Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 25747 del 15/11/2013


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Civile Sent. Sez. 3 Num. 25747 Anno 2013
Presidente: BERRUTI GIUSEPPE MARIA
Relatore: ARMANO ULIANA

SENTENZA

sul ricorso 30397-2007 proposto da:
ALBANESE

GIUSEPPE

LBNGPP24C21F027M,

A.P.I.E.

ASSOCIAZIONE PUGLIESE IMPRESE ELETTRICHE in persona
del Presidente rappresentante pro tempore ALBANESE
GIUSEPPE,

0.D.I.E.

ORGANIZZAZIONE DIFESA IMPRESE

ELETTRICHE in persona del Presidente rappresentante
pro

tempore

ALBANESE

GIUSEPPE,

elettivamente

domiciliati in ROMA, VIA ANTONIO CHINOTTO l, presso
lo

studio

dell’avvocato

PRINZI

PASQUALE,

rappresentati e difesi dall’avvocato ESPOSITO GIOVAN
BATTISTA giusta delega in atti;

1

Data pubblicazione: 15/11/2013

- ricorrenti contro

E.N.E.L. S.P.A., TATO’ FRANCESCO, TESTA CHICCO;
– intimati

avverso la sentenza n. 4250/2006 della CORTE

3609/2003;
udita la relazione della causa svolta nella pubblica
udienza del 18/09/2013 dal Consigliere Dott. ULIANA
ARMANO;
udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore
Generale Dott. VINCENZO GAMBARDELLA che ha concluso
per il rigetto del ricorso;

2

D’APPELLO di ROMA, depositata il 09/10/2006, R.G.N.

Svolgimento del processo

Con atto di citazione del 9/07/2001, l’E.N.E.L, Francesco Tatò e
Chicco Testa hanno citato in giudizio dinanzi Tribunale di Roma
Giuseppe Albanese e le Associazioni APIE e ODIE chiedendo il
risarcimento dei danni per aver l’Albanese,in proprio e quale
rappresentante delle due associazioni, diffuso due lettere aperte

diffamatorie nei loro confronti.
Il Tribunale di Roma ha rigettato la domanda condannando gli attori al
pagamento delle spese processuali.
A seguito di impugnazione dell’Enel ,di Tatò e di Testa ,la Corte di Appello
di Roma, con sentenza depositata il 9 ottobre 2006, ha accolto
l’impugnazione limitatamente alla censura sul regolamento delle spese
processuali ,che ha compensato per i due gradi di giudizio, sul rilievo
che seppure l’espressioni usate dall’Albanese possono ritenersi
scriminate ,l’offesa alla reputazione individuale, seppure deve cedere
alla libera manifestazione del pensiero , costituisce un giusto motivo di
compensazione delle spese.
Propongono ricorso l’ Albanese e le Associazioni APIE e ODIE con due
motivi.
Non presentano difese gli intimati.
Motivi della decisione

1.Con il primo motivo si denunzia violazione degli articoli 91 e 92
c.p.c
Sostengono i ricorrenti che il giudice di appello ha violato i principi
che impongono la condanna della parte soccombente al pagamento
delle spese giudiziali , poichè la domanda di risarcimento danni per
diffamazione è stata rigettata in primo e secondo grado
2.Con il secondo motivo si denunzia difetto di motivazione in ordine
alla sussistenza della

soccombenza parziale o degli altri giusti

motivi idonei a giustificare la compensazione delle spese.
3.1 due motivi si esaminano congiuntamente per la connessione
logica giuridica che li lega e sono infondati.

3

indirizzate a politici, autorità e governo, contenenti espressioni

Si osserva che in tema di compensazione delle spese processuali ex art.
92 cod. proc. civ., (nel testo applicabile “ratione temporis”, anteriore a
quello introdotto dalla legge 28 dicembre 2005, n. 263), poiché il
sindacato della S.C. è limitato ad accertare che non risulti violato il
principio secondo il quale le spese non possono essere poste a carico
della parte vittoriosa, esula da tale sindacato e rientra nel potere
discrezionale del giudice di merito la valutazione dell’opportunità di

soccombenza reciproca, sia nell’ipotesi di concorso di altre giuste ragioni,
che il giudice di merito non ha obbligo di specificare, senza che la relativa
statuizione sia censurabile in cassazione, poiché il riferimento a “giusti
motivi” di compensazione denota che il giudice ha tenuto conto della
fattispecie concreta nel suo complesso, quale evincibile dalle statuizioni
relative ai punti della controversia Cass., Sentenza n. 20457 del
06/10/2011
4. Nel regime anteriore a quello introdotto dall’art. 2, comma 1, lett. a)
della legge 28 dicembre 2005 n. 263, il provvedimento di compensazione
parziale o totale delle spese “per giusti motivi” deve trovare un adeguato
supporto motivazionale, anche se, a tal fine, non è necessaria l’adozione
di motivazioni specificamente riferite a detto provvedimento purché,
tuttavia, le ragioni giustificatrici dello stesso siano chiaramente e
inequivocamente desumibili dal complesso della motivazione adottata a
sostegno della statuizione di merito (o di rito). Caass. Sez. U, Sentenza
n. 20598 del 30/07/2008
5.Nella specie i giudici di merito non hanno violato l’art.91 c.p.c in quanto
le spese processuali non sono state poste a carico della parte vittoriosa,
ma essi hanno utilizzato il potere discrezionale di compensare le spese ,
ritenendo ricorrere giusti motivi ,sul rilievo ,logico e non contraddittorio,
che le espressioni usate nei confronti dei resistenti sono espressione di
un diritto di critica e pertanto scriminate ,ma che l’offesa alla
reputazione individuale seppure deve cedere all’interessa alla libera
manifestazione del pensiero, costituisce giusto motivo di compensazione .
6.1 ricorrenti ,pur denunziando un vizio motivazionale , non censurano
puntualmente i motivi della compensazione, ma lamentano solo
genericamente illogicità e contraddittorietà del percorso logico deduttivo
che ha portato alla compensazione delle spese ,senza individuare gli

4

compensare, in tutto o in parte, le spese di lite, e ciò sia nell’ipotesi di

effettivi punti di criticità e illogicità del

ragionamento dei giudici di

appello.
Nulla per le spese, in considerazione dell’ assenza di difese degli intimati.
P.Q.M
La Corte rigetta il ricorso.Nulla per le spese.

Roma 18-9-2013

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA