Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 25422 del 12/10/2018



Cassazione civile sez. VI, 12/10/2018, (ud. 17/07/2018, dep. 12/10/2018), n.25422

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE T

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. IACOBELLIS Marcello – Presidente –

Dott. MOCCI Mauro – Consigliere –

Dott. CONTI Roberto Giovanni – rel. Consigliere –

Dott. LA TORRE Maria Enza – Consigliere –

Dott. DELLI PRISCOLI Lorenzo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 832-2017 proposto da:

AGENZIA DELLE ENTRATE, C.F. (OMISSIS), in persona del Direttore e

legale rappresentante pro tempore, domiciliata in ROMA, VIA DEI

PORTOGHESI 12, presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che la

rappresenta e difende ope legis;

– ricorrente –

contro

I.A., elettivamente domiciliato in ROMA piazza Cavour presso

la Cancelleria della Corte di Cassazione, rappresentato e difeso

dagli avvocati PIERO SABELLINI, e PIETRO LATINO;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 2062/34/2016 della COMMISSIONE TRIBUTARLA

REGIONALE DI PLERMO SEZIONE DISTACCATA di CATANIA, depositata il

25/05/2016;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 17/07/2018 dal Consigliere Dott. ROBERTO GIOVANNI

CONTI.

Fatto

FATTI E SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

L’Agenzia delle entrate ha proposto ricorso per cassazione, affidato a tre motivi, contro I.A., che resiste con controricorso, avverso la sentenza della CTR della Sicilia, con la quale, confermando la sentenza di primo grado, è stato accolto il ricorso proposto dalla contribuente avverso il provvedimento di silenzio rifiuto opposto dall’Amministrazione sull’istanza di rimborso del 90% dell’IRPEF, corrisposta per gli anni 1990, 1991, 1992 mediante le ritenute effettuate e versate all’Amministrazione finanziaria dal datore di lavoro-sostituto di imposta, istanza presentata dal lavoratore-sostituito in adesione alla disposizione sul condono previste dalla L. n. 289 del 2002, art. 9, comma 17, in data 28.1.2008.

La ricorrente prospetta, con il primo motivo, la violazione della L. n. 289 del 2002, art. 9, comma 17 nonchè degli artt. 11 e 14 preleggi, L. n. 212 del 2002, art. 3, comma 1, D.Lgs. n. 472 del 1997, art. 3, comma 3 e art. 2033 c.c., deducendo l’erroneità dei principi espressi da questa Corte con la sentenza n. 20641/2007, nella parte in cui aveva esteso il beneficio del condono ai soggetti interessati dal sisma del 1990 che avevano già corrisposto il proprio debito tributario, interpretando in modo errato la L. n. 289 del 2002, art. 9, comma 17 introdotto a favore esclusivo dei contribuenti che non avevano ancora versato le imposte dovute alla data di entrata in vigore della disposizione condoniale.

Il motivo è manifestamente infondato.

La giurisprudenza di questa Corte si è ormai consolidata nel senso che in tema di condono fiscale e con riferimento alla definizione automatica della posizione fiscale relativa agli anni 1990, 1991 e 1992, prevista dalla L. n. 289 del 2002, art. 9,comma 17, a favore dei soggetti colpiti dal sisma del 13 e 16 dicembre 1990 che ha interessato le province di Catania, Ragusa e Siracusa, essa può avvenire con due modalità: in favore di chi non ha ancora pagato, mediante il pagamento solo del 10 per cento del dovuto da effettuarsi entro il 16 marzo 2003; in favore di chi ha già pagato, attraverso il rimborso del 90 per cento di quanto versato al medesimo titolo. Ciò per effetto dell’intervento normativo citato, cui va riconosciuto il carattere di “ius superveniens” favorevole al contribuente, tale da rendere quanto già versato non dovuto “ex post” – Cass. n. 9577/2012 -.

Peraltro, la L. n. 190 del 2014, art. 1, comma 665 (Legge di stabilità 2015, vigente dal 1 gennaio 2015), da ultimo ha stabilito: “I soggetti colpiti dal sisma del 13 e 16 dicembre 1990, che ha interessato le province di Catania, Ragusa e Siracusa, individuati ai sensi dell’art. 3 dell’ordinanza del Ministro per il coordinamento della protezione civile 21 dicembre 1990, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 299 del 24 dicembre 1990, che hanno versato imposte per il triennio 1990-1992 per un importo superiore al 10 per cento previsto dalla L. 27 dicembre 2002, n. 289, art. 9, comma 17, e successive modificazioni, hanno diritto, con esclusione di quelli che svolgono attività d’impresa, per i quali l’applicazione dell’agevolazione è sospesa nelle more della verifica della compatibilità del beneficio con l’ordinamento dell’Unione Europea, al rimborso di quanto indebitamente versato, a condizione che abbiano presentato l’istanza di rimborso ai sensi del D.Lgs. 31 dicembre 1992, n. 546, art. 21, comma 2, e successive modificazioni. Il termine di due anni per la presentazione della suddetta istanza è calcolato a decorrere dalla data di entrata in vigore della L. 28 febbraio 2008, n. 31, di conversione del D.L. 31 dicembre 2007, n. 248…” Si tratta, all’evidenza, di una disposizione legislativa che ha normativizzato l’orientamento giurisprudenziale sopra ricordato – cfr. Cass. n. 15027/2017 -. Ne consegue il rigetto della censura.

Il secondo motivo, con il quale si prospetta la violazione della L. n. 289 del 2002, art. 9, comma 17 e della L. n. 190 del 2014, art. 1, comma 665 nonchè degli artt. 12 e 14 preleggi e dell’art. 112 c.p.c. è anch’esso infondato.

La censura intende riproporre all’attenzione di questa Corte la questione relativa alla legittimazione – titolarità attiva del sostituito a pretendere il rimborso di quanto versato dal sostituto datore di lavoro in dipendenza della L. n. 289 del 2002, art. 9, comma 17.

Ed invero, questa Corte, esaminando specificamente la tematica prospettata dall’Agenzia volta a sostenere che il sostituto d’imposta non sarebbe legittimato a richiedere il rimborso delle imposte versate per il triennio 1990/1992 alla stregua dell’art. 9, comma 17, L. cit. e della L. n. 190 del 2014, art. 1, comma 665 ha di recente ribadito che “in tema di agevolazioni tributarie, il rimborso d’imposta di cui alla L. n. 190 del 2014, art. 1, comma 665, a favore dei soggetti colpiti dal sisma siciliano del 13 e 16 dicembre 1990, può essere richiesto sia dal soggetto che ha effettuato il versamento (cd. sostituto d’imposta) sia dal percipiente delle somme assoggettate a ritenuta (cd. “sostituito”) nella sua qualità di lavoratore dipendente” (Cass. nn. 14406/2016, 18905/2016, Cass. n. 15027/2017, Cass. n. 17472/2017).

Va poi aggiunto che la legittimazione del sostituito d’imposta ha trovato conferma nel D.L. n. 91 del 2017, art. 16-octiesconv. L. n. 123 del 2017, che ha testualmente incluso nel perimetro di godimento del beneficio L. n. 190 del 2014, ex art. 1, comma 665, “i titolari di redditi di lavoro dipendente nonchè i titolari di redditi equiparati e assimilati a quelli di lavoro dipendente in relazione alle ritenute subite”; il limite introdotto dalla norma sopravvenuta laddove autorizza il rimborso fino a concorrenza dell’apposito stanziamento con riduzione del 50% in ipotesi di eccedenza delle richieste non incide sul titolo della ripetizione, ma unicamente sull’esecuzione dello stesso, delineandosi come un posterius rispetto all’odierno giudizio.

La sentenza impugnata, pertanto, non ha errato nel riconoscere il rimborso al sostituito d’imposta interessato dal sisma del 13.12.1990 che, risultando incontestato il versamento del tributo IRPEF da parte del sostituto, ne aveva fatto richiesta.

Con il terzo motivo l’Agenzia prospetta la violazione della L. n. 289 del 2002, art. 9, comma 17 e del D.Lgs. n. 546 del 1992, art. 21, comma 2 nonchè della L. n. 665 del 2014, art. 1, degli artt. 12 e 14 preleggi e dell’art. 112 c.p.c.. Viene dedotta la tardività dell’istanza di rimborso presentata il 28.1. 2008, applicandosi il termine biennale decorrente dalla data di entrata in vigore della L. n. 289 del 2002 – coincidente con l’1 gennaio 2003 -.

La censura è infondata.

Ed invero, la L. n. 190 del 2014, art. 1, comma 665 (Legge di stabilità 2015, vigente dal 1 gennaio 2015), infatti, da ultimo ha stabilito: “I soggetti colpiti dal sisma del 13 e 16 dicembre 1990, che ha interessato le province di Catania, Ragusa e Siracusa, individuati ai sensi dell’art. 3 dell’ordinanza del Ministro per il coordinamento della protezione civile 21 dicembre 1990, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 299 del 24 dicembre 1990, che hanno versato imposte per il triennio 1990-1992 per un importo superiore al 10 per cento previsto dalla L. 27 dicembre 2002, n. 289, art. 9, comma 17, e successive modificazioni, hanno diritto, con esclusione di quelli che svolgono attività d’impresa, per i quali l’applicazione dell’agevolazione è sospesa nelle more della verifica della compatibilità del beneficio con l’ordinamento dell’Unione Europea, al rimborso di quanto indebitamente versato, a condizione che abbiano presentato l’istanza di rimborso ai sensi del D.Lgs. 31 dicembre 1992, n. 546, art. 21, comma 2, e successive modificazioni. Il termine di due anni per la presentazione della suddetta istanza è calcolato a decorrere dalla data di entrata in vigore della L. 28 febbraio 2008, n. 31, di conversione del D.L. 31 dicembre 2007, n. 248…”. In tal modo non solo è stata recepita in sede legislativa la possibilità per i contribuenti di accedere alla sanatoria mediante istanza di rimborso, come elaborata dalla giurisprudenza, con esclusione dei soli soggetti che svolgono attività di impresa – circostanza che non ricorre nel caso in esame -, ma è stato altresì risolto, per quel che qui rileva specificamente, un contrasto esistente in giurisprudenza in merito alla decorrenza del termine per la domanda di rimborso, collocandolo all’1.03.2008 – cfr. Cass. n. 15027/2017 -.

La censura sul punto esposta dall’Agenzia è quindi infondata in relazione all’epoca dell’istanza di rimborso presentata il 28.1.2008 e, dunque, pienamente in termini rispetto al tessuto normativo applicabile.

Il ricorso va quindi rigettato. Le spese seguono la soccombenza.

PQM

Rigetta il ricorso.

Condanna l’Agenzia delle entrate al pagamento delle spese processuali che liquida in favore della parte controricorrente liquidandole in Euro 1200,00 per compensi, oltre spese generali nella misura del 15% dei compensi.

Così deciso in Roma, il 17 luglio 2018.

Depositato in Cancelleria il 12 ottobre 2018

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA