Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 25698 del 01/12/2011

Cassazione civile sez. lav., 01/12/2011, (ud. 11/11/2011, dep. 01/12/2011), n.25698

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. BATTIMIELLO Bruno – Presidente –

Dott. DE RENZIS Alessandro – rel. Consigliere –

Dott. LA TERZA Maura – Consigliere –

Dott. TOFFOLI Saverio – Consigliere –

Dott. IANNIELLO Antonio – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso proposto da:

S.A., elettivamente domiciliati in Roma, Via Valentino

Mazzola n. 38, presso lo studio dell’Avv. Cincotti Carlo, che lo

rappresenta e difende, unitamente all’Avv. Gaetano Irollo, come da

procura a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

MINISTERO DELL’INTERNO, in persona del Ministro pro tempore;

– intimato –

per la cassazione della sentenza del Tribunale di Napoli n. 25 del

18.02.2008/12.05. 2008 nella causa iscritta al n. 45015 R.G.

dell’anno 1999.

Udita la relazione svolta in Camera di Consiglio dal Consigliere

Dott. Alessandro De Renzis in data 11.11.2011;

vista la relazione ex art. 380 bis c.p.c. in data 7.07.2010 del Cons.

Filippo Curcuruto;

sentito il P.M., in persona del Sost. Proc. Gen. dott. PATRONE

Ignazio, che nulla ha osservato.

Fatto

RITENUTO IN FATTO E IN DIRITTO

1. Il Tribunale di Napoli con sentenza n. 25 del 2008, in riforma della decisione del primo giudice, ha riconosciuto ad S.A. l’assegno di invalidità civile a decorrere dal 1 ottobre 2005, avendo accertato, in base a CTU, il requisito sanitario dal 1 settembre 2005. La S. impugna la sentenza di appello per violazione di legge e contraddittoria motivazione, sostenendo che il Tribunale avrebbe erroneamente riconosciuto l’assegno dal 1 ottobre 2005, primo giorno del mese successivo alla decorrenza del diritto, anzichè dal settembre 2005.

2. Il ricorso è fondato.

Questa Corte ha affermato che in materia di prestazioni assistenziali i benefici spettanti agli invalidi civili, decorrenti – ove tutti i requisiti per la loro attribuzione siano già presenti all’atto della domanda amministrativa – dal primo giorno del mese successivo alla domanda stessa, decorrono, invece, ove il requisito sanitario si concretizzi – come nel caso di specie – nel corso del procedimento giurisdizionale, dalla data di insorgenza dello stato invalidante e non anche dal primo giorno del mese successivo a tale accertamento.

Invero, secondo il principio della perpetuano actionis, rinvenibile nell’art. 24 Cost., la durata del processo non può pregiudicare i diritti della parte che ha ragione,principio che con riguardo al procedimento amministrativo non ha valore generale nè gode di analoga garanzia costituzionale (Cass. S.U. n. 12270 del 2004 e successive conformi Cass. n. 20637 del 2004; Cass. n. 24833 del 2006; Cass. n. 22412 del 2009).

Tale indirizzo, che merita convinta adesione, può trovare applicazione per il caso di specie.

3. In conclusione il ricorso va accolto e per l’effetto l’impugnata sentenza va cassata.

Non essendo necessari ulteriori accertamenti in fatto, la causa va decisa nel merito accertandosi il diritto della ricorrente all’assegno di invalidità dal 1 settembre 2005, con la condanna del Ministero al pagamento della prestazione da tale data, oltre interessi.

Vanno confermate le statuizioni sul regolamento delle spese contenute nelle decisioni di primo e di secondo grado.

Ricorrono giustificate ragioni per dichiarare la compensazione delle spese del giudizio di cassazione, in considerazione del comportamento tenuto dal Ministero intimato che non ha contrastato la pretesa della ricorrente.

P.Q.M.

La Corte accoglie il ricorso, cassa la sentenza impugnata e, decidendo nel merito, accerta il diritto della ricorrente S. A. all’assegno di invalidità dal 1 settembre 2005, con la condanna del Ministero al pagamento della prestazione da tale data, oltre interessi. Conferma il regolamento delle spese dei giudizi di merito. Spese compensate del giudizio di cassazione.

Così deciso in Roma, il 11 novembre 2011.

Depositato in Cancelleria il 1 dicembre 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA