Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 25338 del 25/10/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. I, 25/10/2017, (ud. 12/07/2017, dep.25/10/2017),  n. 25338

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. NAPPI Aniello – Presidente –

Dott. MERCOLINO Guido – Consigliere –

Dott. NAZZICONE Loredana – rel. Consigliere –

Dott. DOLMETTA Aldo Angelo – Consigliere –

Dott. FRAULINI Paolo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 2325/2012 proposto da:

Cavirivest S.p.a. in liquidazione e in amministrazione straordinaria

in liquidazione, in persona dei commissari straordinari pro tempore,

elettivamente domiciliata in Roma, Piazza dell’Emporio n. 16/a,

presso lo studio dell’avvocato Guizzi Giuseppe, che la rappresenta e

difende unitamente all’avvocato Quojani Fabio, giusta procura a

margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

Banca Toscana S.p.a.;

– intimata –

avverso la sentenza n. 1149/2011 della CORTE D’APPELLO di VENEZIA,

depositata il 12/05/2011;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

12/07/2017 dal Cons. Dott. LOREDANA NAZZICONE.

Fatto

RILEVATO

– che con sentenza del 12 maggio 2011, la Corte d’appello di Venezia ha parzialmente riformato la sentenza del Tribunale, revocando le rimesse effettuate dalla Caririvest s.p.a. alla Banca Toscana s.p.a. per Euro 216.893,96, condannandola alla restituzione di detto importo, oltre interessi legali dalla domanda;

– che avverso questa sentenza ha proposto ricorso per cassazione la Cavirivest s.p.a. in amministrazione straordinaria, sulla base di tre motivi, mentre non ha svolto difese l’intimata;

– che la ricorrente ha depositato atto di rinuncia al ricorso.

Diritto

RITENUTO

– che, preso atto della rinuncia al ricorso, il giudizio va dichiarato estinto.

PQM

La Corte dichiara il giudizio estinto.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 12 luglio 2017.

Depositato in Cancelleria il 25 ottobre 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA