Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 25228 del 09/10/2019

Cassazione civile sez. VI, 09/10/2019, (ud. 25/06/2019, dep. 09/10/2019), n.25228

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DI VIRGILIO Rosa Maria – Presidente –

Dott. SCALDAFFERRI Andrea – Consigliere –

Dott. SAMBITO Maria Giovanna C. – Consigliere –

Dott. MARULLI Marco – Consigliere –

Dott. TERRUSI Francesco – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 21180-2018 proposto da:

T.B., elettivamente domiciliato in ROMA, PIAZZA CAVOUR presso

la CANCELLERIA della CORTE di CASSAZIONE, rappresentato e difeso

dall’avvocato LORENZO VALENTI;

– ricorrente –

contro

MINISTERO DELL’INTERNO COMMISSIONE TERRITORIALE PER IL RICONOSCIMENTO

DELLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE DI BOLOGNA SEZIONE FORLI’ CESENA

(OMISSIS);

– intimato –

avverso la sentenza n. 1303/2018 della CORTE D’APPELLO di BOLOGNA,

depositata il 17/05/2018;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 25/06/2019 dal Consigliere Relatore Dott. TERRUSI

FRANCESCO.

Fatto

RILEVATO

che:

la corte d’appello di Bologna ha respinto il gravame di T.B., di provenienza gambiana, avverso la decisione del tribunale che ne aveva a sua volta respinto la domanda di protezione internazionale e umanitaria;

premesso che l’appellante aveva dichiarato di aver lasciato il proprio paese perchè ingiustamente accusato della morte di un amico, la corte d’appello ha rilevato e ritenuto che la situazione generale del Gambia, al momento attuale e dopo la fine della dittatura del presidente J., non fosse caratterizzata dal rischio di arresto arbitrario e di trattamento carcerario inumano o degradante, nè da violenza indiscriminata in situazione di conflitto armato; che nella vicenda personale del richiedente non fosse ravvisabile un rischio di condanna a morte; che egli non poteva neppure essere ritenuto vulnerabile ai fini della domanda di protezione umanitaria, trattandosi di persona adulta, in buona salute, in grado di lavorare e con intatti legami familiari in Gambia;

contro la sentenza è ora proposto ricorso per cassazione in cinque motivi, tutti tesi a denunciare l’omessa, insufficiente e contraddittoria motivazione della sentenza, il quarto anche la violazione del D.Lgs. n. 251 del 2007, art. 14 in ordine alla protezione sussidiaria;

il ministero dell’Interno non ha svolto difese.

Diritto

CONSIDERATO

che:

il ricorrente denunzia nell’ordine: (i) l’omessa, insufficiente motivazione della sentenza in merito alle dichiarazioni ritenute scarsamente plausibile di esso richiedente; (ii) l’omessa, insufficiente motivazione della sentenza in relazione alla legge gambiana e ai rischi connessi al caso di carcerazione; (iii) l’omessa, insufficiente motivazione della sentenza in merito al riconoscimento dello status di rifugiato; (iv) l’omessa, insufficiente motivazione della sentenza in merito al riconoscimento della protezione sussidiaria; (v) l’omessa, insufficiente motivazione della sentenza sulla domanda di protezione umanitaria;

il ricorso è inammissibile perchè tutte le riferite censure omettono di specificare quali sarebbero i fatti storici asseritamente omessi da parte del giudice del merito (v. Cass. Sez. U n. 8053-14);

nella loro conseguente genericità, i motivi di ricorso si palesano formulati in termini di mera revisione del giudizio di fatto, a fronte di una sentenza motivata in modo completo ed esauriente su tutti i riferiti profili della protezione internazionale.

PQM

La Corte dichiara il ricorso inammissibile.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio, il 25 giugno 2019.

Depositato in cancelleria il 9 ottobre 2019

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA