione di un credito per attività professionale, e respingendo in parte la domanda perchè non provata ha ritenuto incompatibile ad assumere la veste di testimone l’Avv. P. in quanto interessato al giudizio.

Il ricorso è affidato a quattro motivi con i quali, in sintesi, si deduce: violazione dell’art. 246 c.p.c., per avere la Corte d’appello ritenuto incompatibile a testimoniare in un giudizio in cui sia parte un associato ad uno studio professionale un altro associato per tale sola qualità; omessa motivazione in ordine al ritenuto ma contestato conferimento dell’incarico di condifensore all’Avv. P., in realtà solo coadiutore del ricorrente, censura reiterata anche sotto il profilo della violazione di legge; difetto di motivazione in ordine alla mancata ammissione della prova testimoniale in questione.

Resiste l’intimata curatela con controricorso eccependone la tardività.

Il Collegio ha disposto la redazione della motivazione in forma semplificata.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

Il ricorso è inammissibile. Come ha correttamente eccepito la curatela controricorrente il ricorso è tardivo in quanto proposto solo in data 29 dicembre 2008 mediante spedizione per plico postale a fronte della sentenza notificata in data 29 ottobre 2008, essendo per contro giurisprudenza pacifica quella secondo cui “la pronunzia della Corte Costituzionale n. 152 del 1980, che ha dichiarato l’illegittimità della L. Fall., art. 99, comma 5, nella parte in cui fa decorrere il termine per l’impugnazione dal giorno dell’affissione della sentenza, non ha riguardato la prescrizione della riduzione alla metà del termine per il ricorso per Cassazione, il quale è pertanto inammissibile qualora sia proposto oltre trenta giorni dopo la notificazione della sentenza impugnata” (Sez. 1, Sentenza n. 13435 del 12/09/2003). Le spese seguono la soccombenza.

P.Q.M.

la Corte dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente alla rifusione delle spese del giudizio che liquida in complessivi Euro 2.200,00 di cui Euro 2.000,00 per onorari, oltre spese generali e accessori di legge.

Così deciso in Roma, il 8 novembre 2011.

Depositato in Cancelleria il 5 dicembre 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA