Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 25390 del 20/09/2021

Cassazione civile sez. I, 20/09/2021, (ud. 18/06/2021, dep. 20/09/2021), n.25390

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CAMPANILE Pietro – Presidente –

Dott. MARULLI Marco – Consigliere –

Dott. SCALIA Laura – Consigliere –

Dott. PAZZI Alberto – Consigliere –

Dott. RUSSO Rita – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 21585/2020 proposto da:

H.N., elettivamente domiciliato in Forlì Viale Matteotti

115, presso lo studio dell’avvocato Rosaria Tassinari, che lo

rappresenta e difende;

– ricorrente –

contro

MINISTERO DELL’INTERNO, ((OMISSIS)), in persona del Ministro pro

tempore;

– intimato –

avverso il decreto del TRIBUNALE di BOLOGNA, decisa il 15/06/2020

depositata il 24/06/2020;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

18/06/2021 dal Consigliere Dott. Rita RUSSO.

 

Fatto

RILEVATO

Che:

Il ricorrente, cittadino bengalese, ha presentato domanda di protezione internazionale. Respinta la richiesta dalla competente Commissione territoriale, il ricorrente ha adito il Tribunale che ha rigettato il ricorso.

Avverso il predetto decreto ha proposto ricorso per cassazione il richiedente asilo affidandosi a quattro motivi.

Il Ministero non costituito tempestivamente ha depositato istanza per la partecipazione all’eventuale discussione orale.

La causa è stata trattata all’udienza camerale non partecipata del 18 giugno 2021.

Diritto

RITENUTO

Che:

Preliminarmente sulla ammissibilità del ricorso.

Le norme in tema di procura speciale per il ricorso per cassazione per le materie regolate dal D.Lgs. n. 25 del 2008, art. 35 bis, comma 13 e dalle disposizioni di legge successive che ad esse rimandano, richiedono che la procura sia rilasciata in data posteriore alla comunicazione del decreto impugnato e che il difensore certifichi espressamente, anche solo con una unica sottoscrizione, sia la data della procura successiva alla comunicazione che l’autenticità della firma del ricorrente (Cass. s.u. 15177/2021).

Le sezioni unite hanno anche precisato che non occorre che il difensore operi due autonome attestazioni, l’una relativa all’autentica della firma e l’altra alla certificazione della data, ma è necessario che anche solo attraverso un’unica asseverazione il difensore dia espressamente conto, anche senza l’uso di formule sacramentali, del fatto che la procura indichi una data successiva alla comunicazione, occorrendo soltanto che risulti in modo esplicito che detto difensore abbia asseverato l’esistenza di una data di rilascio in epoca successiva alla comunicazione del provvedimento.

Nella fattispecie la procura, pur presentando il requisito della specifica asseverazione della data, difetta però della sua posterità rispetto alla data del decreto impugnato; nella procura si legge infatti che essa è conferita per impugnare il Decreto n. 4032 del 2020, emesso in data 24 giugno 2020 (e tale è in effetti la data di deposito del provvedimento impugnato) ma la data di rilascio espressamente asseverata dal difensore è “Forlì 21/06/2020”. La certificazione della data con specifica attestazione “per autentica data sottoscrizione” e ulteriore firma del difensore non consente a questa Corte di ritenere che essa sia stata rilasciata in data diversa.

Ne consegue la dichiarazione di inammissibilità del ricorso.

Nulla sulle spese in difetto di tempestiva costituzione del Ministero.

Sul versamento dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato previsto dal D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13, comma 1 quater, viene in applicazione il principio affermato sempre dalla sentenza delle sezioni unite sopra citata, secondo il quale in caso di declaratoria di inammissibilità del ricorso per cassazione conseguente alla mancata presenza, all’interno della procura speciale, della data o della certificazione del difensore della sua posteriorità rispetto alla comunicazione del provvedimento impugnato, va posto a carico della parte ricorrente e non del difensore, risultando la procura affetta da nullità e non da inesistenza. Nel caso di specie, pertanto, va disposto il pagamento del doppio contributo, se dovuto, a carico del ricorrente.

PQM

Dichiara inammissibile il ricorso.

Ai sensi del D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13 comma 1 quater, nel testo introdotto dal L. 24 dicembre 2012, n. 228, art. 1, comma 17, dà atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato, pari a quello, ove dovuto, per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio da remoto, il 18 giugno 2021.

Depositato in Cancelleria il 20 settembre 2021

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA