Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 25812 del 13/11/2020

Cassazione civile sez. lav., 13/11/2020, (ud. 16/09/2020, dep. 13/11/2020), n.25812

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. TRIA Lucia – Presidente –

Dott. TORRICE Amelia – Consigliere –

Dott. DI PAOLANTONIO Annalisa – Consigliere –

Dott. MAROTTA Caterina – rel. Consigliere –

Dott. SPENA Francesca – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 10564-2015 proposto da:

I.N.P.S. – ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE, in persona del

Presidente e legale rappresentante pro tempore, elettivamente

domiciliato in ROMA, VIA CESARE BECCARIA 29, presso l’Avvocatura

Centrale dell’Istituto, rappresentato e difeso dagli Avvocati

CORETTI ANTONIETTA, TRIOLO VINCENZO, STUMPO VINCENZO;

– ricorrente principale –

contro

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI, in persona del

Ministro pro tempore, rappresentato e difeso dall’AVVOCATURA

GENERALE DELLO STATO presso i cui Uffici domicilia ex lege in ROMA,

alla VIA DEI PORTOGHESI n. 12;

– controricorrente – ricorrente incidentale –

contro

L.V.;

– intimato –

avverso la sentenza n. 2452/2014 della CORTE D’APPELLO di LECCE,

depositata il 27/10/2014 R.G.N. 74/2013;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

16/09/2020 dal Consigliere Dott. MAROTTA CATERINA.

 

Fatto

RILEVATO IN FATTO

che:

1. con sentenza n. 2452/2014, pubblicata in data 27 ottobre 2014, la Corte d’appello di Lecce confermava la decisione del Tribunale di Brindisi che aveva accolto la domanda proposta da L.V., lavoratore socialmente utile, intesa ad ottenere il beneficio previsto dal D.I. 21 maggio 1998, art. 3, comma 5 e condannato l’INPS al pagamento della relativa somma oltre accessori;

escludeva la Corte territoriale che si fosse formato il giudicato interno nei confronti del Ministero del lavoro e delle politiche sociali (cui il ricorso di primo grado era stato notificato e che era rimasto contumace in tale grado ma si era costituito in quello di appello) rilevando che la legittimazione passiva di tale Ministero non fosse in discussione e che lo stesso, aderendo in sede di appello agli argomenti ed alle conclusioni dell’INPS (ente erogatore), avesse chiesto la riforma della sentenza di primo grado nel merito;

riteneva che correttamente il Tribunale avesse individuato il petitum sostanziale come inteso ad ottenere il pagamento della prestazione in questione negata (ASU e incentivo) senza allegare alcunchè che potesse fondare una pretesa risarcitoria;

rilevava che la richiesta del L. intesa ad ottenere l’incentivo di cui al decreto interministeriale del 21 maggio 1998 (di cui alla domanda inoltrata alla Direzione provinciale del lavoro in data 24 aprile 2007 e quindi all’INPS in data 15 ottobre 2007) avesse fatto seguito alla manifestazione del suo intento di non essere più utilizzato in progetti Isu del 26/1/2007 “in quanto aveva intenzione di autoimpiegarsi creando un’impresa individuale”;

riteneva che nessuna norma di legge imponesse la preventiva approvazione del progetto rispetto alla cessazione dell’impegno in progetti in Isu ed escludeva che la fuoriuscita dalla platea Isu fosse condizionata all’attribuzione degli incentivi (di modo che questi ultimi non potessero essere riconosciuti dopo tale fuoriuscita);

2. per la cassazione di tale decisione ha proposto ricorso l’INPS con tre motivi;

3. il Ministero del Lavoro ha resistito con controricorso e formulato ricorso incidentale con cui ha chiesto l’accoglimento del ricorso dell’INPS;

4. L.V. è rimasto intimato;

5. l’INPS ha depositato memoria.

Diritto

CONSIDERATO IN DIRITTO

che:

1. con il primo motivo l’INPS denuncia la violazione dell’art. 112 c.p.c., in relazione all’art. 1218 c.c.;

censura la sentenza impugna per aver pronunciato ultra petita e per aver riconosciuto l’incentivo a fronte di una domanda avente ad oggetto solo il risarcimento del danno;

2. analoga censura è sviluppata dal Ministero del lavoro con l’unico motivo di ricorso incidentale;

3. con il secondo motivo l’INPS denuncia la violazione del D.P.R. 30 aprile 1970, n. 639, art. 47, nel testo sostituito dal D.L. 19 settembre 1992, n. 384, art. 4, comma 1, conv. In L. 14 novembre 1992, n. 438, con riferimento all’art. 2968 c.c.;

censura la sentenza impugnata per non aver dichiarato la decadenza sostanziale dell’azione proposta a distanza di oltre tre anni dalla domanda amministrativa;

rileva che trattasi di decadenza sostanziale, rilevabile in ogni stato e grado del giudizio, stante la sua rilevanza pubblicistica;

4. con il terzo motivo l’INPS denuncia la violazione e falsa applicazione del combinato disposto del D.I. 21 maggio 1998, n. 7383000, art. 12, commi 5, lett. b), e art. 8, pubblicato in G.U. n. 141/1998;

censura la sentenza impugnata per aver escluso che la indicata normativa preveda e condizioni la fuoriuscita da attività di Isu solo in esito all’attribuzione degli incentivi e così per aver ritenuto legittima la presentazione della domanda intesa ad ottenere il contributo una tantum successivamente alla rinuncia a proseguire nello svolgimento dei lavori socialmente utili;

5. il primo motivo del ricorso principale e l’analoga censura del ricorso incidentale sono infondati;

6. come da questa Corte già chiarito (v., tra le più recenti, Cass. 10 giugno 2020, n. 11103) la rilevazione ed interpretazione del contenuto della domanda è attività riservata al giudice di merito ed è sindacabile: a) ove ridondi in un vizio di nullità processuale, nel qual caso è la difformità dell’attività del giudice dal paradigma della norma processuale violata che deve essere dedotta come vizio di legittimità ex art. 360 c.p.c., comma 1, n. 4; b) qualora comporti un vizio del ragionamento logico decisorio, eventualità in cui, se la inesatta rilevazione del contenuto della domanda determina un vizio attinente alla individuazione del “petitum”, potrà aversi una violazione del principio di corrispondenza tra chiesto e pronunciato, che dovrà essere prospettato come vizio di nullità processuale ai sensi dell’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 4; c) quando si traduca in un errore che coinvolge la “qualificazione giuridica” dei fatti allegati nell’atto introduttivo, ovvero la omessa rilevazione di un “fatto allegato e non contestato da ritenere decisivo”, ipotesi nella quale la censura va proposta, rispettivamente, in relazione al vizio di “error in judicando”, in base all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3, o al vizio di “error facti”, nei limiti consentiti dall’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 5;

nel caso in esame, il motivo di ricorso principale, per come formulato, non consente di individuare una nullità nei termini sopra evidenziati al punto b);

l’I.N.P.S., infatti, ha riportato dell’atto introduttivo del giudizio solo le conclusioni e non l’intero contenuto (limitandosi alle pagg. 2 e 3 del ricorso per cassazione ad una mera sintesi narrativa della esposizione del L.);

nè elementi utili si ricavano dal ricorso incidentale del Ministero del lavoro che si è limitato ad affermare assiomaticamente che il petitum azionato fosse diverso da quello ritenuto nella sentenza impugnata;

7. è fondato il secondo motivo del ricorso dell’INPS (e i determina l’assorbimento del terzo);

8. questa Corte ha già da tempo affermato che l’assegno previsto una tantum per i lavoratori socialmente utili il D.Lgs. n. 468 del 1997, ex art. 12 ed il D.I. 21 maggio 1998, art. 3, costituendo una prestazione temporanea, a carico della “Gestione prestazioni temporanee ai lavoratori dipendenti” di cui alla L. n. 88 del 1989, art. 24, al pari delle prestazioni, specificamente nominate, inerenti alla disoccupazione e alla cassa integrazione guadagni, siccome rientrante nell’ampia formula di ogni altra forma di previdenza a carattere temporaneo diversa dalle pensioni, è soggetto alla decadenza annuale, in quanto al pari di altre prestazioni, ad es. indennità di disoccupazione, viene previsto con durata limitata nel tempo, finchè dura l’evento a cui viene ricollegato, a differenza delle prestazioni pensionistiche di durata illimitata nel tempo (si vedano, in tale senso Cass. 24 luglio 2007, n. 16342; Cass. 5 settembre 2011, n. 18213 – come corretta da Cass. 19 luglio 2012, n. 12598 -; Cass. 14 settembre 2016, n. 18097);

in particolare nella citata Cass. n. 16342/2007 è stato evidenziato che: “la disciplina dei lavori socialmente utili concerne la tutela del lavoro e le politiche sociali, nel contesto di particolari rapporti intersoggettivi di prestazione di attività, risultando attinente, da una parte, alla materia del collocamento in senso lato e alla formazione professionale (agevolazione dell’accesso all’occupazione), dall’altra, nella parte in cui prevede la corresponsione ai soggetti impiegati in lavori socialmente utili di somme di danaro, alla materia della previdenza sociale in senso ampio, partecipando le prestazioni della stessa natura dell’indennità di disoccupazione o di mobilità o di trattamento di integrazione salariale”;

9. le Sezioni Unite di questa Corte hanno evidenziato che il D.P.R. 30 aprile 1970, n. 639, art. 47, nel testo applicabile alla fattispecie ratione temporis, dopo avere enunciato due diverse decorrenze delle decadenze, individua nella “scadenza dei termini prescritti per l’esaurimento del procedimento amministrativo” il limite oltre il quale la presentazione di un ricorso tardivo, pur restando rilevante ai fini della procedibilità dell’azione giudiziaria, non consente lo spostamento in avanti del “dies a quo” per l’inizio del computo del termine decadenziale (di tre anni o di un anno);

da detto principio generale hanno tratto la conseguenza che, in ragione della natura pubblica della decadenza, il termine decorre in ogni caso dalla data sopra indicata sicchè non rilevano nè la mancanza di un provvedimento esplicito sulla domanda dell’assicurato, nè la omissione delle indicazioni di cui al comma 5 del medesimo art. 47 (v. Cass., Sez. Un., 29 maggio 2009, n. 12718; Cass., Sez. Un., 17 settembre 2009, n. 19992);

10. si aggiunga che, come pure affermato da questa Corte (v. ex multis Cass. 9 settembre 2011, n. 18528; Cass. 9 settembre 2011, n. 18528; Cass. 29 febbraio 2016, n. 3990; Cass. 9 novembre 2018, n. 28639) in tema di decadenza dall’azione giudiziaria per il conseguimento di determinate prestazioni previdenziali, la disposizione contenuta nel D.P.R. n. 639 del 1970, art. 47 (nel testo modificato dal D.L. n. 384 del 1992, art. 4, conv., con modif., in L. n. 438 del 1992) disciplina una decadenza sostanziale ‘di ordine pubblicò in quanto annoverabile tra quelle dettate a protezione dell’interesse alla definitività e certezza delle determinazioni concernenti l’erogazione di spese gravanti su conti pubblici e, pertanto, essa è rilevabile in ogni stato e grado del giudizio con il solo limite del giudicato, dovendosi escludere la possibilità, per l’ente previdenziale di rinunziare alla decadenza stessa ovvero di impedirne l’efficacia riconoscendo il diritto ad essa soggetto;

11. nella specie è da escludere che si sia formato il giudicato sulla decadenza evincendosi dalla stessa sentenza impugnata che il Tribunale ha solo esaminato il merito della domanda avanzata dal L.;

12. poichè si rileva dal ricorso per cassazione (oltre che dalla sentenza della Corte territoriale) che, a fronte di una domanda amministrativa avanzata all’INPS in data 15 ottobre 2007, la domanda giurisdizionale era stata proposta con atto di citazione notificato in data 20/9/2010 (v. copia di tale atto allegata al fascicolo di primo grado dell’INPS, puntualmente richiamata alle pagg. 3 e 15 del ricorso), quando ormai erano decorsi un anno e trecento giorni e, dunque, maturato il termine decadenziale, non risultano necessari ulteriori accertamenti di fatto e, quindi, la causa può essere decisa nel merito ex art. 384 c.p.c., con il rigetto della domanda;

13. resta, pertanto, assorbito il terzo motivo di ricorso, attinente alla asserita infondatezza, nel merito, della pretesa;

14. sulla scorta delle considerazioni svolte va accolto il secondo motivo del ricorso principale dell’INPS, assorbito il terzo, e rigettato il primo ed il ricorso incidentale del Ministero del lavoro;

la sentenza impugnata va cassata in relazione al motivo accolto e, non essendo necessari ulteriori accertamenti di fatto, ai sensi dell’art. 384 c.p.c., comma 2, seconda parte, la causa può essere decisa nel merito con rigetto dell’azionata domanda;

15. il diverso orientamento espresso nella presente sede di legittimità rispetto a quello seguito nelle fasi del merito induce a compensare tra il L. e l’INPS le spese di primo e secondo grado, mentre esse seguono la regola generale della soccombenza per quanto attiene al giudizio di cassazione;

16. nulla va disposto per le spese nei confronti del Ministero del lavoro;

17. non può trovare applicazione nei confronti dell’Amministrazione dello Stato D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13, comma 1 quater, nel testo introdotto dalla L. 24 dicembre 2012, n. 228, art. 1, comma 17, atteso che la stessa, mediante il meccanismo della prenotazione a debito, è esentata dal pagamento delle imposte e tasse che gravano sul processo (cfr. Cass. 29 gennaio 2016, n. 1778).

PQM

La Corte accoglie il secondo motivo del ricorso principale, assorbito il terzo e rigetta il primo ed il ricorso incidentale; cassa la sentenza impugnata in relazione al motivo accolto e, decidendo nel merito, respinge l’azionata domanda; compensa le spese dei gradi di merito e condanna L.V. al pagamento, in favore dell’INPS, delle spese del giudizio di legittimità che liquida in Euro 200,00 per esborsi Euro 4.000,00 per compensi professionali oltre accessori di legge e rimborso forfetario in misura del 15%.; nulla per le spese nei confronti del Ministero del lavoro.

Così deciso in Roma, nell’Adunanza Camerale, il 16 settembre 2020.

Depositato in Cancelleria il 13 novembre 2020

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA