Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 25756 del 30/10/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. lav., 30/10/2017, (ud. 07/06/2017, dep.30/10/2017),  n. 25756

 

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. D’ANTONIO Enrica – Presidente –

Dott. BERRINO Umberto – Consigliere –

Dott. RIVERSO Roberto – Consigliere –

Dott. MANCINO Rossana – Consigliere –

Dott. CAVALLO Aldo – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 1950/2012 proposto da:

S.R., C.F. (OMISSIS), domiciliata in ROMA, VIA POMPEO MAGNO

23/A, presso lo studio dell’avvocato GUIDO ROSSI, che la rappresenta

e difende, giusta delega in atti;

– ricorrente –

contro

I.N.P.S. – ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE, C.F.

(OMISSIS) in persona del suo Presidente legale rappresentante pro

tempore, elettivamente domiciliato in ROMA VIA CESARE BECCARIA 29

presso l’Avvocatura Centrale dell’Istituto rappresentato e difeso

dall’avvocato MARIA PASSARELLI, giusta delega in atti;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 10298/2010 della CORTE D’APPELLO di ROMA,

depositata il 13/01/2011 R.G.N. 3947/08;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

07/06/2017 dal Consigliere Dott. LUIGI CAVALLARO;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

FINOCCHI GHERSI Renato, che ha concluso per l’accoglimento del

ricorso;

udito l’Avvocato GIUDO ROSSI;

udito l’Avvocato ANTONELLA PATTERI per delega verbale Avvocato MARIA

PASSARELLI.

Fatto

FATTI DI CAUSA

Con sentenza depositata il 13.1.2011, la Corte d’appello di Roma, in riforma della pronuncia di primo grado, rigettava la domanda di S.R. volta al pagamento di quanto erroneamente detrattole dall’INPDAP a titolo di imposta dall’indennità di buonuscita corrispostale all’atto della cessazione dal servizio quale dipendente del Senato della Repubblica.

La Corte, per quanto qui rileva, riteneva che i contributi riscattati dall’assicurata e relativi al periodo di lavoro svolto quale assegnista di ricerca presso l’Università degli Studi di Roma (OMISSIS) fossero contributi volontari, sicchè priva di fondamento doveva considerarsi la pretesa dell’assicurata di averli dedotti dalla base imponibile su cui era stata calcolata l’imposta.

Contro tale pronuncia ricorre S.R. con due motivi, illustrati con memoria. L’INPS, subentrato nelle more all’INPDAP, resiste con controricorso.

Diritto

RAGIONI DELLA DECISIONE

Con il primo motivo, la ricorrente denuncia violazione del D.P.R. n. 1092 del 1973, art. 11, e del D.L. n. 580 del 1973, art. 6, (conv. con L. n. 766 del 1973), nonchè vizio di motivazione, per avere la Corte di merito ritenuto che i contributi da lei riscattati e versati in dipendenza del compenso percepito quale assegnista di ricerca presso l’Università degli Studi di Roma (OMISSIS) avessero natura di contributi volontari, laddove di trattava di contributi obbligatoriamente trattenutile dall’Università, come da documentazione prodotta.

Con il secondo motivo, la ricorrente lamenta violazione e falsa applicazione dell’art. 112 c.p.c., e del D.P.R. n. 1092 del 1973, art. 11, per avere la Corte territoriale ritenuto che oggetto della propria domanda fosse la detrazione dalla base imponibile dell’intera quota di contributi versati per il riscatto, ivi compreso il periodo volontariamente riscattato relativo al corso di laurea.

Ciò premesso, il primo motivo è fondato.

Il D.L. n. 580 del 1973, art. 6, (conv. con L. n. 766 del 1973), dopo aver stabilito la disciplina degli assegni biennali di formazione scientifica e didattica e i doveri e i diritti dell’assegnista, prevede all’ultimo comma che “I titolari degli assegni hanno diritto al trattamento previdenziale e assicurativo, mediante iscrizione a cura e sul bilancio dell’università, all’I.N.P.S. e all’E.N.P.D.E.P., loro e dei familiari a carico che non godono di altre forme di previdenza”.

Considerato che, nell’interpretare la disposizione, la giurisprudenza amministrativa ha da tempo chiarito che, sebbene essa non provveda in ordine alla distribuzione dell’onere della posizione previdenziale tra l’amministrazione e il titolare dell’assegno, detto onere va ripartito secondo là normativa generale concernente sia i servizi assistenziali che quelli previdenziali (Cons. St., 6^, nn. 1249 del 1978 e 347 del 1981), deve logicamente escludersi che il periodo in questione possa essere assimilato, dal punto di vista contributivo, al periodo in cui si attende agli studi universitari: diversamente da quest’ultimo, che non dà luogo ad alcun rapporto previdenziale, il conseguimento di un assegno di ricerca, mettendo capo ad una collaborazione stabile con l’ente universitario, sia pure connotata da una causa mista di lavoro e formazione scientifica, è infatti assoggettato ad un prelievo contributivo obbligatorio, come peraltro si evince dalla documentazione versata in atti da parte ricorrente e menzionata nella sentenza di prime cure (debitamente trascritta, in parte qua, a pagg. 4-5 del ricorso per cassazione), per modo che il suo c.d. riscatto ai fini dell’indennità di buonuscita va assimilato ad una ricongiunzione di servizi prestati, piuttosto che al riconoscimento di un’anzianità fittizia e convenzionale, come invece accade per il riscatto del periodo di laurea.

Segue da quanto sopra che erroneamente la Corte di merito ha ritenuto che dovessero equipararsi i periodi in questione ai fini del calcolo dell’imponibile su cui versare l’imposta dovuta in occasione della corresponsione dell’indennità di buonuscita, di talchè, assorbito il secondo motivo, la sentenza impugnata va cassata e la causa rinviata per nuovo esame alla Corte d’appello di Roma, in diversa composizione, che provvederà anche sulle spese del giudizio di cassazione.

PQM

La Corte accoglie il ricorso. Cassa la sentenza impugnata e rinvia la causa alla Corte d’appello di Roma, in diversa composizione, che provvederà anche sulle spese del giudizio di cassazione.

Così deciso in Roma, nella Camera di Consiglio, il 7 giugno 2017.

Depositato in Cancelleria il 30 ottobre 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA