Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 25135 del 08/10/2019

Cassazione civile sez. VI, 08/10/2019, (ud. 20/03/2019, dep. 08/10/2019), n.25135

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE L

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. ESPOSITO Lucia – Presidente –

Dott. RIVERSO Roberto – Consigliere –

Dott. SPENA Francesca – Consigliere –

Dott. CAVALLARO Luigi – Consigliere –

Dott. DE FELICE Alfonsina – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 12541-2018 proposto da:

SOCIETA’ TRASPORTI PUBBLICI BRINDISI SPA, in persona del legale

rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA

EMANUELE FILIBERTO N. 191, presso lo studio dell’avvocato PAOLA

ERSILIA CURSARO, rappresentata e difesa dall’avvocato CATALDO MOTTA;

– ricorrente –

contro

B.V., D.L.F., elettivamente domiciliati in ROMA,

VIA APPIANO 22, presso lo studio dell’avvocato LUIGI INFANTE,

rappresentati e difesi dall’avvocato ITALO MARIANO SIGNORE;

– controricorrenti –

e contro

– intimati –

avverso la sentenza n. 2726/2017 della CORTE D’APPELLO di LECCE,

depositata il 13/11/2017;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio non

partecipata del 20/03/2019 dal Consigliere Relatore Dott. ALFONSINA

DE FELICE.

Fatto

RILEVATO

che:

la Corte d’appello di Lecce ha confermato la sentenza del Tribunale di Brindisi, che aveva accolto la domanda avanzata da B.V. e L.F., autisti del servizio di linea addetti a percorsi superiori a 50 chilometri, proposta nei confronti della Società Trasporti pubblici di Terra d’Otranto s.p.a. per sentir condannare la stessa al pagamento delle somme a titolo di indennità sostitutiva dei mancati riposi giornalieri e settimanali non goduti;

la Corte territoriale, all’esito della CTU, ha riconosciuto in capo ai lavoratori un danno non patrimoniale da usura per i turni loro assegnati dalla STP Brindisi s.p.a. per un cospicuo arco temporale in violazione del diritto costituzionalmente protetto ai riposi (art. 36 Cost.), e dovuto alla mancata compensazione con un equivalente periodo di riposo continuo prima della fine della terza settimana successiva, come disposto dai Reg. CEE n. 3280 del 1985 e CE n. 561 del 2006;

data la maggiore penosità del lavoro dovuta alla durata della violazione, ha quantificato in via presuntiva il predetto danno sulla base della disciplina contrattuale prevista per il lavoro straordinario;

la cassazione della sentenza è domandata dalla Società Trasporti pubblici di Terra d’Otranto s.p.a. (ora Società Trasporti Pubblici Brindisi s.p.a.) sulla base di tre motivi illustrati da successiva memoria; B.V. e L.F. hanno resistito con controricorso;

è stata depositata proposta ai sensi dell’art. 380 – bis c.p.c., ritualmente comunicata alle parti unitamente al decreto di fissazione dell’adunanza in Camera di consiglio.

Diritto

CONSIDERATO

che:

il primo motivo, formulato ai sensi dell’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3, contesta “Violazione e falsa applicazione del Reg. CEE n. 561 del 2006, art. 8, par. 6 e violazione e falsa applicazione del Reg. CEE n. 3280 del 1985, art. 8, par. 1, 3, 8”; la Corte d’appello avrebbe erroneamente ritenuto infondato il motivo d’appello con cui l’odierna ricorrente aveva censurato la sentenza di prime cure che aveva escluso la fondatezza di un secondo conteggio del perito d’ufficio, ritenendo che l’ordinario riposo giornaliero già programmato non potesse compensare i riposi settimanali non fruiti;

il secondo motivo, formulato ai sensi dell’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3, deduce “Violazione dell’art. 2697 c.c. relativamente alla distribuzione dell’onere della prova”, avendo la Corte territoriale erroneamente ritenuto spettante in capo al datore l’onere di provare la concessione dei riposi e l’idoneità degli stessi, là dove i lavoratori si erano limitati a contestare la carenza di prova senza opporre fatti diversi, in particolare senza provare in primo grado le inadempienze della società con riferimento alla mancata concessione sia dei riposi ordinari, sia di quelli compensativi;

il terzo ed ultimo motivo, formulato ai sensi dell’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3, lamenta “Violazione o falsa applicazione di norme di diritto – artt. 1226 e 2727 e 2729 c.c. in relazione alla presunzione di esistenza del danno ed alla liquidazione equitativa dello stesso; il motivo si appunta sulla quantificazione equitativa del danno operata dalla Corte d’appello, contestandone la presuntività in relazione alla asserita maggiore penosità della prestazione resa dai lavoratori nella condizione data;

il primo e il secondo motivo, da esaminarsi congiuntamente per connessione, sono infondati poichè i giudici dell’appello, facendo corretta applicazione del principio di diritto secondo il quale grava sul datore di lavoro dimostrare la fruizione dei riposi compensativi, quali fatti impeditivi (in tal senso Cass. n. 14710 del 2015), hanno rilevato che, a fronte delle allegazioni da parte dei lavoratori circa i turni effettuati, la Società Trasporti Pubblici di Terra d’Otranto s.p.a. non ha dimostrato la fruizione dei predetti riposi compensativi;

il terzo motivo è infondato;

questa Corte, pronunciandosi su analoghi ricorsi proposti dalla Società Trasporti Pubblici di Terra d’Otranto s.p.a. (ora Società Trasporti Pubblici Brindisi s.p.a.) avverso sentenze della stessa Corte d’appello di Lecce, ha affermato il seguente principio di diritto: “La prestazione lavorativa, svolta in violazione della disciplina dei riposi giornalieri e settimanali (nella specie, la guida di autobus senza fruire di un riposo minimo di 11 ore giornaliere e un riposo settimanale di 45 ore consecutive) protrattasi per diversi anni, cagiona al lavoratore un danno da usura psico-fisica, di natura non patrimoniale e distinto da quello biologico, la cui esistenza è presunta nell'”an” in quanto lesione del diritto garantito dall’art. 36 Cost., mentre, ai fini della determinazione del “quantum”, occorre tenere conto della gravosità della prestazione e delle indicazioni della disciplina collettiva intesa a regolare il risarcimento “de qua”, da non confondere con la maggiorazione contrattualmente prevista per la coincidenza di giornate di festività con la giornata di riposo settimanale.”(Cass. n. 14710 del 2015; cfr. altresì Cass. nn. 25067, 25068, 25069 del 2015);

a tale principio la sentenza impugnata ha dato corretta attuazione, avendo ritenuto la fondatezza della domanda degli appellati sulla base delle loro allegazioni e avendo recepito gli esiti della CTU, accertando che la Società non aveva prodotto alcuna idonea documentazione dalla quale evincere la concessione di ore di riposo compensativo rivolta al recupero del mancato riposo entro la fine della terza settimana, in ottemperanza al disposto di cui al Reg. CEE n. 3280 del 1985, art. 8, comma 1;

in definitiva, il ricorso va rigettato; le spese, come liquidate in dispositivo, seguono la soccombenza;

in considerazione del rigetto del ricorso, sussistono i presupposti per il versamento, da parte della ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso. Condanna la ricorrente al rimborso delle spese del giudizio di legittimità nei confronti dei controricorrenti, che liquida in Euro 200 per esborsi, Euro 3.500,00 per compensi professionali, oltre spese generali nella misura forfetaria del 15 per cento e accessori di legge.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento da parte della ricorrente dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso a norma dello stesso art. 13, comma 1 – bis.

Così deciso in Roma, all’Adunanza camerale, il 20 marzo 2019.

Depositato in Cancelleria il 8 ottobre 2019

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA