Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 25331 del 25/10/2017

Cassazione civile, sez. I, 25/10/2017, (ud. 23/06/2017, dep.25/10/2017),  n. 25331

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DI PALMA Salvatore – Presidente –

Dott. GENOVESE Francesco Antonio – Consigliere –

Dott. ACIERNO Maria – Consigliere –

Dott. MERCOLINO Guido – Consigliere –

Dott. DI MARZIO Paolo – rel. est. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso proposto da:

C.d.T.C., rappresentato e difeso dagli Avv.ti

Gianvincenzo Angelini De Miccolis e Gaetano Di Muro, come da mandato

in calce al ricorso, in cui ha pure dichiarato di eleggere domicilio

presso lo studio del secondo, alla via Imbriani n. 48 in Bari, e

presso lo studio dell’Avv. Pietro Troianiello, alla via della

Giuliana n. 58 in Roma;

– ricorrente –

contro

M.E.N., Ma.Ro. (amministratore di

sostegno di M.E.N.),

C.d.T.A.M., V.D. e V.G.;

– resistenti non costituiti –

avverso la sentenza n. 543 pronunciata dalla Corte d’Appello di Bari

il 20.3.2015, e depositata il 2 aprile 2015;

letta la requisitoria scritta fatta pervenire dal sostituto

Procuratore Generale Dott. Alberto Cardino, che ha domandato

rigettarsi il ricorso;

ascoltata la relazione svolta dal Consigliere Paolo Di Marzio.

La Corte osserva:

Fatto

FATTI DI CAUSA

con la sentenza impugnata, n. 364/2015, la Corte d’Appello di Bari ha rigettato l’impugnativa proposta dall’odierno ricorrente, ed ha pertanto confermato l’apertura dell’amministrazione di sostegno in favore di M.E.N., nonchè la nomina della persona dell’amministratore.

Avverso la decisione della Corte d’Appello di Bari, ha proposto ricorso per cassazione, affidato a quattro motivi, C.d.T.C.. Le controparti che hanno ricevuto notifica non si sono costituite.

Diritto

RAGIONI DELLA DECISIONE

La Corte non è in condizione di procedere all’esame del merito del ricorso.

Risulta, infatti, dalla decisione impugnata, che sono state parti del grado di giudizio celebrato innanzi alla Corte d’Appello di Bari, anche V.D. e V.G., cui però il ricorrente non risulta aver notificato l’atto introduttivo del giudizio di legittimità.

Occorre pertanto ordinare l’integrazione del contradditorio in loro favore, nel termine indicato in dispositivo.

Il ricorrente provvederà anche a documentare che l’Avv. Ma.Ro., cui ha notificato il ricorso quale amministratore di sostegno, effettivamente riveste la qualità.

PQM

La Corte dispone l’integrazione del contraddittorio nei confronti di V.D. e V.G., a cura del ricorrente, entro il termine di sessanta giorni dalla comunicazione della presente ordinanza.

Dispone il rinvio a nuovo ruolo del giudizio

Manda alla Cancelleria per gli adempimenti di sua competenza.

Dispone, ai sensi del D.Lgs. 30 giugno 2003, n. 196, art. 52, comma 5, che, in caso di riproduzione per la diffusione del presente provvedimento, le generalità e gli altri dati identificativi delle parti e dei soggetti menzionati siano omessi.

Così deciso in Roma, il 23 giugno 2017.

Depositato in Cancelleria il 25 ottobre 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA