Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 25416 del 12/12/2016


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 12/12/2016, (ud. 26/09/2016, dep.12/12/2016),  n. 25416

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. RAGONESI Vittorio – Presidente –

Dott. CRISTIANO Magda – rel. Consigliere –

Dott. BISOGNI Giacinto – Consigliere –

Dott. DE CHIARA Carlo – Consigliere –

Dott. ACIERNO Maria – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 8625-2015 proposto da:

EQUITALIA SUD S.P.A., C.F. (OMISSIS), in persona del procuratore

speciale, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA SAN GIOVANNI IN

LATERANO 226-C, presso lo studio dell’avvocato BIANCA MARIA CASADEI,

rappresentata e difesa dall’avvocato MICHELA GABRIELLA NOCCO, giusta

procura in calce al ricorso;

– ricorrente –

contro

DISTILLERIA FUSCO S.R.L., DISTILLERIA (OMISSIS) S.R.L. IN CONCORDATO

FALLIMENTARE;

– intimate –

avverso il decreto del TRIBUNALE di FOGGIA, emesso il 18/11/2014 e

depositato il 19/11/2014;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

26/09/2016 dal Consigliere Relatore Dott. MAGDA CRISTIANO.

Fatto

FATTO E DIRITTO

E’ stata depositata la seguente relazione:

1) Equitalia Sud impugna con ricorso straordinario per cassazione il decreto 19.11.014 del Tribunale di Foggia che, accertato in premessa che nel termine stabilito dal giudice delegato L. Fall., ex art. 125 non era pervenuta alcuna dichiarazione di dissenso e che neppure erano state proposte opposizioni, ha omologato il concordato fallimentare proposto dalla fallita Distilleria (OMISSIS) s.r.l.

La ricorrente sostiene che l’accertamento risulterebbe viziato, in quanto la sua dichiarazione di dissenso, inviata tempestivamente, a mezzo PEC, al curatore, ma depositata tardivamente in cancelleria, doveva ritenersi pienamente valida, con la conseguenza che essa avrebbe dovuto ricevere comunicazione del provvedimento del G.D. contenente l’invito al proponente a richiedere l’omologazione e la fissazione del termine per proporre opposizione.

2) Il ricorso appare manifestamente infondato, atteso che la L. Fall., art. 125 prevede che l’eventuale manifestazione di dissenso deve pervenire in cancelleria; essa, dunque, contrariamente a quanto dedotto dalla ricorrente, non può ritenersi validamente espressa se indirizzata al curatore. Ne consegue che Equitalia non può che imputare a se stessa di non aver ricevuto ulteriori comunicazioni.

Si propone pertanto di rigettare il ricorso, con decisione che potrebbe essere assunta in camera di consiglio, ai sensi degli artt. 375 e 380 bis c.p.c..

Il collegio ha esaminato gli atti, ha letto la relazione e ne ha condiviso le conclusioni, peraltro non contrastate dalla ricorrente, che non ha depositato memoria.

Il ricorso deve pertanto essere respinto.

Non v’è luogo alla liquidazione delle spese in favore delle parti intimate, che non hanno svolto attività difensiva.

PQM

La Corte rigetta il ricorso.

Così deciso in Roma, il 26 settembre 2016.

Depositato in Cancelleria il 12 dicembre 2016

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA