Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 25467 del 21/09/2021

Cassazione civile sez. trib., 21/09/2021, (ud. 24/06/2021, dep. 21/09/2021), n.25467

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MANZON Enrico – Presidente –

Dott. TRISCARI Giancarlo – Consigliere –

Dott. SUCCIO Robert – rel. Consigliere –

Dott. PUTATURO DONATI VISCIDO DI NOCERA Maria G. – Consigliere –

Dott. GORI Pierpaolo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso iscritto al n. 7678/2015 R.G. proposto da:

M.J. DI M.B. & FIGLIO s.n.c. in

persona del suo legale rappresentante pro tempore rappresentata e

difesa giusta delega in atti dall’avv. Remo Montone e con domicilio

eletto in Roma presso il ridetto difensore nel suo studio alla via

Benozzo Gozzoli n. 60;

– ricorrente –

contro

AGENZIA DELLE ENTRATE, in persona del Direttore pro tempore,

rappresentata e difesa dall’Avvocatura Generale dello Stato, con

domicilio in Roma, via Dei Portoghesi, n. 12, presso l’Avvocatura

Generale dello Stato;

– controricorrente –

avverso la sentenza della Commissione Tributaria Regionale della

Lombardia n. 5123/29/14 depositata in data 08/08/2014, non

notificata;

Udita la relazione della causa svolta nell’adunanza camerale del

24/06/2021 dal Consigliere Roberto Succio.

 

Fatto

RILEVATO

che:

– con la sentenza impugnata la CTR accogliendo l’appello dell’Ufficio riformava la sentenza di primo grado, che aveva accolto il ricorso della società contribuente avverso il silenzio-rifiuto formatosi a fronte dell’istanza di autotutela relativa alla mancata definizione di un accertamento con adesione relativo ad iva per l’anno di imposta 1991; sulla debenza di tal tributo si era formato il giudicato a seguito della sentenza della CTP che aveva rigettato il ricorso proposto avverso la cartella di pagamento a suo tempo emessa;

– ricorre a questa Corte la società con atto affidato a un solo motivo;

l’Agenzia delle Entrate resiste con controricorso.

Diritto

CONSIDERATO

che:

– va preliminarmente presa in esame l’eccezione di inammissibilità proposta in controricorso relativa all’avvenuta cessazione della società ricorrente per incorporazione nella IMONT s.r.l. e conseguente cancellazione da registro imprese sin dal 18 febbraio 2010, ben cinque anni prima il conferimento della procura speciale a margine del ricorso per cassazione;

– la stessa è fondata;

– si evince infatti dalla visura camerale storica in atti il fatto di cui all’eccezione; esso è quindi documentalmente provato;

– sul punto, questa Corte ritiene (Cass. Sez. 6 – 3, Ordinanza n. 12603 del 22/05/2018) che il ricorso per cassazione proposto dall’ex rappresentante di società (nella specie, in nome collettivo) cancellata dal registro delle imprese è inammissibile, sia per le peculiarità della operatività del mandato nel giudizio di legittimità, sia per la necessità che il relativo conferimento provenga da un soggetto esistente e capace di stare in giudizio; ne consegue la condanna alle spese, in proprio, del detto rappresentante il quale, spendendo tale qualità con riferimento a soggetto non più esistente, ha conferito il mandato all’avvocato, essendosi questi limitato ad autenticare la relativa sottoscrizione;

– quanto alle spese, ritiene il Collegio che (Cass. Sez. L, Ordinanza n. 1392 del 22/01/2020) dal momento che per la proposizione del ricorso alla Corte di Legittimità occorre la procura speciale, non può valere l’ultrattività di procure in precedenza rilasciate e nemmeno può esserne rilasciata una nuova, stante la necessità che il relativo conferimento provenga da un soggetto esistente e capace di stare in giudizio; ne consegue la condanna alle spese in proprio del detto ex-rappresentante;

– in conclusione, pertanto, va dichiarata l’inammissibilità dell’impugnazione e la condanna alla rifusione delle spese è posta in capo al M.B., già legale rappresentate della società cancellata.

PQM

dichiara inammissibile il ricorso per cassazione della società; liquida le spese in Euro 7.000,00 oltre a spese prenotate a debito che pone a carico del suo ex-legale rappresentante M.B..

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1-quater, dà atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento, da parte del ricorrente principale, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari quello dovuto per il ricorso principale a norma dello stesso art. 13, comma 1-bis, se dovuto.

Così deciso in Roma, il 24 giugno 2021.

Depositato in Cancelleria il 21 settembre 2021

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA