Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 25557 del 30/11/2011

Cassazione civile sez. III, 30/11/2011, (ud. 27/09/2011, dep. 30/11/2011), n.25557

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. FILADORO Camillo – Presidente –

Dott. UCCELLA Fulvio – rel. Consigliere –

Dott. CHIARINI Maria Margherita – Consigliere –

Dott. GIACALONE Giovanni – Consigliere –

Dott. CARLUCCIO Giuseppa – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso 19090/2009 proposto da:

UNITA’ SANITARIA LOCALE N. (OMISSIS) REGIONE CAMPANIA in persona

del

Comissario Straordinario Dott.ssa F.M.G.,

elettivamente domiciliato in ROMA, VIA FLAMINIA 318, presso lo studio

dell’avvocato CORAPI DIEGO, rappresentato e difeso dall’avvocato

TORTORANO Franco giusto mandato in atti;

– ricorrente –

contro

L.A., L.M., LI.MA., L.C.

M.R.;

– intimati –

avverso la sentenza n. 903/2009 della CORTE D’APPELLO di NAPOLI,

depositata il 12/03/2009 R.G.N. 1889/2003;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

27/09/2011 dal Consigliere Dott. FULVIO UCCELLA;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

SCARDACCIONE Eduardo Vittorio, che ha concluso con l’estinzione per

rinuncia.

Fatto

FATTO E DIRITTO

Ritenuto che la ricorrente Unità sanitaria locale n. (OMISSIS) della Regione Campania ha rinunciato al ricorso n. 19090/09, proposto avverso la sentenza della Corte di appello di Napoli del 12 marzo 2009 n. 903/09, con atto sottoscritto personalmente e dal difensore ed accettato dagli intimati;

ritenuto che il giudizio vada dichiarato estinto;

v. gli artt. 306, 390, 391 c.p.c..

P.Q.M.

La Corte dichiara estinto il giudizio per rinuncia; nulla spese.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 27 settembre 2011.

Depositato in Cancelleria il 30 novembre 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA