Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 25731 del 30/10/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. II, 30/10/2017, (ud. 26/04/2017, dep.30/10/2017),  n. 25731

 

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MATERA Lina – Presidente –

Dott. MANNA Felice – Consigliere –

Dott. PICARONI Elisa – Consigliere –

Dott. SCARPA Antonio – Consigliere –

Dott. BESSO MARCHEIS Chiara – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 14952/2013 proposto da

TRIVELLA S.p.A. c.f. 04025830151, in persona del legale

rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA

GERMANICO 109, presso lo studio dell’avvocato GIOVANNA SEBASTIO,

rappresentata e difesa dall’avvocato ATTILIA FRACCHIA;

– ricorrente –

contro

CONDOMINIO (OMISSIS), c.f. (OMISSIS), in persona dell’Amministratore

pro tempore, elettivamente domiciliato in ROMA, VIALE UMBERTO

TUPINI, 103, presso lo studio dell’avvocato GABRIELE GIANESE,

rappresentato e difeso dagli avvocati MARCO ORESTE ADRIANO PRELLE,

MICHELE GILIBERTI;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 1921/2012 della CORTE D’APPELLO di MILANO,

depositata il 31/05/2012;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

26/04/2017 dal Consigliere Dott. CHIARA BESSO MARCHEIS.

Fatto

PREMESSO

Che:

La società Trivella SpA propone ricorso in cassazione, nei confronti del Condominio (OMISSIS), contro la sentenza della Corte d’appello di Milano – depositata Il 31 maggio 2012 – che ha rigettato l’impugnazione proposta dalla medesima società contro la decisione del Tribunale di Milano, che aveva respinto l’opposizione al decreto di ingiunzione alla società di rimborsare al Condominio quanto pagato a titolo di oneri per l’occupazione del suolo pubblico connessa all’esecuzione di un contratto d’appalto di lavori di risanamento di balconi e passerelle, rigettando anche la domanda riconvenzionale della società di condanna del convenuto a pagare gli interessi relativi al ritardato pagamento del corrispettivo spettante alla medesima.

Il Condominio si difende con controricorso.

Il Condominio e la società Trivella (quest’ultima, però, scaduto il termine fissato dall’art. 380-bis c.p.c., comma 1) hanno depositato memoria.

Diritto

CONSIDERATO

Che:

1. Il primo motivo denuncia, ai sensi dell’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 4, nullità della sentenza “per carenza assoluta o mera apparenza di motivazione”.

Il motivo è infondato. La motivazione del provvedimento impugnato non è mancante o meramente apparente, come dimostra lo sviluppo del motivo che la motivazione analiticamente esamina nelle sue varie parti per poi concludere parlando non mancanza, ma di contraddittorietà della motivazione, vizio questo non denunciabile ai sensi dell’invocato n. 4 dell’art. 360.

2. Il secondo motivo lamenta “violazione o falsa applicazione degli artt. 1175,1375,1176 e 1227 c.c.; violazione del principio di solidarietà (art. 2 Cost.)”.

Il motivo è inammissibile. Esso denuncia plurime violazioni di legge, ma in realtà contesta la ricostruzione in fatto posta in essere dal giudice di secondo grado e chiede a questa Corte un riesame ad essa precluso.

3. Il terzo motivo denuncia, ai sensi dell’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 4, omessa pronunzia: la ricorrente aveva attaccato la decisione di primo grado che aveva confermato il decreto ingiuntivo chiedendo alla Corte d’appello di revocarlo e ciò la Corte non ha fatto.

La censura è infondata. La ricorrente aveva infatti chiesto alla Corte d’appello di revocare il decreto ingiuntivo “per l’effetto” dell’accoglimento, in totale riforma della sentenza del Tribunale di Milano, dell’accertamento delle somme “effettivamente dovute dalla Trivella, dichiarando quest’ultima esonerata dal contribuire al pagamento di qualsiasi onere imposto dal Comune per interessi e spese” e “condannando il condominio alla restituzione delle somme percette in eccesso”. Quanto alla pronuncia di questa Corte invocata dalla ricorrente (Cass. 13085/2008), essa si riferisce all’ipotesi in cui, avvenuto il pagamento della somma ingiunta dal decreto e cessata la materia del contendere, il decreto ingiuntivo va revocato dal giudice dell’opposizione, ipotesi differente da quella di specie ove sì vi è stato il pagamento della somma ingiunta (a fronte della concessione della provvisoria esecutività del decreto), ma la materia del contendere non è certo cessata.

4. Il quarto motivo lamenta violazione degli artt. 2697,1326,1965,1967 c.c.: la Corte d’appello ha ritenuto, come il giudice di primo grado, rinunciata la pretesa della società Trivella di vedersi riconoscere gli interessi di mora, trascurando che la lettera in cui tale rinuncia sarebbe stata posta in essere non sarebbe stata accettata dal Condominio.

Il motivo è inammissibile, in quanto non censura la ratio decidendi alla base del rigetto del motivo di appello da parte della Corte di Milano: la Corte afferma infatti che nella lettera della ricorrente del 29 ottobre 2014 “si ritrovano esposte dalla stessa Trivella SpA le ragioni giustificatrici del rifiuto di puntuale pagamento di tutte le rate da parte del Condominio, ossia la presenza di vizi nelle opere”.

5. Il ricorso va pertanto rigettato.

Le spese, liquidate in dispositivo, seguono la soccombenza.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1-quater, si dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento da parte della ricorrente dell’importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso a norma dello stesso art. 13 , comma 1-bis.

PQM

La Corte rigetta il ricorso e condanna parte ricorrente al pagamento delle spese del giudizio in favore dei controricorrenti che liquida in Euro 2.200 per compensi, di cui Euro 200 per esborsi, oltre spese generali (15%) e accessori di legge.

Sussistono, del D.P.R. n. 115 del 2002, ex art. 13, comma 1-bis, i presupposti per il versamento da parte della ricorrente dell’importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso.

Così deciso in Roma, nella adunanza camerale della Sezione Seconda Civile, il 26 aprile 2017.

Depositato in Cancelleria il 30 ottobre 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA