Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 25462 del 26/10/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. lav., 26/10/2017, (ud. 12/10/2016, dep.26/10/2017),  n. 25462

 

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. VENUTI Pietro – Presidente –

Dott. DE GREGORIO Eduardo – Consigliere –

Dott. LORITO Matilde – Consigliere –

Dott. LEO Giuseppina – rel. Consigliere –

Dott. BOGHETICH Elena – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 20169-2011 proposto da:

ADECCO ITALIA S.P.A., (già Adecco Società di fornitura di lavoro

temporaneo S.p.A.) C.F. (OMISSIS), in persona del legale

rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA

L.G. FARAVELLI 22, presso lo studio dell’avvocato ROBERTO ROMEI, che

la rappresenta e difende unitamente agli avvocati MARIA ELISABETTA

CASSANETI, LUCA FAILLA, giusta delega in atti;

– ricorrente –

contro

R.L., c.f. (OMISSIS), elettivamente domiciliata in ROMA,

VIA DEI GRACCHI N.39, presso lo studio dell’avvocato EMANUELE SPATA,

che la rappresenta e difende, giusta delega in atti;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 749/2009 della CORTE D’APPELLO di VENEZIA,

depositata il 10/08/2010 R.G.N. 277/2007;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

12/10/2016 dal Consigliere Dott. GIUSEPPINA LEO;

udito l’Avvocato ROMEI ROBERTO;

udito l’Avvocato GIANSANTE FRANCESCA per delega Avvocato SPATA

EMANUELE;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

MATERA Marcello, che ha concluso per il rigetto del ricorso.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

La Corte territoriale di Venezia, con sentenza pubblicata il 10/8/2010, respingeva l’appello interposto dalla Adecco Italia S.p.A. avverso la sentenza del Tribunale di Padova che aveva dichiarato che la predetta società era tenuta a corrispondere a R.L. la somma di Euro 29.427,58 per l’indennità maturata dalla data di fine rapporto sino al 31/7/2005, oltre accessori di legge, conseguente alla nullità della clausola relativa al patto di non concorrenza.

Per la cassazione della sentenza ha proposto ricorso la Adecco Italia S.p.A. sulla base di sei motivi.

La R. ha resistito con controricorso.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

1. Con il primo motivo la società ricorrente denuncia, in riferimento all’art. 360 c.p.c., comma 1, nn. 3 e 5, la omessa, insufficiente e contraddittoria motivazione circa fatti decisivi per il giudizio; la violazione e falsa applicazione degli artt. 1331 e 1373 c.c., lamentando che la Corte territoriale abbia sancito la nullità dell’opzione annessa al patto di non concorrenza sottoscritto dalla R., erroneamente qualificando l’opzione come recesso unilaterale e senza considerare che l’opzione determina la nascita, in capo all’opzionario, di un diritto che, solo se esercitato, conclude automaticamente il contratto. Per la qual cosa, a parere della ricorrente, il mancato esercizio dell’opzione da parte di Adecco ha reso privo di efficacia il patto di non concorrenza sottoscritto dalla R., la quale era a conoscenza del fatto che la società non avesse esercitato il diritto di opzione.

2. Con il secondo motivo la società ricorrente si duole, in riferimento all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 5, della omessa, insufficiente e contraddittoria motivazione circa l’interpretazione delle clausole contrattuali. In particolare, deduce che la Corte di merito non ha in alcun modo statuito circa un punto decisivo della controversia, in quanto, pur rilevando che il primo giudice non avesse tenuto conto della corretta interpretazione delle clausole ai sensi degli artt. 1362 e 1363 e segg. c.c., non aveva indagato quale fosse stata la comune intenzione delle parti anche alla luce del comportamento tenuto anche posteriormente alla conclusione del contratto.

3. Con il terzo motivo si censura, in riferimento all’art. 360 c.p.c., comma 1, nn. 3 e 5, la violazione e falsa applicazione dell’art. 112 c.p.c. e art. 1331 c.c., nonchè la omessa e contraddittoria pronuncia circa il termine per esercitare l’opzione, affermando, al riguardo, semplicemente che “l’attribuzione al datore di lavoro del potere di caducare un patto di non concorrenza renderebbe scompensato il rapporto a favore dello stesso indipendentemente dal momento in cui tale potere venga esercitato, cioè prima o dopo la conclusione del rapporto di lavoro tra le parti, e a prescindere dal termine concesso per esprimere tale potere.

4. Con il quarto mezzo di impugnazione si lamenta, in riferimento all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 5, la omessa, insufficiente e contraddittoria motivazione circa la validità della rinuncia all’opzione effettuata in costanza di rapporto, avendo la Corte territoriale totalmente omesso di considerare un fatto che era, appunto, decisivo per valutare la validità della rinuncia all’opzione effettuata da Adecco.

5. Con il quinto mezzo di impugnazione la società ricorrente deduce, in riferimento all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3, la violazione e falsa applicazione dell’art. 1463 c.c. in relazione alla risoluzione di diritto del patto di non concorrenza, non potendosi sostenere – come si legge nella sentenza oggetto del giudizio di legittimità – che “la disciplina di cui alla L. n. 196 del 1997 e la disciplina di cui al D.Lgs. n. 276 del 2003 in materia di somministrazione non hanno alcuna sostanziale differenza, per quanto riguarda l’attività imprenditoriale, trattandosi sempre della fornitura ad un utilizzatore di prestazioni di lavoro”. Al riguardo, la società ricorrente sottolinea che, successivamente all’entrata in vigore del D.Lgs. n. 276 del 2003, l’oggetto sociale della stessa è notevolmente mutato e, dunque, il patto di non concorrenza di cui si tratta non poteva, pena la nullità dell’intero patto, estendersi ad attività ulteriori e diverse rispetto a quelle ivi riportate.

6. Con il sesto motivo si censura, in riferimento all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3, la violazione dell’art. 1419 c.c., comma 1, e si sottolinea che la Corte distrettuale avrebbe dovuto ritenere nullo l’intero patto di non concorrenza, dovendo considerarsi essenziale la clausola che prevedeva la possibilità di non esercitare l’opzione appunto ai sensi dell’art. 1419 cit..

7. I mezzi di impugnazione – da trattare congiuntamente perchè, all’evidenza, connessi – sono fondati.

Invero, è da premettere che la Corte distrettuale, per pervenire alla decisione oggetto del presente giudizio, fa riferimento ad un precedente della Corte di legittimità non conferente, perchè in esso si controverte della legittimità o meno dell’apposizione di una clausola di recesso unilaterale all’interno di un patto di non concorrenza già perfezionato e, muovendo da tale equivoco, qualifica l’opzione come recesso unilaterale.

Orbene, come è noto – e come correttamente sottolineato dalla parte ricorrente – l’opzione determina la nascita di un diritto a favore dell’opzionario che conclude automaticamente il contratto, soltanto nel caso in cui venga esercitata. Si tratta, quindi, di un diritto potestativo, poichè ad esso corrisponde, dal lato passivo, una posizione di soggezione, dato che, ad esclusi va iniziativa dell’opzionario, il concedente può subire la conclusione del contratto finale. Lo schema di perfezionamento non è quello della proposta-accettazione, ma quello del contratto preparatorio di opzione, seguito dall’esercizio del suddetto diritto, mediante una dichiarazione unilaterale recettizia entro un termine fissato nel contratto stesso o, in mancanza, dal giudice. E, dunque, scaduto tale termine, l’opzione viene meno, trattandosi di un termine di efficacia di un contratto e non di irrevocabilità della proposta.

E, nella fattispecie, è da sottolineare che il mancato esercizio dell’opzione da parte di Adecco Italia S.p.A. ha reso inefficace il patto di non concorrenza sottoscritto dalla R., la quale era perfettamente a conoscenza del fatto che la società non avesse esercitato l’opzione.

Non può quindi configurarsi nel caso di cui si tratta una ipotesi di recesso dal contratto ai sensi dell’art. 1373 c.c., come, invece, reputato dalla Corte di merito, anche in considerazione del fatto che il patto di non concorrenza, nella specie, non era ancora perfezionato. E la R. aveva, infatti, concesso ad Adecco, per la formazione professionale ricevuta, un’opzione irrevocabile al rispetto del patto di non concorrenza, da esercitare entro trenta giorni dalla cessazione del rapporto di lavoro.

E’ dunque errata la decisione impugnata, non avendo peraltro la Corte di merito posto l’accento sulla valutazione della comune intenzione delle parti o sulla considerazione del comportamento dalle stesse tenute anche successivamente alla conclusione del contratto.

Per tutto quanto precede, il ricorso va pertanto accolto e, non essendo necessari ulteriori accertamenti di fatto, la causa va decisa nel merito ai sensi del disposto dell’art. 384 c.p.c., con il rigetto delle domande originariamente proposte dalla lavoratrice.

Le spese dell’intero processo, in considerazione dell’accoglimento delle domande nei pregressi giudizi di merito, vanno interamente compensate tra le parti.

PQM

La Corte accoglie il ricorso; cassa la sentenza impugnata e, decidendo nel merito, rigetta la domanda proposta da R.L.. Compensa tra le parti le spese dell’intero processo.

Così deciso in Roma, il 12 ottobre 2016.

Depositato in Cancelleria il 26 ottobre 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA