Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 25299 del 25/10/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. trib., 25/10/2017, (ud. 05/10/2017, dep.25/10/2017),  n. 25299

 

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CHINDEMI Domenico – Presidente –

Dott. DE MASI Oronzo – Consigliere –

Dott. CARBONE Enrico – rel. Consigliere –

Dott. FASANO Annamaria – Consigliere –

Dott. GIORDANO Luigi – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso iscritto al n. 20316/2011 R.G. proposto da:

R.G., rappresentato e difeso dall’Avv. Giuseppa Siracusa,

domiciliato presso la cancelleria della Corte, per procura a margine

del ricorso;

– ricorrente –

contro

Agenzia delle Entrate, e Serit Sicilia s.p.a.;

– intimate –

avverso la sentenza della Commissione Tributaria Regionale della

Sicilia n. 92/2/10 depositata il 9 giugno 2010.

Udita la relazione svolta nella Camera di consiglio del 5 ottobre

2017 dal Consigliere Dott. Enrico Carbone.

Letta la memoria depositata dal ricorrente, che insiste per

l’accoglimento del ricorso.

Fatto

FATTO E DIRITTO

atteso che:

In ordine all’impugnazione della cartella di pagamento notificatagli quale erede di Ri.Gi. per il recupero di somme da questi dovute come ufficiale giudiziario, R.G. ricorre per cassazione con due motivi avverso la declinatoria di giurisdizione pronunciata dal giudice tributario d’appello.

Il primo motivo di ricorso denuncia come errata la declinatoria della giurisdizione tributaria, in quanto il debito dell’ufficiale giudiziario riveniente dal D.P.R. n. 1229 del 1959, artt. 154 e 155, avrebbe carattere tributario.

Le Sezioni Unite hanno chiarito che l’ufficiale giudiziario il quale ometta o ritardi di versare le somme dovute ai sensi degli artt. 154 e 155 ord. uff. giud. è soggetto alla giurisdizione della Corte dei conti, trattandosi di somme per le quali egli è depositario di pubblica pecunia (Cass., sez. un., 10 settembre 2004, n. 18259, Rv. 576968).

A norma dell’art. 374 c.p.c., comma 1, il precedente delle Sezioni Unite legittima questo Collegio a pronunciare sulla giurisdizione, confermando la declinatoria del giudice tributario; peraltro, deve correggersi la motivazione ex art. 384 c.p.c., comma 4, poichè il giudice d’appello ha declinato la giurisdizione tributaria per la natura penale del debito (peculato e truffa), anzichè per la natura contabile del rapporto (deposito di pubblica pecunia).

Il rigetto del primo motivo di ricorso determina l’inammissibilità del secondo, che lamenta omissione di pronuncia sulle eccezioni di merito della pretesa di recupero: la declinatoria di giurisdizione precludeva ogni accesso al merito.

– Il ricorso deve essere respinto; nulla sulle spese di questo giudizio, in difetto di costituzione delle intimate.

PQM

Rigetta il ricorso.

Così deciso in Roma, nell’adunanza camerale, il 5 ottobre 2017.

Depositato in Cancelleria il 25 ottobre 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA