Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 2521 del 29/01/2019

Cassazione civile sez. VI, 29/01/2019, (ud. 21/11/2018, dep. 29/01/2019), n.2521

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE T

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. IACOBELLIS Marcello – Presidente –

Dott. MOCCI Mauro – rel. Consigliere –

Dott. CONTI Roberto Giovanni – Consigliere –

Dott. DELLI PRISCOLI Lorenzo – Consigliere –

Dott. CAPOZZI Raffaele – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 11371-2017 proposto da:

M.F., elettivamente domiciliata in ROMA, PIAZZA CAVOUR,

presso la CORTE DI CASSAZIONE, rappresentata e difesa dall’avvocato

ANTONIO CORTESE;

– ricorrente –

contro

EQUITALIA SERVIZI DI RISCOSSIONE SPA;

– intimata –

avverso la sentenza n. 2938/2/2016 della COMMISSIONE TRIBUTARIA

REGIONALE della CALABRIA, depositata il 11/11/2016;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 21/11/2018 dal Consigliere Dott. MAURO MOCCI.

Fatto

RILEVATO:

che M.F. propone ricorso per cassazione nei confronti della sentenza della Commissione tributaria regionale della Calabria, che aveva respinto il suo appello ed accolto l’appello incidentale di Equitalia Servizi di Riscossione s.p.a. contro la decisione della Commissione tributaria provinciale di Cosenza. Quest’ultima, a sua volta, aveva respinto il ricorso della contribuente avverso un avviso di iscrizione ipotecaria IRPEF, per gli anni 1993-1995;

Diritto

CONSIDERATO:

che il ricorso è affidato a due motivi;

che, con il primo, la M. assume omesso esame di un fatto decisivo per il giudizio, già oggetto di discussione fra le parti, ai sensi dell’art. 360 c.p.c., n. 5, costituiti dalla falsità degli avvisi di ricevimento – prodotti dall’agente della riscossione in primo grado al fine di provare la notifica delle cartelle di pagamento come attestata dalla sentenza del Tribunale di Cosenza n. 1546/2015;

che, col secondo, il ricorrente lamenta violazione e falsa applicazione dell’art. 149 c.p.c., del D.P.R. n. 602 del 1973, art. 26, e del D.P.R. n. 600 del 1973, art. 60, ai sensi dell’art. 360 c.p.c., n. 3: la sentenza impugnata avrebbe erroneamente ritenuto compiuta la legale conoscenza delle cartelle di pagamento poste a base dell’iscrizione ipotecaria;

che l’intimata non si è costituita;

che il primo motivo è fondato, giacchè nonostante la ricorrente avesse effettivamente depositato nella cancelleria della CTR, prima dell’ultima udienza di trattazione, copia della sentenza n. 1546/2015 del Tribunale di Cosenza, ed avesse finanche evidenziato tale circostanza al Collegio, i giudici di secondo grado non ne hanno tenuto conto;

che, di conseguenza, la sentenza impugnata ha omesso di pronunziarsi in ordine all’eventuale falsità di alcuni degli avvisi di ricevimento, che pure aveva costituito oggetto della discussione fra le parti;

che il secondo motivo, quale conseguenza dell’accoglimento del primo, resta assorbito;

che, pertanto, in accoglimento del ricorso la sentenza va cassata ed il giudizio rinviato alla CTR Calabria, in diversa composizione, affinchè si attenga agli enunciati principi e si pronunzi anche con riguardo alle spese del giudizio di cassazione.

PQM

La Corte accoglie il ricorso, cassa la sentenza impugnata e rinvia alla Commissione Regionale della Calabria, in diversa composizione, cui demanda di provvedere anche sulle spese del giudizio di legittimità.

Così deciso in Roma, il 21 novembre 2018.

Depositato in Cancelleria il 29 gennaio 2019

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA