Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 25144 del 08/10/2019

Cassazione civile sez. II, 08/10/2019, (ud. 24/05/2019, dep. 08/10/2019), n.25144

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CAMPANILE Pietro – Presidente –

Dott. GIANNACCARI Rossana – Consigliere –

Dott. FORTUNATO Giuseppe – Consigliere –

Dott. CRISCUOLO Mauro – Consigliere –

Dott. OLIVA Stefano – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 20694/2015 proposto da:

NOSSARDI S.R.L., in persona del legale rappresentante pro tempore,

elettivamente domiciliata in ROMA, VIALE PARIOLI n. 55, presso lo

studio dell’avvocato GIOVANNI CARTA, rappresentato e difeso

dall’avvocato MARIA PAOLA PIRAS;

– ricorrente –

contro

METECNO S.P.A., in persona del legale rappresentante pro tempore,

elettivamente domiciliata in ROMA, C.SO VITTORIO EMANUELE II n. 269,

presso lo studio dell’avvocato ROMANO VACCARELLA, che lo rappresenta

e difende unitamente all’avvocato ROBERTO ALBERTAZZI;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 670/2015 della CORTE D’APPELLO di MILANO,

depositata il 17/03/2015;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

24/05/2019 dal Consigliere Dott. STEFANO OLIVA.

Fatto

FATTI DI CAUSA

Nossardi S.r.l. ha proposto ricorso per la cassazione della sentenza n. 670/2015 della Corte di Appello di Milano, con la quale è stato accolto l’appello interposto da Metecno S.p.a. avverso la sentenza n. 3007/2014 del Tribunale di Milano, che aveva accolto l’opposizione spiegata da Nossardi S.r.l. avverso il decreto ingiuntivo n. 16323/2009 emesso dal medesimo ufficio giudiziario su istanza ed in favore di Metecno S.p.a..

Nelle more del giudizio di cassazione la società ricorrente ha rinunciato al ricorso con atto notificato in via telematica in data 8.4.2019, riscontrato dalla società controricorrente con atto di accettazione a sua volta notificato con le medesime modalità in data 10.4.2019.

Entrambi gli atti sono stati depositati in cancelleria in data 7.5.2019.

Diritto

RAGIONI DELLA DECISIONE

A seguito della rinuncia, sussistono i presupposti per la dichiarazione di estinzione del giudizio di legittimità.

Nulla per le spese.

P.Q.M.

La Corte dichiara l’estinzione del giudizio di legittimità.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sezione Seconda Civile, il 24 maggio 2019.

Depositato in Cancelleria il 8 ottobre 2019

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA