Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 25169 del 10/11/2020

Cassazione civile sez. VI, 10/11/2020, (ud. 01/10/2020, dep. 10/11/2020), n.25169

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 3

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SCODITTI Enrico – Presidente –

Dott. GRAZIOSI Chiara – Consigliere –

Dott. CIRILLO Francesco Maria – rel. Consigliere –

Dott. DELL’UTRI Marco – Consigliere –

Dott. PELLECCHIA Antonella – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso 33568-2018 proposto da:

M.S., elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DEL BABUINO

107, presso lo studio dell’avvocato S. & PARTNERS STUDIO,

rappresentata e difesa dagli avvocati GIACOMO QUAGLIARELLA e MARIO

GERUNDO;

– ricorrente –

Contro

BPER BANCA S.P.A. e per essa, quale mandataria, la BPER CREDIT

MANAGEMENT SCPA, in persona del legale rappresentante pro tempore,

elettivamente domiciliata in ROMA, VIA COLA DI RIENZO 149, presso lo

studio dell’avvocato ROCCO MACCARONE, che la rappresenta e difende

unitamente all’avvocato GIORGIO GIUSTI;

– controricorrente –

Contro

MA.LE.;

– intimato –

avverso la sentenza n. 4065/2018 della CORTE D’APPELLO di MILANO,

depositata il 11/09/2018;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 01/10/2020 dal Consigliere Relatore Dott. FRANCESCO

MARIA CIRILLO.

 

Fatto

RITENUTO

che con ricorso depositato il 28 settembre 2015 davanti al Tribunale di Modena, ai sensi dell’art. 702-bis c.p.c., la s.r.l. Avia Pervia convenne in giudizio i coniugi Ma.Le. e M.S., chiedendo che fossero dichiarati inefficaci nei suoi confronti, ai sensi dell’art. 2901 c.c., l’atto del (OMISSIS) col quale i convenuti avevano costituito un fondo patrimoniale conferendovi i beni di proprietà esclusiva del marito, nonchè l’atto del (OMISSIS) col quale il Ma. aveva svincolato uno degli immobili conferiti nel fondo e l’aveva trasferito alla M.;

che si costituirono in giudizio i convenuti, chiedendo il rigetto della domanda ed eccependo preliminarmente la prescrizione dell’azione revocatoria ai sensi dell’art. 2903 c.c.;

che, dichiarata l’incompetenza per territorio da parte del Tribunale adito, la causa fu riassunta davanti al Tribunale di Milano, il quale dichiarò prescritta l’azione revocatoria e condannò la società attrice al pagamento delle spese di lite;

che la pronuncia è stata impugnata dalla Banca popolare dell’Emilia-Romagna in qualità di successore e la Corte d’appello di Milano, con sentenza dell’11 settembre 2018, in riforma della decisione del Tribunale, ha dichiarato l’inefficacia, ai sensi dell’art. 2901 c.c., dei due atti suindicati, condannando i coniugi Ma. e M. al pagamento delle spese dei due gradi di giudizio; che contro la sentenza della Corte d’appello di Milano ricorre M.S. con atto affidato a due motivi;

che resiste la B.P.E.R. s.p.a. con controricorso;

che Ma.Le. non ha svolto attività difensiva in questa sede; che il ricorso è stato avviato alla trattazione in camera di consiglio, sussistendo le condizioni di cui agli artt. 375,376 e 380-bis c.p.c., e le parti hanno depositato memorie.

Diritto

CONSIDERATO

che il primo motivo di ricorso pone il delicato problema di individuare il momento in cui debba considerarsi interrotto il decorso della prescrizione dell’azione revocatoria ordinaria quando – come nel caso di specie – il giudizio sia stato introdotto con ricorso ai sensi dell’art. 702-bis c.p.c. anzichè con atto di citazione; che su tale questione appare opportuno che la Corte si pronunci a seguito di trattazione in pubblica udienza, ai sensi dell’art. 380-bis c.p.c., u.c..

P.Q.M.

La Corte dispone il rinvio della trattazione del ricorso alla pubblica udienza presso la Terza Sezione Civile.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio della Sesta Sezione Civile – 3, il 1 ottobre 2020.

Depositato in Cancelleria il 10 novembre 2020

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA