Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 25872 del 02/12/2011

Cassazione civile sez. I, 02/12/2011, (ud. 08/11/2011, dep. 02/12/2011), n.25872

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. FIORETTI Francesco Maria – Presidente –

Dott. RORDORF Renato – Consigliere –

Dott. ZANICHELLI Vittorio – rel. Consigliere –

Dott. RAGONESI Vittorio – Consigliere –

Dott. CULTRERA Maria Rosaria – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

P.G., con domicilio eletto in Roma, via Cicerone n.

44, presso lo Studio legale Parducci Pardini, rappresentata e difesa

dall’Avv. Nencini Franco, come da procura in calce al ricorso;

– ricorrente –

contro

CALZATURIFICIO S. ALESSIO s.r.l., fallita;

– intimata –

per la cassazione del decreto del Tribunale di Lucca R.G. n. 1658/08

depositato il 25 novembre 2008.

Udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

giorno 8 novembre 2011 dal Consigliere relatore Dott. Vittorio

Zanichelli;

sentite le richieste del P.M., in persona del Sostituto Procuratore

Generale Dott. APICE Umberto, che ha concluso per il rigetto del

ricorso.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

P.G. ricorre per la cassazione del decreto pronunciato dal tribunale in sede di opposizione allo stato passivo con il quale è stata dichiarata inammissibile la sua impugnazione del decreto del giudice delegato di parziale accoglimento della domanda di ammissione da lei proposta avente ad oggetto crediti per prestazioni di lavoro.

Il ricorso è affidato a tre motivi con i quali si deduce in sintesi:

violazione dell’art. 99, L. Fall. per avere ritenuto il tribunale necessaria la formulazione nell’atto di impugnazione di specifici motivi di ricorso benchè fosse presente nello stesso la esposizione dei fatti e degli elementi di diritto sui quali il ricorso era fondato; violazione di legge e difetto di motivazione per avere il giudice a quo ritenuto insussistente la chiara indicazione dei fatti e dei motivi di diritto posti a base dell’opposizione; ancora violazione di legge per avere il tribunale ritenuto sanzionabile con l’inammissibilità dell’opposizione la ritenuta carenza di specificità dei motivi in luogo di dichiararne la mera irregolarità o la nullità sanabile con la rinnovazione dell’atto.

L’intimata curatela non ha proposto difese.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

Il secondo motivo, che per la sua decisiva rilevanza può essere trattato per primo, con il quale si censura l’impugnata decisione per avere il tribunale ritenuto carenti di specificità i motivi dell’opposizione pur essendo stati compiutamente indicati i fatti e gli elementi di diritto sui quali la stessa era fondata merita accoglimento.

Giova premettere che la ricorrente ha proposto domanda di insinuazione al passivo chiedendo di essere ammessa sia per le somme non corrisposte dal datore di lavoro e risultanti dagli stessi prospetti paga redatti dall’imprenditore sia per gli ulteriori importi dovuti in considerazione della circostanza che l’attività lavorativa era iniziata in data antecedente a quella formalmente indicata nella documentazione di provenienza aziendale e che era stata prestata con un orario diverso e maggiore rispetto a quello risultante dalla citata documentazione. La domanda è stata accolta solo in relazione al primo importo mentre era stato esclusa l’ulteriore somma richiesta “perchè non compete essendo determinata su indicazioni di parte; difetta invero la prova scritta del relativo credito” (in tali termini la comunicazione del curatore circa le ragioni della non ammissione).

Con l’atto di opposizione la ricorrente ha ribadito l’esistenza dell’ulteriore credito derivante dalla prestazione dell’attività lavorativa per un arco temporale più lungo e per un orario maggiore di quello risultante dai documenti aziendali ed ha dedotto un’articolata prove testimoniale sul punto indicando i testimoni di cui ha richiesto l’assunzione.

Ciò posto, può prescindersi dalla questione oggetto del primo motivo e relativa all’eventuale differenza tra la specificità dei motivi richiesta dall’art. 342 c.p.c. per l’atto di appello e l’esposizione degli elementi di diritto su cui si basa l’impugnazione richiesta dall’art. 99, L. Fall. dal momento che in ogni caso “La valutazione circa il rispetto, da parte dell’appellante, dell’obbligo di indicare specificamente le critiche rivolte contro la sentenza di primo grado, ai sensi dell’art. 342 cod. proc, civ., va compiuta tenendo presente le argomentazioni addotte dai giudice di primo grado, poichè non è possibile una contestazione specifica di conclusioni non fondate su basi specifiche” (Sez. 3, Sentenza n. 7786 del 31/03/2010).

Nella fattispecie la domanda è stata rigettata per difetto di prova circa i fatti costitutivi della stessa. L’opposizione è fondata sull’offerta della prova ritenuta carente (nella specie: prova per testi), oltretutto non espletarle nella fase necessaria della verifica del passivo per le sue caratteristiche (prova di lunga indagine, non fosse altro che per il numero di testi da assumere) per cui non potevano sussistere dubbi o incertezza in ordine ai motivi di censura, fermo restando che in un giudizio, qual è quello di accertamento del passivo, che resta ormai sommario solo limitatamente all’impossibilità di assumere prove che non siano di immediato espletamento, il contenuto dei motivi, laddove la reiezione sia fondata sul difetto di prova, si atteggia necessariamente in modo tutt’affatto particolare, posto che la censura è formalmente diretta alla reiezione per la richiamata carenza probatoria ma in realtà consiste sostanzialmente nella richiesta di assunzione di mezzi espletagli solo nella fase dell’impugnazione.

L’accoglimento del secondo motivo comporta l’assorbimento di quelli ulteriori e la cassazione del decreto impugnato con rinvio della causa al giudice a quo che provvederà anche sulle spese.

P.Q.M.

la Corte accoglie il secondo motivo di ricorso, dichiara assorbiti gli altri, cassa il decreto impugnato in relazione al motivo accolto e rinvia la causa, anche per le spese, al Tribunale di Lucca in diversa composizione.

Così deciso in Roma, il 8 novembre 2011.

Depositato in Cancelleria il 2 dicembre 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA