Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 25265 del 08/11/2013


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Civile Sent. Sez. 6 Num. 25265 Anno 2013
Presidente: CICALA MARIO
Relatore: CICALA MARIO

SENTENZA
sul ricorso 21236-2011 proposto da:
AGENZIA DEL TERRITORIO – DIREZIONE REGIONALE
CAMPANIA E BASILICATA – UFFICIO PROVINCIALE, in
persona del Direttore pro tempore,elettivamente domiciliata in
ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12, presso l’AVVOCATURA
GENERALE DELLO STATO, che la rappresenta e difende ope legis;
– ricorrente contro
DI NAPOLI MARIA ROSARIA;
– intimata –

Data pubblicazione: 08/11/2013

avverso la sentenza n. 155/29/2010 della COMMISSIONE
TRIBUTARIA REGIONALE di NAPOLI del 29/06/2010,
depositata il 16/06/2010;
udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del
25/09/2013 dal Presidente Relatore Dott. MARIO CICALA;

ha concluso per il rigetto del ricorso.

Ric. 2011 n. 21236 sez. MT – ud. 25-09-2013
-2-

è presente il P.G. in persona del Dott. RAFFAELE CENICCOLA che

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO E MOTIVI DELLA DECISIONE

L’Agenzia del Territorio ricorre per cassazione avverso la sentenza con cui la Commissione
Tributaria Regionale della Campania aveva rigettato l’appello dell’Ufficio avverso la sentenza
della Commissione Tributaria Provinciale di Napoli. La pronuncia di primo grado aveva accolto il
ricorso della contribuente avverso l’avviso di accertamento con cui 1′ Agenzia del Territorio,
sollecitata dal Comune di Napoli, aveva provveduto a variare il classamento di unità immobiliare
di pertinenza della contribuente.
La contribuente non si è costituita in giudizio.
L’Agenzia ha rinunciato al ricorso.
Pqm
La Corte dichiara estinto il giudizio.
Così deciso nella camera di consiglio della sesta sezione civile il giorno 25 settembre 2013
Il presid nte e relatore

Oggetto: classamento catastale- modifica- motivazione
Reg. Gen.2.125C/2011
RICORRENTE: Agenzia del Territorio
INTIMATO: Maria Rosaria Di Napoli

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA