Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 25406 del 12/10/2018

Cassazione civile sez. VI, 12/10/2018, (ud. 18/09/2018, dep. 12/10/2018), n.25406

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SCALDAFERRI Andrea – Presidente –

Dott. BISOGNI Giacinto – Consigliere –

Dott. DI MARZANO Francesco – Consigliere –

Dott. LAMORGESE Antonio – rel. Consigliere –

Dott. DOLMETTA Aldo Angelo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 26543-2017- proposto da:

A.M., elettivamente domiciliato in ROMA, PIAZZA CAVOUR,

presso la CANCELLERIA della CORTE di CASSAZIONE rappresentato e

difeso dall’avvocato ANTONIO FRATERNALE;

– ricorrente –

contro

MINISTRO DELL’INTERNO (OMISSIS);

– intimato –

avverso la sentenza n. 1482/2017 della CORTE D’APPELLO di ANCONA, del

17/05/2017;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 18/09/2018 dal Consigliere Relatore Dott. ANTONIO

PIETRO LAMORGESE.

Fatto

FATTI DI CAUSA

La Corte d’appello di Ancona, con sentenza del 10 ottobre 2017, ha dichiarato inammissibile l’appello di A.M., ritenendolo tardivamente proposto con atto di citazione depositato il 10 settembre 2016, cioè oltre il termine perentorio di trenta giorni (calcolando la sospensione feriale nel mese di agosto, trovando applicazione la disciplina vigente anteriormente all’entrata in vigore della L. n. 46 del 2017), poichè l’ordinanza impugnata – che aveva rigettato la sua domanda di riconoscimento della protezione internazionale – era stata comunicata l’8 luglio 2016.

I,a parte ha proposto ricorso per cassazione, notificato al Ministero dell’interno, che non ha svolto difese.

Diritto

RAGIONI DI FATTO

Con un unico motivo il ricorrente denuncia violazione e falsa applicazione del D.Lgs. n. 150 del 2011, art. 19, comma 9 e del D.Lgs. n. 142 del 2015, art. 27, per avere dichiarato inammissibile l’appello correttamente proposto con atto di citazione notificato nel termine previsto dalla legge di trenta giorni dalla comunicazione dell’ordinanza impugnata.

Il motivo è fondato, sebbene la premessa sulla quale si fonda la sentenza impugnata, che l’appello debba essere proposto con ricorso da depositare in cancelleria nel termine di legge, sia in contrasto con la giurisprudenza di questa Corte, secondo la quale l’impugnazione avverso) l’ordinanza reiettiva della protezione internazionale va proposta con atto di citazione e non con ricorso (tra le altre. Cass. n. 13815/2016, n. 26326/2014).

Il contraddittorio, infatti, dev’essere attivato con la notificazione della citazione nel termine di trenta giorni dalla comunicazione dell’ordinanza impugnata, come è avvenuto: la citazione è stata notificata il 7 settembre 2016, cioè tempestivamente se si considera che l’impugnata ordinanza era stata comunicata l’8 luglio 20116, non rilevando che la causa sia stata iscritta a ruolo il successivo 10 settembre 2016, tanto più che trova applicazione la disciplina previgente (poi modificata dal D.L. n. 13 del 2017, conv. in L. n. 46 del 2017) che in materia prevedeva la sospensione feriale dei termini.

In accoglimento del ricorso, la sentenza impugnata è cassata con rinvio alla Corte d’appello di Ancona, che dovrà pronunciare anche

sulle spese.

PQM

La Corte accoglie il ricorso e cassa la sentenza impugnata; rinvia alla Corte d’appello di Ancona anche per le spese del presente giudizio.

Così deciso in Roma, il 18 settembre 2018.

Depositato in Cancelleria il 12 ottobre 2018

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA