Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 25748 del 30/10/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. lav., 30/10/2017, (ud. 23/05/2017, dep.30/10/2017),  n. 25748

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. NAPOLETANO Giuseppe – Presidente –

Dott. NEGRI DELLA TORRE Paolo – Consigliere –

Dott. BALESTRIERI Federico – Consigliere –

Dott. DE GREGORIO Federico – Consigliere –

Dott. DE FELICE Alfonsina – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 3156-2012 proposto da:

POSTE ITALIANE S.P.A., C.F. (OMISSIS), in persona del legale

rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, V.LE

MAZZINI 134, presso lo studio dell’avvocato LUIGI FIORILLO, che la

rappresenta e difende giusta delega in atti;

– ricorrente –

contro

M.C., elettivamente domiciliata in ROMA, VIA RENO 21,

presso lo studio dell’avvocato ROBERTO RIZZO, che la rappresenta e

difende giusta delega in atti;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 10427/2010 della CORTE D’APPELLO di ROMA,

depositata il 24/01/2011 R.G.N. 1582/2008.

Fatto

RILEVATO

Che con sentenza in data 24/01/2011 la Corte d’Appello di Roma, accogliendo l’appello di M.C. avverso la sentenza del Tribunale stessa sede n. 4491/2007, che aveva dichiarato la legittimità del contratto a termine intercorso con Poste Italiane S.p.A. dal 10/10/2002 al 31/12/2002, ha stabilito la nullità dell’apposizione del termine e dichiarato il rapporto di lavoro mai interrotto, condannando la Società a corrispondere alla lavoratrice le retribuzioni medio tempore maturate dalla data della messa in mora fino alla sentenza, nulla statuendo sull’aliunde perceptum non avendo la Società proposto specifiche deduzioni in merito;

Che avverso tale sentenza Poste Italiane ha proposto ricorso, affidato a cinque censure, cui ha resistito M.C. con tempestivo controricorso;

Che nei termini di legge le parti hanno depositato verbale di conciliazione in sede sindacale da esse sottoscritto, nel quale prendono atto che, in ragione dell’intervenuta amichevole e definitiva conciliazione di tutti gli aspetti ancora controversi del rapporto di lavoro tra le stesse intercorso, non hanno più interesse a coltivare il giudizio tuttora pendente;

Che pertanto, va dichiarata cessata la materia del contendere con compensazione delle spese di legittimità.

PQM

La Corte dichiara cessata la materia del contendere e compensa le spese del giudizio di legittimità.

Così deciso in Roma, nell’Adunanza Camerale, il 23 maggio 2017.

Depositato in Cancelleria il 30 ottobre 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA