Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 25230 del 09/10/2019

Cassazione civile sez. VI, 09/10/2019, (ud. 02/07/2019, dep. 09/10/2019), n.25230

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. GENOVESE Francesco Antonio – Presidente –

Dott. BISOGNI Giacinto – Consigliere –

Dott. ACIERNO Maria – Consigliere –

Dott. IOFRIDA Giulia – Consigliere –

Dott. NAZZICONE Loredana – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 30175-2017 proposto da:

FERIB 3000 SRL, in persona del legale rappresentante pro tempore,

elettivamente domiciliata in ROMA, CORSO TRIESTE N 87, presso lo

studio dell’avvocato PIER PAOLO LUCCHESE, rappresentato e difeso

dall’avvocato GIOVANNI SALONIA;

– ricorrente –

contro

FALLIMENTO (OMISSIS) SRL (n. 407/2014), in persona della Curatrice,

elettivamente domiciliato in ROMA, VIA VALADIER 36, presso lo studio

dell’avvocato FABIO QUOJANI, che lo rappresenta e difende;

– controricorrente –

avverso il decreto n. R.G. 23327/2015 del TRIBUNALE di ROMA,

depositato il 09/11/2017;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 02/07/2019 dal Consigliere Relatore Dott. LOREDANA

NAZZICONE.

Fatto

RILEVATO IN FATTO

– che è stato proposto ricorso, sulla base di un unico motivo, avverso il decreto del Tribunale di Roma n. 23327 del 9 novembre 2017, il quale ha respinto l’opposizione allo stato passivo promossa dall’odierna ricorrente, negando la natura privilegiata del credito dalla stessa vantato;

– che il Fallimento (OMISSIS) S.r.l. si difende con controricorso.

Diritto

RITENUTO IN DIRITTO

– che l’unico motivo del ricorso deduce la violazione e falsa applicazione della L. Fall., artt. 67,98 e 99, avendo il giudice di merito ritenuto erroneamente sussistente la consapevolezza dell’odierna ricorrente circa lo stato di crisi in cui versava la società debitrice poi fallita alla data in cui è stata concessa l’ipoteca volontaria, dichiarata dal tribunale inefficace; nonchè violazione e falsa applicazione dell’art. 132 c.p.c. e art. 118 disp. att. c.p.c., in ragione della mancanza, apparenza, illogicità e contraddittorietà della motivazione, avendo il giudice omesso di valutare i vari elementi addotti, dalla difesa della ricorrente, a riprova della sua inscentia decoctionii;

– che il ricorso è manifestamente infondato;

– che, secondo l’orientamento consolidato di questa Corte, la prova della sussistenza della consapevolezza circa lo stato d’insolvenza dell’imprenditore L. Fall., ex. art. 67 è raggiunta ogni volta che, al momento in cui è stato posto in essere l’atto revocabile, si siano verificate circostanze tali da far presumere ad una persona di ordinaria prudenza e avvedutezza che l’imprenditore si trovasse in una situazione di non normale esercizio dell’impresa: circostanza che può essere desunta anche da semplici indizi, aventi l’efficacia probatoria delle presunzioni semplici e, in quanto tali, soggetti a valutazione concreta da parte del giudice di merito, da compiersi in applicazione degli artt. 2727 e 2729 c.c. (Cass. 2557/2008);

– che una tale impostazione non equivale a negare la necessità che la conoscenza dello stato d’insolvenza da parte del terzo contraente sia effettiva e non meramente potenziale; ciò nonostante, la prova di tale effettiva conoscenza può essere raggiunta mediante il ricorso a presunzioni semplici; inoltre, è opportuno ribadire che “la scelta degli elementi che costituiscono la base della presunzione ed il giudizio logico con cui dagli stessi si deduce l’esistenza del fatto ignoto costituiscono un apprezzamento di fatto che, se adeguatamente motivato, sfugge al controllo di legittimità” (Cass. 20935/2005);

– che, nel caso di specie, il tribunale – con apprezzamento di merito non censurabile e compiutamente motivato – ha ritenuto che sussista la prova della consapevolezza che la società debitrice, all’epoca ancora in bonis, si trovasse in una situazione di non normale esercizio dell’impresa (risultanze pubbliche; mancato adempimento delle precedenti obbligazioni nei confronti della stessa odierna ricorrente);

– che, d’altronde, anche la circostanza – comunque non decisiva -addotta dalla società ricorrente, per cui vi sarebbe stata la prosecuzione dei rapporti di fornitura tra le due imprese successivamente all’iscrizione dell’ipoteca, è rimasta sfornita di prova innanzi al giudice del merito, secondo i poteri di accertamento esclusivi del medesimo;

– che alla stessa conclusione deve pervenirsi – mancanza di decisività e difetto di specificità del motivo – in relazione agli altri clementi probatori la cui valutazione si lamenta essere stata dal tribunale omessa (rapporti di fornitura intrattenuti dalla società fallita anche con altre imprese; importanti appalti in corso di esecuzione);

– che, dunque, il giudice di merito ha adeguatamente motivato il proprio convincimento circa la sussistenza, in capo all’odierna ricorrente, della stientia decoctionis, operando un puntuale riferimento agli elementi probatori raccolti;

– che la condanna alle spese segue la regola della soccombenza.

PQM

La Corte rigetta il ricorso; condanna il ricorrente al pagamento, in favore della parte costituita, di Euro 4.100 (di cui Euro 100 per esborsi), oltre alle spese forfetarie nella misura del 15% sul compenso ed agli accessori di legge.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1-quater, come modificato dalla L. n. 228 del 2012, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato, pari a quello dovuto per il ricorso principale, a norma del comma 1-bis dello stesso art. 13.

Così deciso in Roma, nella Camera di Consiglio, il 2 luglio 2019.

Depositato in Cancelleria il 9 ottobre 2019

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA