Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 25666 del 14/12/2016


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 14/12/2016, (ud. 24/11/2016, dep.14/12/2016),  n. 25666

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE T

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. IACOBELLIS Marcello – Presidente –

Dott. MOCCI Mauro – Consigliere –

Dott. IOFRIDA Giulia – rel. Consigliere –

Dott. CRUCITTI Roberta – Consigliere –

Dott. CONTI Roberto Giovanni – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 13889-2015 proposto da:

C.P., elettivamente domiciliato in Roma, piazza Cavour

presso la Corte di Cassazione, rappresentato e difeso dall’avvocato

ANDREA GASPERINI come da procura a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

AGENZIA DELLE ENTRATE, (OMISSIS), in persona del legale

rappresentante Direttore pro tempore, elettivamente domiciliata IN

ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12, presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO

STATO, che la rappresenta e difende ope legis;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 2357/23/2014 della COMMISSIONE REGIONALE DELLA

TOSCANA SEZIONE DISTACCATA DI LIVORNO, del 26/05/2014 depositata il

03/12/2014;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio

24/11/2016 dal Consigliere Relatore Dott. GIULIA IOFRIDA.

Fatto

IN FATTO

C.G., propone ricorso per cassazione, affidato a tre motivi, nei confronti dell’Agenzia delle Entrate (che resiste con controricorso), avverso la sentenza della Commissione Tributaria Regionale della Toscana n. 2357/93/9014, depositata in data 3/12/2014, con la quale – in controversia concernente l’impugnazione di un avviso di accertamento emesso per maggiori irpef, addizionali regionali e comunali, IRAP ed IVA dovute in relazione all’anno d’imposta 2009, a seguito di rideterminazione in via analitico – induttiva del reddito d’impresa dichiarato, – e stata parzialmente riformata la decisione di primo grado, che aveva respinto ricorso del contribuente.

In particolare, i giudici d’appello, nell’accogliere in parte il gravame del contribuente, hanno sostenuto che, mentre erano fondati i motivi di impugnazione relativi alla mancata imputazione di quota del maggior reddito accertato al collaboratore familiare ed al disconoscimento di alcuni costi, fatturati da un bar al ristorante per somministrazione di caffè, dolci e pasticceria, costi effettivamente inerenti e documentati, con conseguente riduzione dell’accertato, nel resto, l’avviso di accertamento analitico-induttivo era legittimo, attese le “diverse e gravi irregolarità riscontrate dalla verifica contabile” che avevano “costretto a rideterminare i ricavi”.

A seguito di deposito di relazione ex art. 380 bis c.p.c., è stata fissata l’adunanza della Corte in camera di consiglio, con rituale comunicazione alle parti.

Si dà atto che il Collegio ha disposto la redazione della ordinanza con motivazione semplificata.

Diritto

IN DIRITTO

La ricorrente, avendo presentato, in data 8/11/2016, dichiarazione di adesione alla definizione agevolata di cui al D.L. n. 193 del 2016, con impegno a rinunciare ai giudizi relativi ai c.d. ruoli “rottamati”, ha depositato, nel novembre 2016, atto di rinuncia al ricorso.

Ne consegue l’estinzione del giudizio.

Tutte le peculiarità della vicenda processuale inducono a compensare integralmente tra parti le spese di lite.

PQM

La Corte dichiara estinto il giudizio. Compensa integralmente tra le parti le spese del presente giudizio di legittimità.

Così deciso in Roma, il 24 novembre 2016.

Depositato in Cancelleria il 14 dicembre 2016

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA