Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 25286 del 11/10/2018

Cassazione civile sez. VI, 11/10/2018, (ud. 13/09/2018, dep. 11/10/2018), n.25286

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE T

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CIRILLO Ettore – Presidente –

Dott. MANZON Enrico – Consigliere –

Dott. NAPOLITANO Lucio – Consigliere –

Dott. LUCIOTTI Lucio – rel. Consigliere –

Dott. SOLAINI Luca – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso iscritto al n. 19307/2017 R.G. proposto da:

P.A., S.L., S.G.M.,

S.V.M., S.S., quali eredi di

S.G., rappresentati e difesi, giusta procura speciale in calce al

ricorso, dall’avv. Vincenzo PETRALIA, presso il cui studio legale

sito in Catania, alla via Verona, n. 62, sono elettivamente

domiciliati;

– ricorrenti –

contro

RISCOSSIONE SICILIA s.p.a., in persona del legale rappresentante pro

tempore, rappresentata e difesa, giusta procura speciale in calce al

controricorso, dall’avv. Sabrina LIPARI, presso il cui studio legale

sito in Trapani, alla via Livio Bassi, n. 137, è elettivamente

domiciliata;

– controricorrente –

e contro

AGENZIA DELLE ENTRATE, C.F. (OMISSIS), in persona del Direttore pro

tempore;

– intimata –

avverso la sentenza n. 28/13/2017 della Commissione tributaria

regionale della SICILIA, Sezione staccata di CATANIA, depositata in

data 11/01/2017;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio non

partecipata del 13/09/2018 dal Consigliere Lucio LUCIOTTI.

Fatto

FATTO E DIRITTO

La Corte:

– considerato che tra le varie questioni poste nel ricorso vi è anche quella del termine prescrizionale dei diritti camerali, in relazione alla quale non sussistono i presupposti per definire la causa ai sensi dell’art. 375 c.p.c., comma 1, nn. 1-5.

P.Q.M.

dispone la rimessione della causa alla pubblica udienza della Quinta Sezione civile di questa Corte.

Così deciso in Roma, il 13 settembre 2018.

Depositato in Cancelleria il 11 ottobre 2018

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA