Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 25283 del 11/10/2018

Cassazione civile sez. VI, 11/10/2018, (ud. 12/09/2018, dep. 11/10/2018), n.25283

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE T

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CIRILLO Ettore – Presidente –

Dott. MANZON Enrico – Consigliere –

Dott. NAPOLITANO Lucio – Consigliere –

Dott. LUCIOTTI Lucio – rel. Consigliere –

Dott. SOLAINI Luca – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso iscritto al n. 16301/2017 R.G. proposto da:

AGENZIA DELLE ENTRATE, C.F. (OMISSIS), in persona del Direttore pro

tempore, rappresentata e difesa dall’AVVOCATURA GENERALE DELLO

STATO, presso la quale è domiciliata in Roma, alla via dei

Portoghesi n. 12;

– ricorrente –

contro

D.M.S., rappresentata e difesa, per procura speciale in

calce al controricorso, dall’avv. Giuseppe MARINO presso il cui

studio legale, sito in Roma, alla via Ruffini, 2/a, è elettivamente

domiciliata;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 789/01/2016 della Commissione tributaria

regionale del MOLISE, depositata il 30/12/2016;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 12/09/2018 dal Consigliere Lucio LUCIOTTI.

Fatto

FATTO E DIRITTO

la Corte:

– premesso che il ricorso in esame propone la questione dell’iscrizione a ruolo nei confronti di socio accomandatario di una s.a.s. in violazione del “beneficium excussionis”;

– considerato che al riguardo la Quinta sezione civile di questa Corte con la sentenza n. 4959 del 27/02/2017, Rv. 643290, ponendosi in consapevole contrasto con la precedente giurisprudenza di legittimità, ha affermato il principio secondo cui “L’iscrizione a ruolo avvenuta in violazione del “beneficium excussionis”, conformando l’attività di riscossione, è illegittima e tale illegittimità, riguardando il presupposto indefettibile della predisposizione e della notificazione della cartella, si riverbera su quest’ultima quale vizio proprio della stessa”;

– osservato che la premessa da cui muove la Corte nello sviluppo argomentativo della citata sentenza, con riferimento alla limitata esperibilità da parte del contribuente delle opposizioni all’esecuzione ex D.P.R. n. 602 del 1973, art. 57,comma 1, lett. a) e b), è venuta meno a seguito del recente intervento del Giudice delle leggi, che con la sentenza n. 114 del 31/05/2018 ha dichiarato l’illegittimità costituzionale della lett. a) del comma 1 della citata disposizione nella parte in cui non prevede che, nelle controversie che riguardano gli atti dell’esecuzione forzata tributaria successivi alla notifica della cartella di pagamento o all’avviso di cui al predetto D.P.R., art. 50, sono ammesse le opposizioni regolate dall’art. 615 c.p.c.;

P.Q.M.

dispone la rimessione della causa alla pubblica udienza della Quinta sezione civile di questa Corte.

Così deciso in Roma, il 12 settembre 2018.

Depositato in Cancelleria il 11 ottobre 2018

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA